Hobbisti, approvato in Commissione il progetto di legge che regolamenta i mercatini

Un provvedimento che, nel giro di cinque anni, punta a ripristinare la vera natura di questi mercati.

Profili“Gli hobbisti non possono vendere, barattare, proporre o esporre più di un oggetto con un prezzo superiore a 100 euro. Relativamente all’esposizione dei prezzi si applicano le disposizioni e le sanzioni del Decreto 114/1998: ciascun hobbista consegna al Comune, in occasione della vidimazione del tesserino, l’elenco completo dei beni che intende vendere, barattare, proporre o esporre e il relativo prezzo. La merce esposta, da inserire nell’elenco, non può superare il valore di 1.000 euro”. Sono alcune delle novità contenute nel progetto di legge finalizzato a regolamentare i mercatini degli hobbisti, approvato oggi a maggioranza dalla Commissione Politiche economiche, e che entro fine mese sarà votato dall’Aula.

La proposta di regolamentazione è all’interno di un provvedimento di modifica di due leggi regionali, la 12/1999 (Norme per la disciplina del commercio su aree pubbliche) e la 21/1984 (Disciplina dell’applicazione della sanzioni amministrative).

Nella prima modifica vengono regolamentati i cosiddetti mercatini degli hobbisti (art. 5 e 6) che hanno trovato crescente diffusione negli ultimi anni, venendo ad incidere sul sistema del commercio nelle aree pubbliche. I mercatini saranno organizzati dai Comuni, che ne possono affidare a terzi la gestione, così come avviene anche per le fiere e per i mercati. Nella nuova disciplina, i Comuni devono prevedere che la partecipazione degli hobbisti avvenga con criteri di rotazione e senza il riconoscimento di priorità ottenute per la presenza ad edizioni precedenti. I Comuni sono tenuti a redigere un elenco dei partecipanti a ciascuna manifestazione, da inviare annualmente alla Regione. Per prendervi parte, gli hobbisti devono richiedere al proprio Comune di residenza, previo pagamento di 200 euro, un tesserino che consente la partecipazione a dieci manifestazioni all’anno, per un massimo di due anni nell’arco di ogni quinquennio. Nel provvedimento vengono inoltre stabilite le caratteristiche del tesserino identificativo e le modalità di presentazione dell’istanza per l’ottenimento del medesimo (ogni nucleo di residenti nella medesima unità immobiliare può ottenere il rilascio di un unico tesserino).

Il testo stabilisce, inoltre, le sanzioni, che vanno da 250 a 1.500 euro, e si applicano nei seguenti casi: assenza del titolare del tesserino identificativo, o mancata esposizione del tesserino al pubblico o agli organi preposti alla vigilanza; mancata consegna al Comune, in occasione della vidimazione del tesserino, dell’elenco dei beni oggetto di vendita, ovvero accertata incompletezza o non veridicità dell’elenco; vendita, baratto, proposta o esposizione di più di un oggetto con un prezzo superiore a 100 euro.

Per quanto riguarda le norme per la disciplina del commercio su aree pubbliche, in particolare le concessioni dei posteggi, il progetto di legge prevede che “nei mercati ogni autorizzazione riguarda un singolo posteggio per ogni singolo giorno. Nei mercati con strutture fisse e nelle fiere l’autorizzazione riguarda tutti i giorni in cui esercita l’attività. Un medesimo soggetto giuridico non può essere titolare o possessore di più di due concessioni nell’ambito del medesimo settore merceologico alimentare e non alimentare nel caso di aree mercatali con un numero complessivo di posteggi inferiore o pari a cento, ovvero di tre concessioni nel caso di aree con numero di posteggi superiore a cento”.

Infine, le modifiche alla legge regionale 21/1984 prevedono, in un ottica di semplificazione, l’introduzione dell’istituto della diffida amministrativa, strumento particolarmente utile per gli operatori di polizia locale e volto a facilitarne l’operato.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

78 comments to Hobbisti, approvato in Commissione il progetto di legge che regolamenta i mercatini

  • Questa rappresenta una delle pagine più vergognose in assoluto fra le normative elaborate e proposte dalla regione Emilia-Romagna.
    Fin dal 2009 ci battemmo per questa legge scellerata, evidentemente ispirata dalla lobby del commercio, che ha sempre visto i mercati del riuso e del baratto come una indebita concorrenza nei confronti di un settore al quale evidentemente piace vivere di protezionismo.
    Non si è capita la valenza pratica, culturale, ambientale, economica, di un settore, quello degli hobbisti, che offre un valore aggiunto sia per il turismo che per la riduzione dei rifiuti.
    Come hobbista che ha, in passato, partecipato a innumerevoli mercatini, più per passione che per necessità, ritengo evidente come la richiesta di elencare in forma dettagliata le merci in vendita rappresenti una burocrazia non solo inutile, ma impossibile da applicare in pratica, dato che spesso gli scambisti, nella stessa giornata, comprano, barattano e rivendono le cose fra loro. Puoi allestire alla mattina con cose prelevate dalla cantina o dal solaio, e arrivare a fine giornata che hai addirittura più cose di quelle con cui sei partito, oppure cose completamente diverse.
    Normalmente la “monetizzazione” dei beni è un aspetto marginale, se non irrilevante. Era sufficiente introdurre norme che impedissero l’ingresso nel settore di operatori professionali “mascherati” da hobbisti, ad esempio sancendo che l’attività hobbistica nei mercatini era incompatibile con la detenzione di una licenza di vendita al dettaglio della stessa categoria di beni (perchè altrimenti li avresti venduti nel tuo negozio).
    Non posso che riconoscere come, per l’ennesima volta, una classe politica non abituata a considerare le cose nella loro ottica reale, legiferi in maniera impropria, senza pensare agli effetti dei propri provvedimenti, asservendo logiche che nulla hanno a che fare con la reale tutela di un settore che dovrebbe essere protetto e incentivato, per la sua valenza etica e sociale, mentre si preferisce tassare e introdurre norme assurde, ben sapendo che NESSUNO riuscirà a rispettarle, a meno di non abbandonare completamente l’attività.
    Mi dispiace che la cultura in regione Emilia-Romagna sia questa, ci si auspica un ricambio totale di questa classe dirigente non in grado di capire come operare nei cofronti della salvaguardia del bene comune.
    Mi auguro che questa normativa assurda da un punto di vista logico sia rimandata per un ulteriore approfondimento basato sul buon senso.

  • Franca

    Buongiorno,
    un’informazione… questo tipo di mercatini definiti per hobbisti è in realtà frequentato anche dai così detti “creatori di opere dell’ingegno”. Cioè chi, come me, partendo da un oggetto grezzo in legno o cartone, oppure proprio da un pezzetto di legno crea oggetti di arredamento. Questa nuova normativa vale anche per questo tipo di persone oppure per chi, senza licenza, espone e vende abiti e oggetti usati???

  • Franca

    Nel mio precedente messaggio ho dimenticato di specificare che sul mio banco ci sono oggetti con un valore massimo di 15/20 euro. Ieri ho partecipato a Fiorimpopoli, festa dei fiori a Forlimpopoli, sono stata molto contenta per aver venduto 20 quadretti da € 6 l’uno, quindi € 120. Spese sostenute € 35 per il posteggio, € 45 per il materiale, € 5 per confezioni regalo, varie (benzina, caffè, pasti x 2) forse € 25. TOTALE € 110.
    Tutto questo per dire che spesso i creatori di opere dell’ingegno i mercatini li fanno solo per una insana passione INNATA di creare!!!
    In tutti i conteggi non ho considerato le ore di lavoro per portare un prodotto che in molti definiscono “carino” sul banco.
    Vogliamo rendere merito che comunque il materiale lo compriamo, che comunque chi viene ai mercatini consuma nei locali pubblici dei paesi dove questi mercatini vengono organizzati e che fra noi PURTROPPO spesso troviamo negozianti o artigiani a partita IVA (quelli che ce l’hanno tanto con noi) che si iscrivono per pagare meno di posteggio e non rilasciano UNA, DICO UNA… RICEVUTA!!!
    Guardiamo anche a questo!!!!

    • Gentile Franca,

      alcune precisazioni, posto che la proposta di legge in oggetto è stata presentata anche per stroncare gli hobbisti camuffati (“i negozianti o artigiani a partita IVA che si iscrivono per pagare meno di posteggio e non rilasciano ricevuta” come lei li definisce) e salvaguardare gli hobbisti veri.

      Non esiste una normativa specifica che riguarda “i produttori di opere dell’ingegno” che, di conseguenza, non sono interessati da questo progetto di legge regionale.
      Non rientrano, infatti, nel decreto 114/98 (cosiddetto Bersani) che non considerava i produttori di opere dell’ingegno tra le attività commerciali da normare, né nella legge regionale 12/99 che lo aveva attuato.
      E, di conseguenza, neanche nella nuova legge regionale, che si prefigura come un aggiornamento della legge 12/99.

      Come immagino saprà, sono i singoli regolamenti comunali che definiscono il concetto di creatori di opere dell’ingegno (e lo fanno in maniera più o meno larga, da Comune a Comune).
      Per poter partecipare ai mercatini bisogna quindi essere riconosciuti come tali, e pagare normalmente il posteggio.

      In sintesi, per farla più semplice, per lei, nulla cambierà.

      Invece, i venditori di abiti e oggetti usati, che non hanno una licenza e vendono in quanto hobbisti, rientrano nella disciplina aggiornata dal progetto di legge regionale e avranno quindi l’obbligo del tesserino, della rotazione e di quanto altro descritto nel testo qui sopra.

      Un caro saluto e buon lavoro (per la sua attività!),
      Damiano Zoffoli

  • Riccardo Ricci P.

    Sinceramente non vedo nulla di vergognoso, anzi: vergognoso è semmai il dilagare della pratica abusiva di commerciante, senz’alcun titolo o licenza, e soprattutto senz’alcun onere fiscale e contributivo!!
    Che fosse necessaria una regolamentazione era quanto mai doveroso, visto che negli ultimi anni l’escamotage dei mercatini è diventata una vera e propria piaga utilizzata per far soldi facili, esentasse e senza la minima regola.
    Il vero hobbista, quello che per capirci svuota la cantina (ma la cantina si svuota una volta all’anno, a dir tanto, non tutti i mesi) o vende i giocattoli dei figli, non penso abbia alcun problema a dichiarare ciò che smercia in modo del tutto occasionale.
    Se vuole fare il commerciante, allora basta che prenda una licenza, che paghi l’IVA e le tasse su ciò che vende come è richiesto agli imprenditori che svolgono attività di commercio.
    Ricordo, infine, che l’assurdità non sta certo in questo provvedimento: semmai nella dstinzione fra commercianti veri e propri e commercianti “per hobby”, cosa del tutto grottesca solo a pensarla (e se uno facesse il medico “per hobby”? O il poliziotto “per hobby”?).
    Evidentemente queste norme si sono rese necessarie per la gran quantità di furbetti che ospita questo Paese, perchè se fosse davvero un problema di svuotare le cantine, non si capirebbero le centinaia e centinaia di mercatini in giro per tutta la Regione, spesso con decine di espositori in ognuno di essi.

  • Sono molto daccordo con Paolo Marani,
    scrivo per farmi sentire (sono pronta anche a scendere in piazza se ci si accorda).
    L’unica differenza tra me e lui è che adesso i mercatini li faccio per necessità! Mi hanno lasciata a casa dal lavoro, sono disoccupata da 15 mesi e mi sono rimessa in gioco grazie al mio hobby.
    Io sono daccordo a regolarizzare la legge, perchè nella mia zona ogni Comune ha le sue regole, ma abolire gli hobbisti mi sembra un reato.

    Il buonsenso ormai mi sembra un’utopia, qua in Italia i valori n0n ci sono più, le regole sono infrante, e ognuno si fa le sue…
    Ok mi fermo, non polemizzo oltre.
    Ci sono anche io a lottare per difendere la creatività, il bene comune.

  • L’imposizione di nuovi balzelli e adempimenti burocratici è sempre un fatto negativo. E’ però giusto non mettere in competizione chi svolge un’attività commerciale in regola con chi opera senza partita IVA. Forse la soluzione migliore è creare dei veri spazi solo per gli hobbysti. Il tesserino può essere un aiuto; naturalmente 200 euro sono senz’altro eccessivi e la lista dei prodotti da vendere una inutile burocrazia.

  • Susanna Capaci

    E’ chiaro che un minimo di regolamentazione era doverosa. Quindi ben venga. La cosa che mi fa rimanere basita é che non riguardi le opere del proprio ingegno. Le tasse pagate dai commercianti valgono di più di quelle pagate da un artigiano, forse? Eppure è grazie all’artigiano che portiamo avanti il ‘made in italy’. Ormai siamo abituati a ricevere risposte che servono a poco dalla politica, ma a livello territoriale ci si aspetterebbe maggior lucidità e senso pratico. Siamo in Italia, fatta la legge, trovato l’inganno… un hobbysta rivede un po’ il banco, lo fa passare per opera del proprio ingegno… et, voilà, il gioco é fatto! Tanto lì “si può”…
    Spero rivedrete queste cose, perché sinceramente la politica è ora che inizi a dar le risposte giuste.

  • Manuela

    Proprio come la signora Franca, anche io sono una creatrice di opere del proprio ingegno e devo dire che mi dispiace molto notare come questa nostra categoria venga in qualche modo svilita e che ci si definisca come un settore in cui fare “soldi facili”, ritengo che spesso si dovrebbe vivere un’esperienza sulla propria pelle prima di giudicarla.
    Noi non siamo commercianti, realizziamo oggetti con la nostra fantasia, paghiamo il plateatico ai mercatini cui ci è permesso partecipare e partecipiamo un giorno alla settimana il più delle volte e in certi periodi nemmeno quello; non scarichiamo i costi dei materiali che spesso a malapena rientrano nel costo dell’oggetto venduto, inoltre quando partecipiamo a questi mercati mangiamo fuori, frequentiamo i locali del posto, a volte dormiamo fuori, beviamo caffè e vi facciamo persino la spesa.
    I nostri non sono soldi facili per il semplice fatto che a volte spendiamo più di quanto portiamo a casa e partecipiamo per passione, per l’orgoglio di mostrare ciò che abbiamo realizzato con le nostre mani.
    Succede spesso che la gente passando e vendendoci al freddo o al caldo, accucciati vicino ad una stufetta o sorridenti dietro al nostro banchetto, bisbigli di quanto evidentemente debba valerne la pena… ebbene sì, ne vale la pena perchè è una enorme soddisfazione creare qualcosa dal nulla e scoprire che piace alle persone, se non fosse per questo posso garantire che a conti fatti staremmo tutti a casa a guardare la tv, anche se personalmente preferisco stare all’aria aperta e incentivare la creatività, nonchè il movimento nelle piazze… perchè anche questo portiamo: gente nelle piazze, gente che si ferma al bar, che guarda le vetrine, che compra le scarpe dal commerciante e cerca prodotti tipici di una zona in cui ha deciso di fare un giro fra le bancarelle, potendo poi usufruire di tutto quanto offre il territorio.
    Ben diverso è il discorso che riguarda chi compra cose già fatte o ne vende di usate, quello è commercio e c’è su ogni vendita un ricarico da commerciante, questo non lo trovo giusto, ma se vi facessi i conti di ciò che spendo in materiali (come gli altri operatori dell’ingegno, parlo in generale) mangiare e benzina e di ciò che porto a casa vi fareste una sana risata.
    Detto tutto questo, mi chiedo perchè mai boicottare un settore artistico che secondo me non è che un valore aggiunto e che perdipiù vivacizza feste, paesi, piazze e quant’altro.
    Termino dicendo che un banco di cose fatte a mano è ben diverso e distinguibile da uno di cose usate o comprate già fatte, nessun inganno… i veri operatori dell’ingegno sono disposti a lavorare in loco per mostrare la veridicità di ciò che fanno e dicono, se poi vogliamo parlare di inganni il commercio ne è pieno, ognuno vuol tirare acqua al suo mulino, ma è bene guardare le situazioni per ciò che sono e non per ciò che sembrano.
    Grazie per l’attenzione e buona serata a tutti.

    • Franca

      Ciao Manuela,
      forse non ci conosciamo o forse ci siamo incontrate infreddolite in inverno, o viceversa “bollite” con 40 gradi in estate, in qualche mercatino, ma devo dirti che hai colpito nel segno.
      E’ proprio vero quello che hai scritto, lo condivido in pieno.
      Un saluto e mi piacerebbe rimanere in contatto.

      • Manuela

        Ciao Franca,
        può darsi che ci siamo conosciute in qualche mercatino!
        ^__^
        O può darsi che ci conosceremo!!! Anche a me farebbe piacere rimanere in contatto, possiamo trovarci su Facebook magari?
        :-)
        Ti auguro una splendida serata.

    • Da questo progetto legge SONO ESCLUSI I PRODUTTORI DELL’INGEGNO CREATIVO, per i quali nulla cambia.

  • Innanzitutto desidero ringraziarvi per questo dibattito sviluppato via web, che mi ha offerto ulteriori spunti sul mondo degli hobbisti.
    Come giustamente ricordava Paolo Marani, già nella scorsa Legislatura si iniziò ad approfondire la regolamentazione di questi mercatini, pur senza arrivare all’approvazione di una legge regionale.
    Il testo che domani verrà approvato (almeno immagino sia così, anche considerando il diffuso consenso, registrato tra le diverse forze politiche, sul tema) dall’Assemblea legislativa vuole essere una sintesi delle esigenze di hobbisti, commercianti tradizionali ed Enti locali.
    Nei mesi scorsi, si è svolta un’udienza conoscitiva sulla proposta di legge, cui hanno partecipato hobbisti, ambulanti, Comuni, pro loco e associazioni di categoria.
    Qui (http://demetra.regione.emilia-romagna.it/al/monitor.php?vi=lav&urn=er:assemblealegislativa:verbalecommissione:20121206;2-P), nel caso vogliate approfondire, trovate il verbale della stessa.
    In quella sede, non solo dagli ambulanti (“è un vero commercio senza pagare le tasse che, di fatto, sta mettendo in crisi chi invece (le tasse) le paga”), ma anche dagli stessi hobbisti stessi (“sono consapevole e aspettavamo in tanti l’avviamento di questa legge, sono favorevole e capisco che comunque c’era bisogno di normare questi mercati che sono centuplicati”), è emersa la necessità di regolamentare questo settore, che ha trovato crescente diffusione negli ultimi anni, venendo ad incidere sul sistema del commercio nelle aree pubbliche.
    Non si tratta quindi di una legge “ispirata dalla lobby del commercio”, ma di un provvedimento che si pone l’obiettivo di stroncare gli hobbisti camuffati (ed evitare il “dilagare della pratica abusiva di commerciante, senz’alcun titolo o licenza, e soprattutto senz’alcun onere fiscale e contributivo” come qualcuno di voi ha scritto), per salvaguardare gli hobbisti veri.
    Nel progetto di legge l’attività di hobbista è stata regolamentata sulla falsariga di quanto già fatto da altre Regioni; il testo ha avuto l’approvazione del CAL (Consiglio delle Autonomie Locali) e, come sempre, contiene una clausola valutativa cosicchè, dopo qualche anno, si possa effettivamente verificare la bontà della proposta e, laddove serve, modificarla e migliorarla.
    Come ha ricordato l’Assessore Melucci l’obiettivo della Regione Emilia-Romagna è approvare “una legge di transizione che risolverà il problema dei mercatini degli hobbisti, ripristinando la loro vera natura”.
    Resto a disposizione per ulteriori approfondimenti.
    Un caro saluto a tutti,
    Damiano Zoffoli

  • Antonio

    Io sono disoccupato, come tanti altri che conosco che fanno questi mercatini.
    Se tiriamo su qualcosa a fine giornata, non supera i 100 euro.
    Ora quello che chiedo, è cosa devo fare per campare!!!!!!
    Andrò a rubare!!!!!!!!

  • Gian Carlo

    Parlo a nome di mia moglie,lei è creativa,quindi per quanto ho letto dal Sig.Damiano Zoffoli,non c’è motivo di preoccuparsi in quanto è tutto come èrima.C’è però una cosa che volevo chiedere e se possibile mi venisse chiarito,ci sono dei Comuni che disconoscono quanto stabilito dalla Legge e obbligano a prendere il tesserino. In questi casi come ci si deve comportare? Ci si rifiuta oppure………….

  • Vorrei fare se possibile una domanda:
    Anche io sono un’hobbista vera, una di quelle che ha il bisogno di creare, una di quelle che non riesce a stare ferma e che trova una veste nuova a tutto ciò che vede. Sono un’hobbista di quelle che a fine anno, a conti fatti si ritrova sempre sotto, che quando torna a casa da un mercatino e scopre di avere fatto la patta fa i salti di gioia!!!
    Sicuramente non posso permettermi di spendere 200 € per una tessera, sarebbe un’ulteriore andare sotto e se faccio circa 10 mercatini in un anno sono già contenta e soddisfatta, per me spesso i posteggi hanno un prezzo troppo alto!!! Io creo anche della bigiotteria, molta creando ciondoli in ceramica fredda a abbellendoli poi con perle varie, altri dando una veste nuova a quello che trovo, ultimo esempio da delle spilline per capelli con fiocchetto io ho creato delle vere e proprie parure!! I miei prodotti fanno parte dell’hobbistica??? Perchè un’altro problema è capire come spiegare a chi fa controlli che le cose me le sono create e non le ho comperate, o d’ora in avanti dovro’ lasciare a casa questa mia bigiotteria e portare solo le altre cose???

  • nina

    brava Emanuela ! il tuo commento è ls realtà dei fatti …nulls ds sggiungere..se non dirti che la penso esattamente come te!
    E ricordo alla nostra Regione che nessuno è mai diventato milionario con i mercatini…una parola anche per i disoccupati…se uno
    non trova lavoro gli vietano pure di fare i mercatini? o deve aprire per forza la partita iva quando gli altri che già ce l’hammo la chiudono perchè non riescono + a coprire i costi! altro che balzelli…bisogna abbassare gli oneri fiscali …diversamente sarà una lotta continua…ma fra poveri!

  • FULVIO

    Antonio ha pienamente ragione !
    Posso dimostrare che in tre casi ho potuto aiutare persone che avevano perso il lavoro e non sapevano come tirare avanti, suggerendo di frequentare periodicamente qualche mercatino come espositore occasionale per raccogliere qualche spicciolo da spendere al discount per comprare da mangiare ai loro bambini.
    Ho potuto verificare che spesso queste persone “sacrificavano” oggetti di casa con un valore affettivo inimmmaginabile e questa piccola opportunita’sia stata un buon deterrente per non commmettere reati.
    Sarei immensamente grato se il Dott. Zoffoli mi rispondesse a questa domanda :
    ” Come puo’,un mercatinaro sopra descritto sborsare i dovuti tributi richiesti, quando l’incasso della serata gli basta a malapena per vivere?
    Allora, ha ragione Antonio, che per mangiare si debba per forza andare a rubare?
    Ultima considerazione…….la gente ne ha piene le b….scatole di vedere gente come Fiorito che si gode il patrimonio sottratto ai contribuenti ,e, dall’altra vedere gente che si suicida soffocata dai debiti!! ( chi si suicida non e’ un matto!, e’ una persona con una forte dignita’ personale)
    Un cordiale saluto a tutti quelli che mi leggono…
    Fulvio

  • Cass

    In effetti una regolamentazione era doverosa.
    Ma la richiesta di elencare la merce che si intende cedere all’inizio di ogni anno mi crea dei problemi: voglio dire ……… come posso decidere quest’oggi se, durante l’anno, intendo vendere i 350/400 (forse sono anche di più ……) quadri di Monet che mi ha lasciato in eredità la buon’anima di zio ?
    Comunque, come sempre in Italia, fatta la legge e trovato e l’inganno:
    - vendere su ebay o comunque e.commerce;
    - condividere la piazzola con altri hobbisti (ergo 20 o più mercatini l’anno).
    Certo sarà necessario di munirsi di pannolone o catetere per evitare la sanzione per la non presenza presso il banco ……. anche il vecchio pitale in ceramica di nonna (purchè valga meno di 100,00 euro ………..) può rivelarsi utile ……. ^_______^

  • Cass

    ………. naturalmente il precedente post era ironico !
    Meglio precisare quando si parla con la classe politica ……. loro sì che sono dei poveretti ….. vanno in giro con le scarpe bucate !
    Consiglio a Zoffoli di farsi un giro per i mercatini ….. può trovare un paio di scarpe non bucate anche a 1,00 euro.

  • Cass

    Censura ???? da un esponente del PD ????? Da me votato fino a ieri ????? Ahi ahi ahi ahi …….

    • Manuela Rontini

      Gentile Cass,

      volevo rassicurarla che, sul sito http://www.damianozoffoli.com, non c’è assolutamente nessuna censura!Come del resto può lei stesso verificare, scorrendo qualche post: troverà commenti più o meno favorevoli, assieme ad altri anche piuttosto critici.
      A cui poi il Consigliere Zoffoli, non appena gli è possibile (talvolta dopo aver verificato i dettagli tecnici, richiesti, con i competenti uffici regionali), risponde.
      Lo spirito di questo strumento è proprio raccogliere valutazioni, a tutto tondo, sulla sua attività.
      Se così non fosse, basterebbe semplicemente non dare la possibilità di commentare (come purtroppo, a mio avviso, fanno tanti).

      Il sito è “moderato” nel senso che è il webmaster che, solitamente nel giro di qualche ora, sblocca i commenti (dopo aver verificato che non si tratti di messaggi di spam o che i testi non contengano lessico non adatto al contesto).
      I commenti che lei ha scritto ieri sera (mentre eravamo impegnati in un’iniziativa pubblica a Cesena) sono stati sbloccati poco fa.
      Ma questa verifica avviene solo per la prima volta: d’ora in poi potrà commentare senza che ci sia neanche bisogno dello sblocco (il sistema riconosce automaticamente il suo indirizzo mail, trovandolo nel gruppo di quelli che hanno già commentato in questo sito, e valuta superflua la “verifica” che le descrivevo sopra), come le potranno confermare anche le persone che, ad esempio, hanno più volte commentato questo stesso post.

      Un cordiale saluto e buona giornata!
      Manuela Rontini

  • Gent.cons.Zoffoli, comepresidente di associazione culturale che saltuariamente organizza piccoli mercatini con antiquari con licenza, creativi e per ultimi alcuni hobbisti anche se ben selezionati poiché trattasi di ex ambulanti che han chiuso attività per problemi economici, sono naturalmente oggetto di tante domande e chiarimenti e ansie da parte dei miei associati. Ho già chiaramente spiegato la sostanziale differenza tra hobbisti e produttori dell’ingegno creativo, ma mi è stato chiesto da molti espositori anche non miei associati, se il progetto legge approvato in commissione è da considerarsi già in vigore o se sarà in vigore dalla data di pubblicazione sul BUR. Potrebbe per cortesia darmi questo chiarimento? Ed inoltre, come associazione, se volessi fare come spesso capita,raccolta fondi per ad es.amici terremotati di Cavezzo e Finale Emilia tramite banchetto di cose vecchie messe a disposizione dagli associati, dovrei munirmi di tesserino e attenermi alle regole della nuova legge? Grazie, buon lavoro. Diana Govoni resp.legale Associazione Circolo Culturale Nonsoloarte via Nazionale 499 Malalbergo-Bo

  • stella manduchi

    Come spesso accade c’è una grande confusione. Questa legge che dovrebbe regolamentare confonderà ancora di più. E’ soprattutto nell’uso delle parole che si fa confusione. ESATTAMENTE CHI E’ HOBBISTA? secondo la legge regionale or ora approvata hobbista è chi vende cose di modico valore, più o meno vecchie, in maniera occasionale. Il rigattiere occasionale, lo svuota cantine? quello che si trova con una casa da svuotare perché l’ha ricevuta in eredità? Forse. ESATTAMENTE CHI NON E’ HOBBISTA? secondo la legge regionale non è hobbista chi vede opere del proprio ingegno: chi crea bigiotteria, chi ricama al punto croce, chi dipinge i sassi, chi essica i fiori, chi cuce le borse, chi fa le sciarpe ecc.? Forse. La confusione è nata tra queste due categorie perché hanno qualche punto in comune: chi svolge questo genere di passatempo non possiede una partita iva, non possiede una licenza da ambulante, e partecipa in maniera saltuaria alle manifestazioni che lo possono ospitare. Ora a norma di legge queste due categorie non sono più accumunabili, per la prima scatta l’obbligo dell’oneroso tesserino, per la seconda (pare) di no. Ma in tutta onestà chi dipana questa matassa nei comuni? Nessuno, saremo di nuovo nello stesso calderone, perché 200 euro per ciascuno fa una bella sommetta per i poveri comuni in difficoltà!
    Vorrei anche segnalare che nella vicina regione Marche il tesserino per hobbista(mettendo dentro tutti, senza seguire la loro legge regionale che è come la nostra) ha il costo di 2 marche da bollo da 14,62 e da diritto a 12 uscite in un anno per 5 anni!
    Qualcuno mi aiuti a capirci qualcosa, vi prego!
    Stella

  • Andrea Fiorini

    Grazie! Grazie! Grazie!
    Non parlo solo a nome mio, ma di migliaia di persone commercianti onesti, ambulanti che pagano le tasse e fanno gli scontrini, perchè ricordiamo che se un commerciante non fa uno scontrino paga giustamente una multa, mentre un hobbista che non li fa vive sulle spalle della società esattamente come un parassita, una zecca. Per questo è giusto limitarli in modo che il loro finto hobbisamo in realtà diventi fonte di guadagno principale di una famiglia che in realtà non vuole pagare contributi, non vuole pagare commercialisti e tasse in generale. Non mi riferisco ovviamente alla mostra scambio di Gambettola per esempio, che il consigliere consoce bene, ma parlo dei mercatini serali al mare dove ci sono hobbisti che fanno fino a 120 mercatini estivi senza pagare un cent di tasse, considerando un incasso medio a sera di 150 euro stiamo parlando di oltre 30 euro di iva, per 120 serate 3600 euro per un solo hobbista se consideriamo che ci sono centinaia e centinaia di queste persone parliamo di varie centinaia di migliaia di euro, più ripeto lo stato perde anche la relativa inps, assicurazioni, commercialisti, controlli di finanza o di ispettorato del lavoro, infatti qui molti hobbisti fanno anche 2-3 mercati a sera con 3-4 persone pagate in nero… ora grazie a voi o si daranno una calmata o scompariranno… Grazie davvero

    Per rispondere infine a stella, per opere del proprio ingegno, non esiste una definizione casuale, infatti bisogna recarsi nel proprio comune, compilare un modulo di richiesta e i vigili controlleranno la merce se il comune naturlamente vuole rilasciarlo. Io esempio vivo a Longiano in provincia di forlì cesena e il nostro comune non lo rilascia perchè è cmq contrario all evasione fiscale anche se minima

  • luca

    Non bastava chiedere il reddito della persona in questione tramite presentazione di un isee?? chi ha fatto questa legge non ha la benchè minima idea di quanto possa incassare un hobbista e in quale situazione disperata si trovi..

  • primo salghini

    Dopo il disastro che avete combinato a Roma tradendo il mandato affidatovi da noi (purtroppo) vostri elettori anche in sede regionale vi fate paladini di interessi forti economicamente.
    frequento i mercatini da 7 anni e non ho mai conosciuto un collega particolarmente agiato .
    dovremo far riferimento a forze politiche più attente alle esigenze dei più deboli .

  • Cristina

    In concreto qualcuno sa quando entrerà in vigore questa legge???
    Grazie

  • marcello

    questa norma è una pagliacciata della peggior specie, non mi stupisce che provenga dalle file del pd che tanto bene ci ha abituati in tal senso.
    secondo gli esimi economisti delle mie ghette, tale norma è stata proposta per troncare il fenomeno del commercio abusivo. ovviamente è una stupidaggine bella e buona, poichè si presuppone che un commerciante abusivo, per campare, non possa certo affidarsi a 1-2 mercati a settimana, sempre ammesso che non piova, mentre un vero commerciante dispone di un negozio o partecipa quotidianamente ai mercati rionali/comunali, quindi ha possibilità di vendere 365 giorni l’anno.
    a parte ciò, se ho collezionato per trent’anni (ipotesi, francobolli), quindi acqustando da commercianti e per cui contribuendo COL MIO DENARO al gettito (leggasi I.V.A.) pretendo di avere tuttoi il diritto di rivendermi le cose senza che nulla vi sia dovuto, e questo, a prescindere dal fatto che lo faccia per bisogno, o perchè non voglio più collezionare.
    in quanto poi al furto dei 200 € succitati, se la regione ha necessità di elemosinare qualche spicciolo extra, può sempre evitare di regalare i nostri soldi a clandestini (non li chiamerò mai migranti, sia chiaro) o agli zingari, in seconda ipotesi potete sempre cominciare ad andare a piedi e lasciare le uto blu in concessionaria.
    Non sforzatevi a rispondermi, anche perchè non mi aspetto alcuna risposta sensata da voi, non ne siete in grado, mi aspetto semmai che spostiate l’attenzione del discorso sui miei toni e/o linguaggio, l’unica carta che vi resta… anche lette le risposte/non risposte sopra.

  • stella manduchi

    Onestamente che si sia ridotto tutto a una guerra tra poveri, mi fa a volte tristezza a volte molto incazzare!
    Quindi mi perdonerete se non condivido fino in fondo l’esultanza di chi vede in una legge che continua a non fare chiarezza come la soluzione dell’evasione fiscale. A proposito dei dati che ciascuno possiede sui guadagni o non guadagni di chi partecipa ai mercatini senza licenza e senza partita iva, potremmo andare avanti all’infinito, consiglio in modo molto impopolare a pensare che la verità sta spesso nel giusto mezzo. Ci sarà chi si è effettivamente arricchito con comportamenti furbi, chi invece tenta di arrotondare senza neppure riuscirci.
    Detto questo, vorrei tornare sul pezzo, come si dice. Qualcuno sa esattamente come verrà applicata questa legge? Qualcuno ha provato a rivolgersi ai propri comuni e capire come si adopereranno in merito? Io continuo a non sapere come fare, sono di Rimini e aspetto pazientemente che si apra uno spiraglio in tutta questa ennesima confusione. Per rispondere a Cristina credo che ci siano sei mesi dalla pubblicazione sul BUR della legge per adeguarsi alla nuova normativa.
    Stella

  • Marco

    Buonasera,credo che il problema stia alla base del fatto che per anni nessuno abbia vigilato come si deve sugli operatori che partecipavano ai mercatini.Così con il passare del tempo si sono inseriti soggetti che hanno molto poco a che vedere con hobbismo o che proponessero creazioni dell’ingegno e , senza nessun controllo, hanno continuato indisturbati con la loro “attività” portando all’esasperazione i commercianti in regola. Ora ci troviamo al punto che gli hobbisti veri e reali vengono messi sullo stesso piano di quelli abusivi e quindi limitati e discriminati per causa di una parte che ha infranto le leggi. Questo credo non sia giusto.Per tanto tempo chi organizzava mercatini(vedi comuni e associazioni private)hanno fatto cassa (che siano pochi euro tanti differenza non fa,è il principio)ammettendo alle proprie manifestazioni chiunque,senza controllare cosa avessero sul banco o chiedendo prima cosa portavano.Ed ora chi ci rimette,come sempre, sono le persone che agiscono con trasparenza e serietà.Non era forse il caso di redigere un regolamento da rispettare per chi organizza?
    Vorrei poi disquisire un momento su chi viene definito operatore dell’ingegno a carattere creativo (DL114/98 art 4 comma 2 lettera H). Come mi è già capitato di leggere in giro, è uso comune di definire questi operatori come persone che vanno a fare acquisti all’ingrosso,su internet o nei magazzini per poi rivendere il tutto così com’è però fsacendolo passare come una loro creazione.Beh, mi dispiace deludere qualcuno, ma non per tutti è così,almeno dalle mie parti.Ci sono tanti di questi operatori che operano nella massima correttezza,che con le loro abilità,ingegnosità e fantasia producono una qualcosa di unico e irripetibile che non puoi torvare da nessuna altra parte.e questo è da sottovalutare e discriminare? aggiungo che per produrre le loro creazioni (si chiamano così, non bisogna solo essere dei Leonardo o Van Gogh per farle ma avere passione,voglia e fantasia)questi operatori acquistano regolarmente nei negozi(con scontrino o quant’altro)i materiali base per le loro opere, e questo mi sembra un incentivo al commercio non un danno. Qualcuno ha proposto di accorpare gli operatori dell’ingegno agli hobbisti, ma nessuno pensa che così facendo andremo a fare morire cnetri e borghi ravvivati dalla presenza di bancarelle con persone che hanno l’unica pretesa di esporre quanto da loro creato.
    Questo è il mio pensiero, sono disposto ad un confronto civile per poter condividere diversi punti di vista ed esperienze, non a ricevere risposte arroganti o altro. Si può trovare una soluzione e convivere tutti,basta che sia voluto. grazie

  • Daniele Pagnacco

    Egregio signor Andrea Fiorini da quello che ha scritto si capisce che lei ignora completamente , quello che è il vero mondo degli hobbisti .
    Quello che lei descrive avvenire al mare ad esempio , non ha niente a che fare con degli hobbisti ma trattasi altresì di veri e propri commercianti disonesti .
    Le voglio parlare di me e della mia compagna , Daniele e Lisa , siamo hobbisti nella fattispecie costruiamo ( collane , braccialetti , orecchini , cordoncini per occhiali , rosari , portachiavi ) il tutto assolutamente frutto del nostro ingegno e in materiali pregiati , come ad esempio cristalli e perle della Swarovski e vetro di murano , acquistiamo i prodotti per fare ciò da alcuni negozi della nostra zona e internet con il rilascio da parte di questi negozianti di regolare scontrino . Ci siamo messi anche a fare riparazioni e modifiche su merci della persone .
    Normalmente facciamob circa 8 mercatini al mese a volte non copriamo le spese comunque puliti porteremo a casa circa 180 200 € al mese per un numero di ore impegnate di 8 10 ogni mercatino e circa 4 5 ore al giorno di lavoro a casa , che comprende la creazione del disegno di un nuovo prodotto e la sua realizzazione .
    Per noi si tratta di un aiuto importante per tirare avanti visto che entrambi siamo disoccupati , abbiamo 46 e 41 anni , io nel tempo restante tengo dietro ad una nonnina di 97 anni che in cambio mi lascia usare un suo appartamento . Non mi considerò un disonesto .
    Spero con la presente di non averla offesa in alcun modo ma di averle aperto gli occhi sul mondo di molti hobbisti.
    Se vuole mi può contattare di persona danielepagnacco@gmail.com

  • Daniele Pagnacco

    Sia chiaro una regolamentazione e giusta sia per hobbisti che per cheilodieresi fa arte creativa .
    Chiedo risposta quante volte vi è capitato su banchetti di vedere personaggi che spacciano cose palesemente acquistate poi rivendute per proprie , questi dovrebbero essere eliminati non siete in accordo con me
    Per risposte
    Danielepagnacco@mail.com

  • Daniele Pagnacco

    Correzione anche per chi fa arte creativa

  • Mi sono sforzata di leggere tutti i post… ma non ci sono riuscita…
    Sono presidente di un’Ass. Cult. in Lombardia… e organizziamo 3/4 feste all’anno con espositori/trici di prodotti d’artigianato, come dice la legge “prodotti del propio ingegno creativo, in maniera saltuaria e non continuativa”.
    Noi, (da queste parti..) definiamo “Hobbysti” le persone che creano con le proprie mani e con fantasia e creatività, cioè persone che non fanno questo nell’ambito della propria attività, altrimenti se creano nell’ambito della propria attività, da cui traggono sostentamento, sono artigiani,con tanto di P.I., artisti, ma sempre artigiani, aggiungendo che gli artisti (ciò pittori, scultori, etc..) sono anch’essi arrabbiati, perchè vengono paragonati nelle leggi, agli idraulici, elettricisti, etc..
    Organizziamo anche due manifestazioni, dell’usato, e queste le chiamiamo (sempre in Lombardia) mercatini dell’usato, e noi, Associazione, abbiamo scritto delle regole, solo merci usate, con un max di 10% nuovo per errori d’acquisto.
    Una regolamentazione per i mercatini dell’hobbystica, inteso come creazioni artistiche, venga fatta, per una mera questione di rispetto per i soldi dei cittadini. Buona parte degli hobbysti dopo aver imparato ad infilare tre palline e “creato” una collana si mettono a vendere, magari per pochi euro… in questo modo cosa si ottiene? abbassamento della qualità del prodotto d’artigianato, concorrenza sleale per chi fa, anche a livello hobbystico delle cose notevoli, e in ultimo, ma non meno importante danneggiano il lavoro di chi è titolare di P.I. e fa lo stesso le feste di via. In questi ultimi anni gli “hobbysti” si sono centuplicati, perchè chi ha perso il lavoro tenta di portare a casa qualche euro, ma fino a tre/quattro anni fa.. chi “produceva e vendeva” lo faceva solo per passione… adesso è diverso certo.
    Chi fa mercatini di merci usate non deve essere confuso con l’hobbysta di prodotti artistici, sono due cose completamente diverse.
    Bho… che caos!

  • stella manduchi

    Seguendo il ragionamento di Daniele la domanda è: chi controlla? I vigili? E hanno le competenze per controllare? su qualunque campo? oppure bisogna dimostrare in loco che fai fisicamente con le mani quello che mostri e metti in vendita? Invece di andare in questa direzione, complicata, che avrebbe significato spendere risorse per “quattro bancarelle”, si è pensato bene di mettere tutti dentro un grande contenitore, mescolare le cose e lasciare la solita confusione. In questo modo gli interessi dei commercianti\ambulanti regolari (e votanti) sono salvaguardati, e degli altri (votanti comunque) chi se ne frega.
    Si può fare meglio di così, si può stabilire un numero di manifestazioni annue massimo che definisce chi svolge questo genere di attività in modo saltuario, si possono stabilire delle competenze per i controlli SERI, si può avere tolleranza ZERO per chi ha una percentuale minima di prodotti fatti a mano e il resto comprato e rivenduto. Non mi sento nemica dei commercianti, ma voglio essere trattata altrettanto seriamente. In tutte le categorie ci sono persone senza scrupoli, quindi se riconosco che la maggioranza dei commercianti è gente onesta, allo stesso tempo chiedo di considerare che tra gli hobbisti quelli che si arricchiscono sono veramente pochi.
    Aggiungo, visto che qui “dalle alte sfere” nessuno risponde, che il Comune di Rimini mi ha risposto che non ha ancora recepito la normativa, che c’è tempo sei mesi per l’adeguamento, e quindi per l’estate nessun tesserino sarà richiesto.
    Aggiungo ancora a chi volesse informarsi che la vicina Regione Marche rilascia tesserino ad entrambe le categorie,(hobbisti e creatori dell’ingegno) senza distinzione, dietro il pagamento di 2 marche da bollo da 14.62.
    Stella

  • Marco

    il problema rilevante è l’evasione fiscale? Bene, facciamo in maniera che tutti gli operatori senza partita IVA rilascino una ricevuta con codice fiscale, tanto si tratta di vendita fra privati, poi in sede di 730 l’importo risultante venga inserito sotto la voce altri redditi, se non si raggiunge un minimo non vengono applicate tasse. Chi è il vero hobbista o creatore dell’ingegno e opera saltuariamente (anche se facesse tutte le domeniche del mese sarebbero 4/5,non è paragonabile a chi lo svolge come professione che lo fa tutti i giorni) il totale risultante non credo sia così elevato da poter raddizzare il debito pubblico con le tasse applicate. Ci vogliono controlli, a partire da chi organizza!!!!

  • renato

    carissimi amici io da anni sono nel mondo dei mercatini , ho iniziato facendo l’hobbista vedendo alcune cose che avevo collezionato poi son andato in comune e con una marca da bollo ho chiesto ed ottenuto una licenza-
    i miei colleghi mi han dato del matto , loro non l’avrebbero mai fatto , pagare tasse , commercialista ecc
    ho iniziato poi a frequentare fiere specializzate nel collezionismo e anche li mi han dato del matto , io facevo uno scontrino.
    qundo compro da privati faccio fare una dichiarazione di vendita tra privato e venditore e la registro com fattura di acquisto.
    molte persone non mi danno per questo la merce . l’acquistano pero’ tanti hobbisty furbini che arrotondano ben bene il loro stipendio
    ci sono banchi nele fiere con 200\300 mila euro di oggetti , con collezioni rarissime .
    allora dico che era ora di finirla !!!!!!!!!
    ben vengano i creativi che fan opere dell’ingegno o chi vuota la cantina una volta all’anno , non ho nulla contro di loro , anzi sono un valore aggiunto al nostro sistema del riciclo consapevole , ma basta ai furbi che sono in tanti , credetemi veramente tanti
    fino ad ora han chiuso tutti gli occhi perche ‘ definivano questa L’HOBBISMO UN AMMORTIZZATORE SOCIALE , io sono d’accordo con questa lege che dovrebbe pero’ essere un po piu’ elastica . che fa pochi mercatini non deve pagare 200 euro e chi non ha lavoro deve avere piu’ possibilita’ di sbarcare il lunario avendo piu’ uscite …
    REGOLAMENTARE MA CHE NON DIVENTI LA GUERRA DEI POVERI .
    spero di non aver fatto torto a nessuno con le mie parole ma signori ricordiamo che in italia chiudono tantissime piccole attivita anche per questo problema INTELLIGENZA SOCIALE CI VUOLE INTELLIGENZA SOCIALE

  • Luca

    Si potrebbe, molto più semplicemente, rendere ogni iniziativa privata “fuorilegge”.

  • ENZO

    E SCANDALOSO CHE A QUESTI MERCATINI VI SIA GENTE CHE DI FATTO ESERCITANO COMMERCIO SENZA PAGARE TASSE E NON PRODUCONO NULLA DI CIO CHE VENDONO….EVASIONE FISCALE SI CHIAMA QUESTA!!!!PER NON PARLARE POI DEL MINIMO RISPETTO DELLE NORMATIVE DI SICUREZZA,SI VEDONO IMPIANTI ELETTRICI DA BRIVIDI E TUTTO QUESTO CON LA COMPLICITA’ DEI COMUNI

  • Piero bis

    <Non c'è più niente da fare, noi ambulanti regolari siamo falliti (non solo per colpa degli hobbisti), quindi non ci resta che diventare tutti vù cumprà-abusivi-non detentori di documenti-clandestini : solo in questo modo riusciremo "commercialmente" a sopravvivere.

  • Marco

    non credo che la soluzione sia rendere ogni iniziativa privata fuorilegge, in questa maniera si fa morire creatività e fantasia presenti nnel nostre città (quando dico creatività e fantasia non vuol dire averla per infrangere le regole ma per fare qualcosa di bello nel rispetto dei regolamenti)

  • carla

    anch’io faccio mercatini degli hobbisti con oggetti di modesto valore pezzi quasi sempre unici e rigorosamente fatti a mano. Anche mia nuora (disoccupata così come è disoccupato suo marito cioè mio figlio) fa mercatini con prodotti fatti a mano in casa che non le consentono certo di arricchirsi ma solo ogni tanto di fare una spesa senza rivolgersi ai genitori. Potrebbe essere una idea quella di registrarsi presso l’ufficio delle entrate e tenere un blocchetto delle ricevute utile perchè il fisco possa controllare in sede di dichiarazione dei redditi se tali entrate occasionali vengono dichiarate. Ho la sensazione che invece di andare alla fonte dei veri problemi e delle grandi evasioni (che sono quelle che più incidono sulle nostre finanze) delle multinazionali o delle aziende con sedi in paradisi fiscali fuori ma vicine ai nostri confini (austria Lussemburgo ecc europei come noi) si vada a prenderli ai poveri cristi. Certo sarei anch’io più intransigente sulla parola hobbisti: chi acquista prodotti già pronti per poi rivenderli non è un hobbista: quindi semmai guerra ai finti hobbisti.Se questa è una legge pretesa da chi esercita la professione di ambulante, costretto a pagare le imposte, invito qualche finanziere a frequentare assiduamente i mercati nelle ore di maggior afflusso e controllare quanti scontrini non vengono emessi, soprattutto se si è clienti abituali di certi banchi!

  • moonblu

    SONO PER LA SALVAGUARDIA DEI VERI HOBBISTI ,IO FREQUENTO MOLTI MERCATINI DOVE CI DOVREBBERO ESSERE HOBBISTI MA SI CONTANO SULLE DITA DI UNA MANO I PIU’ SONO FINTI COMMERCIANTI CON IL 90% DI MERCE CINESE MERCATINI ORGANIZZATI NON CERTO DAI COMUNI MA DA INDIVIDUI SENZA SCRUPOILI CHE INTASCANO DA 25 A 30€ PER GAZEBI DI 3X3 ( GLI ORGANIZZATORI PAGANO AL MASSIMO 0,80 MT QUADRO QUINDI9X8 = 7,20€ A GAZEBO) ECCO CHI FA I VERI AFFARI SENZA RILASCIARE NESSUNA RICEVUTA E’ X QUESTO CHE I MERCATINI NASCONO COME FUNGHI QUINDI GIUSTISSIMO REGOLAMENTARE TUTTO IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA E FARE IN MODO CHE GLI HOBBISTI ABBIANO IL LORO SPAZIO BEN DELINEATO E SICURI DI ESSERE TUTELATI

  • stella manduchi

    Qui ognuno dice la sua sacrosanta opinione, ma nessuno, mi pare si sia posto veramente il problema di cosa succede adesso?
    I comuni dell’Emilia Romagna, nel recepire questa legge regionale che regolamenta gli hobbisti come si comporteranno? Quanto margine di manovra hanno? Faranno come nella vicina regione Marche metteranno cioè tutti insieme gli hobbisti e i creatori d’opera e richiederanno il rilascio del tesserino per tutti intascando così dei bei soldini? Oppure avranno il coraggio di seguire alla lettera la legge e di escludere dal rilascio del tesserino i creatori di opere dell’ingegno, facendo così “figli e figliastri”? e se decideranno per questa ultima soluzione a chi verrà dato il compito di vigilare che i creatori d’opera non sono commercianti in nero? Ma solo io me le faccio queste domande? O voi avete già le risposte e non me le dite?
    Stella

  • LAURANO

    Hobbisti 15 giugno 2013 : i mercatini hobbistici rappresentano il fenomeno dello scambio e della vendita da parte di privati : in tutto il mondo , Stati Uniti ed Europa ,per questo genere di attivita’ e’ sufficiente pagare una PICCOLA tassa al comune che ti ospita omnicomprensiva di tutto, ed esibire un documento : in questo modo si ha la possibilita’ di cedere o vendere liberamente le proprie merci : i suddetti mercatini che si sono affermati attraverso l’uso e la consuetudine –CHE SONO FONTI DEL DIRITTO — danno la possibilita’ dell’esercizio di scambio tra privati nello stesso modo delle inserzioni degli annunci economici, le trattative fra piu’ persone,il conto vendita e le aste pubbliche , infine uguale alle vendite su internet ….
    Si nota che tali mercatini danno la possibilita’ di disfarsi delle proprie cose –oggetti
    regolarmente comprati ai signori commercianti con tanto di loro guadagno piu’IVA e Tasse pagate.
    Con la nuova legge regionale sembra che non si possa piu’ rivendere legalmente un oggetto comprato regolarmente, ma si viene ulteriormente tassati.Non esiste piu’ liberta’ne logica..
    I mercatini danno anche un grosso aiuto per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani,problema non irrilevante per tutti i comuni . I Mercatini degli hobbisti infine hanno un carattere di
    natura sociale,turistica culturale ed economica per tutti i comuni ospitanti .Non esistendo alcuna normativa di facile interpretazione , gli hobbisti vivono sempre col patema di un controllo, di una multa, di un sequestro e oggi anche di una diffida : per evitare tutto questo e dare agli hobbisti la possibilita’ di non essere considerati evasori fiscali e’ sufficiente , come detto ,l’istituzione di una piccola tassa omnicomprensiva del noleggio del tereno comunale –la nuova normativa non e’ semplice ne attuabile per un hobbista : troppo onerosa e troppo cavillosa –burocratica la parola esatta —e troppo limitativa nel tempo :
    non capisco perche’ i legislatori regionali obblighino dopo solo 2 anni e 10 banchetti anno
    di aprire una partita IVA, quando esiste una legge delega nazionale 30/2003–nota come legge Biagi -che dice: non esiste obbligo di aprire la Partita IVA per prestazioni inferiori ai gg.30 –leggi trenta –annui e con un importo annuo vendibile di 5.000 Euro : legge ancora attuale ,ampliata da Bersani con la finanziaria del 2010 , ma non modificata : quale e’ quella valida ? Ai posteri l’ardua sentenza .
    Molti comuni organizzano feste e sagre hobbistiche con la presenza di centinaia di banchetti di bambini e le loro famiglie , associazioni senza scopo di lucro, associazioni parrocchiali
    pro loco, …quindi tutti i citati saranno considerati ,cominciando dai bambini e finendo alle parrocchie , evasori fiscali da eliminare ..penso che con la nuova legge ci siano riusciti –
    a parte la super burocrazia da gestire in particolare si deve presentare un elenco completo di tutte le merci esposte col relativo costo singolo e con l’obbligo di segnalare da chi le hai acquistate –elenchi di 20 pagine continuamente modificato dato il concetto dello scambio ..inoltre i costi per un banchetto salgono a 50/60 euro cad.mercatino , quando gli introiti
    sono molto spesso di pochi euro : in piu’ e’ previsto un controllo stringente da parte dei comuni ospitanti con eventuali multe,sequestri ed ora anche diffide –in piu’ per terminare e’ previsto un controllo regionale sul controllo comunale per vedere se i comuni rispettano le regole previste –controllori che vengono controllati da altri controllori …ci sara da vedere
    I nostri legislatori non si rendono conto che in questo periodo gli hobbisti , quelli veri,sono composti da laureati senza lavoro,pensionati, casalinghe , disocupati, disperati che con tale attivita’ cercano di vivere giorno dopo giorno per non morire di fame ..questa e’ realta’
    non fantasia ..gli hobbisti hanno una attivita’occasinale non continuativa…
    Spero solo che tutti i comuni che ci hanno sempre chiamato e invitato alle loro manifestazioni, facciano un po’ di tifo per noi cercando almeno di modificare tale legge che ci obbliga ad abbandonare il tutto ,e renderci finalmente liberi di trattare senza essere considerati evasori fiscali da distruggere ..un saluto da un futuro ex hobbista
    pensionato di anni 73 …Laurano un po’ logorroico

  • LAURANO BIS

    Laurano 16 giugno 2013 : Chiederei gentilmente al Sig.DAMIANO ZOFFOLI , consigliere regionale ,che ha aperto tale dibattito ,che mi ha dato la possibilita’ di esporre normative ,leggi, e critiche ,
    una risposta alle mie domande : ricordando che la cosuetudine e l’uso sono FONTE DI DIRITTO –
    PER LA QUESTIONE DELLO SCAMBIO ..La legge Biagi , citata dall’Hobbista Sig.Giuliano Serra in occasione della seduta comunale del 6 dicembre 2012 , 30 gg lavorativi e 5.000 euro di fatturato per aprire partita IVA ..Liberta’ di rivendita di oggetti regolarmente acquistati sui quali hai gia’ pagato il guadagno del commerciante piu’ IVA e Tasse ..la valutazione della presentazione di un elenco dettagliato di ogni articolo con relativo prezzo e segnalare da chi li li abbiamo acquistati ( nome cognome e indirizzo) ..la questione dei mercatini che partecipano bambini relative famiglie parrocchie ,,proloco associazioni senza scopo di lucro ecc..perche’ devo pagare una tassa per rivendere oggetti che ho pagato regolarmente…
    controlli oppressivi con multe sequestri e ora anche diffide …
    controllori regionali che controllano i controllori comunali per verificare se le leggi siano rispettate …costo di un mercatino singolo …tutti quelli senza lavoro, disperati disoccupati
    che sopravvivono con i banchetti hobbistici …e infine perche’ negli altri paesi europei per poter vendere in tali mercatini e’ sufficiente pagare allo stato un tassa minima e avere un documento ..e infine perche’ i comuni , i centri sociali le parrocchie i quartieri pur sapendo che siamo considerati evasori fiscali ci invitano loro ?
    Sempre il logorroico Laurano pensionato 73 anni ex futuro Hobbista —
    a quanti perche’bisogna rispondere per capire le cose ..basta il buon senso e la logica ..
    e valutare il periodo critico che stiamo passando …

  • E’possibile sapere con certezza da quale data si devono calcolare i 6 mesi di tempo per regolarizzare l’accesso degli hobbisti ai mercatini? Non ho ben compreso se la legge sia già in vigore con pubblicazione sul BUR del 24 maggio. Vorrei come associazione organizzatrice di piccoli eventi potere dare info certe ai miei associati, alcuni dei quali “hobbisti” che non sanno come comportarsi e da quando possono richiedere il tesserino per essere considerati in regola con la legge. Grazie.
    Diana Govoni resp.Circolo Culturale Nonsoloarte

  • monica

    Non riesco a capire… mi pare che la legge sia chiara. … chi crea è un creativo e chi prende cose vecchie e poi le rivende come le ha acquistate è un hobbista. Ci vorrebbe anche una regolamentazione o comunque un controllo più approfondito anche tra i creativi…. troppe vokte da quando faccio mercatini ho visto gente che si spaccia per creativo quando non lo è perché vende articoli acquistati in blocco e non li modifica. … sono questi soggetti che devono essere colpiti perché rovinano il mercato e i veri creativi… troppe volte ho visto negozuanti partecipare a mercatini spacciandosi per creativi…. meno tasse sul posteggio più entrate senza scontrini…. noi che creiamo dobbiamo sempre tenere i prezzi molto bassi altrimenti ti devi accontwntare di un “che bello…” mentre quste perdone tornano a casa con quasi mezzo stipendio a mercato. … anch’io sono disoccupata da oltre 6 anni ed ho iniziato a fare mercatini ma la maggior parte delle volte torno a casa che ci ho rimesso grazie a questi “furbetti” sono un pó stanca. …

  • monica

    Non riesco a capire… mi pare che la legge sia chiara. … chi crea è un creativo e chi prende cose vecchie e poi le rivende come le ha acquistate è un hobbista. Ci vorrebbe una regolamentazione o comunque un controllo più approfondito anche tra i creativi…. troppe volte da quando faccio mercatini ho visto gente che si spaccia per creativo quando non lo è perché vende articoli acquistati in blocco e non li modifica. … sono questi soggetti che devono essere colpiti perché rovinano il mercato e i veri creativi… troppe volte ho visto negozianti partecipare a mercatini spacciandosi per creativi…. meno tasse sul posteggio più entrate senza scontrini…. noi che creiamo dobbiamo sempre tenere i prezzi molto bassi altrimenti ti devi accontentare di un “che bello…” mentre queste pers one tornano a casa con quasi mezzo stipendio a mercato. … anch’io sono disoccupata da oltre 6 anni ed ho iniziato a fare mercatini ma la maggior parte delle volte torno a casa che ci ho rimesso grazie a questi “furbetti”, sono un pó stanca. …

  • stella manduchi

    La questione sorge perché nella vicina regione Marche è stato istituito il tesserino hobbista per tutti, collezionisti e a chi vende le opere del proprio ingegno creativo. E’ vero che il costo è di molto inferiore a quello stabilito nella nostra Regione e che il numero dei mercatini cui si può partecipare è di 12, ma è comunque in contrasto con la loro legge regionale che è nella parte in cui esclude i creatori d’opera, identica alla nostra! Allora mi chiedo cosa faranno i nostri comuni? Questo bisognerebbe capire, cosa succede adesso? chi viene a controllare i finti commercianti ammesso che ce ne siano?
    Stella

  • Luciano

    Sono in disaccordo con quanto espresso dal Sig. Zoffoli. I furbetti sono coloro che si possono permettere di pagare 200 eurini per 10 mercatini non la signora con 100 euro di valore sul tavolino che oltre al tesserino, dovrà pure pagare la tassa per partecipare al mercatino stesso. Ora vediamo come si comperteranno le CARITAS e mercatini Parrocchiali (o questi vengoni esentati?).Sono certo che il 95% smetterà e certo non guarderà alla differenziata quando butterà via il suo HOBBI nel bidone.Pienamente consapevole che serviva un ridimensionamento, ma questo dimostra ancora una volta che si cercano solo soldi e sanzioni (soldi).Peccato era un bel richiamo per i centri storici (dove i negozi potevone tenere aperto e incrementare le vendite) visto le loro continue LAMENTELE non sempre giustificate. Un saluto a tutti gli Hobbisti

  • Valeria

    Buongiorno….
    dopo aver letto questa notizia sono un po confusa e un po preoccupata su come dovrò comportanrmi per quanto riguarda la mia bamcarella….
    sono disoccupata e sicuramente non ho la possibilità di pagare 200 euro per un tesserino che non so se e come riuscirò recuperare e sicuramente non mi costruirò una fortuna con questi mercatini, si fanno più per la passione di creare un oggetto e di mostrare alle persone cosa si è capace di fare nel mio caso con un filo e un uncinetto,
    Io ho sempre trovato una cosa molto bella vedere sulle bancarelle lavorazioni anche antiche come il chiachierino l’uncinetto la lavorazione del legno ecc ecc. cose che i giovani non sanno quasi dell’esistenza e che in queste occasioni vengono mostrare e tivalutate…. non sono sicuramente quei 30 o 40 euro di guadagno (che spesso escluse spese per materiali, carburante e plateatico arrivano a 5 10 euro) che vanno “ad incidere sul sistema del commercio nelle aree pubbliche”

    ho letto in alcuni interventi che si fa una distinzione tra hobbisti (come coloro che vendono e barattano oggetti usati e di antiquariato) e “creatori di opere di ingegno”…. volevo chiedere qualche chiarimento su questo punto….

    io realizzo a mano con fili e stoffe gli oggetti che vendo, niente a che fare con la vendita e lo scambio di oggetti usati… e sicuramente non ho niente che possa costare + di 100 euro…

    devo ritenermi interessata da questa legge oppure no?? e sopratutto è una cosa che riguarda solo la regione emilia?? o interessa anche le altre regioni???

    ringrazio per la risposta….

    Buona giornata

  • stefania

    Salve, io faccio mercatini da 2 anni un po’ per passione un po’ per necessita’!
    Sono d’accordo che una regolamentazione sia necessaria, ultimamente infatti si vede di tutto!!! Il “mercatino delle pulci” e’ diventato sempre piu’ il bazar del riuso, ci sono mercati dove ci sono solo vestiti usati (e non parlo di vintage) o addirittura mercati dove ci sono solo professionisti che con la scusa del mercatino non rilasciano ricevuta.
    Sono completamente d’accordo sull’abolizione dei posti fissi… entrare in certi mercati e’ quasi impossibile a causa del monopolio dei piu’ anziani. Bastava fare un decreto dove veniva vietata la vendita di certi articoli (vestiti, scarpe e similari) e il divieto di partecipazioni a chi lo fa di professione (tipi antiquari con tanto di negozio). Mi puo’ anche stare bene pagare 200 euro l’anno di tasse, questo potrebbe servire per avere un monitoraggio di chi espone, controllare chi e’, cosa fa e perché, ma 10 mercati l’anno mi sembravano un ‘assurdita’. Ogni mercato mi costa 20 euro di tassa, piu’ 20 euro di posteggio, benzina, un panino… cosa rimane??? ci sono volte (aihme’ sempre piu’ spesso) che l’incasso della giornata e’ 12/30 euro!!!!!
    Non penso che inostri mercatini diano fastidio ai commercanti…. anzi!!! ci sono paesi e centri storici che senza i mercati sarebbero vuoti!!! Certi esercizi tipo bar, pizzerie, gelaterie, forni lavorano grazie al flusso di gente che i mercatini portano! Cosa sara’ di loro il prossimo anno??
    Vogliamo ridarci un’occhio a questa legge e dare una mano a chi ne ha bisogno?????
    Grazie. Saluti

  • Sergio

    Si fà tanto blaterare, capisco i politici, loro devono fare qualcosa per far vedere che fanno……, l’unica cosa che fanno con queste cavolate per non dire di peggio, è far spendere soldi ai contribuenti e nient’altro! non servono leggi nuove, mettevelo bene in testa, serve far rispettare le leggi attualmente in vigore! i mezzi ci sono, basterebbe andare dove ci sono i mercatini con personale non in divisa e osservare!, vedere cosa si vende, cosa si vende e come! se vendo una pentola vecchia non è assolutamente “MIA CREAZIONE” perciò non rientra nel novero della 114/1998!!!! questo serve, e null’altro. Auguri a tutti gli hobbisti da Sergio

  • Guglielmo

    Nella regione Marche, ove risiedo questa legge sugli hobbisti, adesso in vigore anche in Emilia Romagna, è già in vigore da due anni. Premetto che sono un artigiano (iscritto all’albo) che a causa della crisi è uscito dalla bottega per incontrare i clienti anche nei mercatini. Ebbene se prima incontravo in un mercatino una percentuale di hobbisti pari al 50%, e di essi quasi nessuno è hobbista vero ma comprano dai cinesi per rivendere, oggi con questa legge andiamo molto peggio. Infatti tutti i fannulloni ed evasori, intendo coloro che non si mettono in regola e comprano dai cinesi per rivendere, hanno preso tutti questo tesserino, che sì sulla carta impone delle regole, ma che non sono controllate da nessuno. IN due anni ho visto solo una volta un vigile urbano vidimare il tesserino!! Inoltre chiunque può scrivere sulla domanda per il rilascio del tesserino quello che dice di andare a vendere ed il comune rilascia il tesserino senza mai controllare se realmente è hobbista o no!!!! E’ solo una vergogna!!! Il tesserino per hobbisti ha ancora più legittimato l’evasione fiscale ed il delinquismo. Ma voi lo sapete che qui nelle Marche e in Abruzzo sono arrivati orde di delinquenti (veri) che pretendono di vendere con il tesserino e minacciano chi paga regolarmente le tasse e che si ribella a questa situazione??? E’ solo una vergogna. Se si vuole fare commercio da hobbista si devono pagare le tasse come tutti e si deve essere controllati come accade a tutti coloro che hanno un negozio, o sono ambulanti o altro.

  • Guglielmo

    Vorrei precisare che non sono contrario all’hobbismo e a chi con proprio ingegno ed intelletto fa delle realizzazioni veramente artigianali. Infatti ove risiedo seguo un gruppo di signore che lavorano sul posto (dove si svolge il mercatino) il tombolo o il ricamo, o chi lavora sempre sul posto il legno o persino chi lavora con la fiamma il vetro di murano. Dico solo che non ho mai visto in vita mia un mercatino di scambio o baratto, poichè viene sempre effettuata una vendita in cambio di denaro, e questo è commercio. La legge (nella marche la Legge regionale 27/2009 poi rivista e completata nel luglio del 2011) tuttavia permette la vendita di oggetti (artigianali, realizzati con proprie mani dall’inizio alla fine)sino a 250 euro (ma tale tetto è a discrezione dei singoli comuni) e gli hobbisti dovrebbero rilasciare una ricevuta generica della vendita e tale ricevuta al momento della dichiarazione dei redditi inserirla alla voce altri redditi. Sarei felice di vedere tutti veri hobbisti nelle piazze che le abbelliscono e incrementono il commercio anche dei titolari stessi dei negozi circostanti. Sarei felice infine di vedere tanti disoccupati -in questo momento di profonda crisi- che con proprio intelletto e capacità riescano a realizzare cose meravigliose e che quest’ultime permettano loro di avere un guadagno e una speranza per il futuro.

  • Michele

    Buongiorno a tutti sono michele da Brescia….. ho visto in 10 anni centinaia di mercatini a tema storico all’interno di feste rievocative medievali e non posso negare che parte della festa sono gli espositori hobbisti.
    All’interno di una festa a tema medievale è richiesto un minimo di attinenza con l’argomento trattato nell’evento.
    Inevitabilmente si sono viste scene del tipo “io faccio le collane a mano investendo ore di lavoro, quello là vende armature medievali che non fa lui”
    In rarissimi casi ho visto bigiotteria di seria e comprovata ispirazione medievale di contro molti collezionisti di armature con tanto di ricerca storica alla mano.
    Il fatto sta solo nelle regole del contesto in cui i due hobbisti si trovano e quale è il loro scopo:sentirsi realizzati per aver realizzato un oggetto unico\possedere un oggetto unico o vendere senza nessun obbligo di legge.
    Lascerei libero ogni comune , regione di scegliere le regole per il propio territorio determinati dalla propria tradizione\sensibilità culturale.
    Tutto sotto una legge quadro che sembra esistere già.

  • mari

    buongiorno,avrei qualche domanda in merito. io mi diletto a fare piccola bigiotteria(cioe’ braccialetti infilati di perline o catene molto semplici con un ciondolino(il quale e’ comprato),cioe’ io li assemblo e basta….tutto cio’ fa parte comunque delle opere dell’ingegno?

  • ANTO

    QUESTE LEGGI SONO IDEATE AD HOC CON L’UNICO SCOPO DI SCATENARE LA GUERRA TRA CATEGORIE DISTOGLIENDO L’ATTENZIONE SUI POLITICI E SALVAGUARDANDOLI DAL LINCIACCIO POPOLARE……….SVEGLIA!!!!!!!!!!!!!!
    MESSAGGIO PER HOBBISTI CREATIVI E COMMERCIANTI.

  • Morena Berti

    Salve,
    forse non è proprio il post giusto, ma vorrei anch’io dire la mia. Io sono una commerciante di un negozio al mare, tratto sia articoli da mare ma anche souvenir e calamite.. Vi sembra giusto che nel mercatino che mi fanno davanti al negozio tutti i giovedì sera, possano vendere le stesse mie calamite senza emettere scontrino perché considerati artigiani o hobbysti? In tutti i mercatini della mia città, prov. di Rn, sono presenti bancarelle di “commercianti non in regola” che vendono prodotti commerciali, acquistati dai fornitori comuni… Secondo me, dovrebbero esporre e venduti solo articoli eseguiti o assemblati dalle persone stesse che le vendono… Scusate lo sfogo…

  • Lorenzo bartoli

    Mia moglie e una libera professionista a curato l immagine anche per grandi aziende ma ora vista la crisi peggiore della storia recente del nostro paese e rimasta senza lavoro in quanto il settore dove lavora e praticamente terremotato come la nostra terra, stava pensando di provare ad arrotondare con qualche mercatino rispolverando la sua passione per l oggetti storici e modernariato, vista questa legge stiamo rivedendo il programma , in quanto probabilmente soffocherà il settore, ma forse è ciò che si vuole ottenere, capisco regolamentare ma questo significa far chiudere questi mercatini che o chiuderanno o diventeranno dei centri commerciali all aperto con dei ambulanti professionisti e qualche raro improvvisato, dispiace anche perché questi eventi regolari nei i piccoli centri erono diventati delle vere e proprie attrazioni che davano respiro anche ai negozi , nel mio paese molti negozi nel giorno del mercatino tengono aperto per non parlare di pizzerie e ristoranti.
    Ma va bene col tempo si vedrà no gl effetti e capirà anche chi deve capire, sperando che ci sia sufficiente capacità a rimediare.
    Saluti
    Bartoli Lorenzo

  • Andre

    SappiamoDa ex artigiano con licenza antiquaria vorrei intervenire a difesa degli hobbisti, con i quali per quasi un trentennio ho avuto contatto.
    Oggi che faccio parte della categoria hobbisti, avendo mio malgrado dovuto chiudere l’attività ritengo ingiusto il trattamento che si preannuncia se dovesse passare la legge.
    Premetto che molti hobbisti abbiano abusato pesantemente nel passato, facendo non pochi guadagni senza dichiarare nulla del tutto ,questa pratica non è priorità dei solo hobbisti ma di tutte le categorie lavorative che non hanno una busta paga.
    È facile essere ipocriti e additare gli altri come esempio negativo.
    Il mio ragionamento è un altro, basato sulle difficoltà del mercato che oggi vede solo segni negativi,specialmente per il settore del superfluo come appunto quello dell’antiquariaro e del collezzionismo che ha visto crollare le vendite e i costi dei suddetti oggetti,in più si deve segnalare che le nuove generazioni sono totalmente distaccate da questi articoli oramai obsoleti.
    Può sembrare strano che oggetti comperati tempo addietro non riescono nemmeno a recuperare il costo di base non calcolando poi le spese aggiuntive di mantenimento del suddetto.
    Avendo nel tempo accumulato molto materiale sia per l’attivitàroprio gusto, oggi mi ritrovo incapace di mantenere questa massa di oggetti, dovendo pagare un affitto per il deposito e non potendoli vendere, perché con le nuove regole sarò impossibilitato a farlo.
    Avendo già avuto una passaggio fiscale questi oggetti essendo usato, anche se molti di essi di pregio,mi domando cosa deve avere ancora lo stato da tassare su di essi se non la plusvalenza tra l’acquisto e la vendita,se questa è prevista in attivo, oggi purtroppo non è cosi e molti di questi vengono venduti come già detto a meno del loro costo di acquisto.
    Provate ad immaginare di avere in casa molte cose delle quali volete disfarvi e non potete farlo perché non vi è permesso,quindi dovrete affidarvi ad un franciaising oppure un commerciante che fara il prezzo che più ritiene idoneo,sapendo che molti non conoscono il valore di ciò che posseggono oppure non ne sono aggiornati.
    Quindi il problema si risolve solo con il regolarizzare tutti hobbisti compresi.
    Si dovrebbe distingure chi ne fa una professione e giornalmente può proporre i suoi articoli da chi tramite mercatini possa avere la possibilità di commercire oggetti di casa, collezzionati, ereditati o comperati nel passato.
    L’imitare il numero dei mercatini agli hobbisti non lo ritengo errato come è giusto indicare su un registro gli oggetti che si hanno e che si vuole provare a vendere, che non provengano da illeciti, e obbligare alla ricevuta che dovrebbe diventare fiscale sopra a un giro daffare per il quale anche hobbista ci paghi l’iva e la contribuzione per le ore lavorative effettuate.
    Se non posso permettermi di aprire una partita iva e volessi fare il commerciante a ore avere la possibilità di essere in regola nei mercatini prestabiliti che il comune mette a disposizione.
    Dare la possibilità di attivarsi potrebbe essere un modo di crearsi un lavoro che oggi manca, privo di quella burocrazia che invece di aiutare affonda tutte le iniziative.
    Ripeto stiamo parlando di piccole realtà che non possono oggi essere attive per i costi troppo elevati e che per funzionare non debbano essere strangolate dal sistema.
    Cordialmente un hobbista

  • A parer mio si gioca sul nome hobbysti, l’ hobbysta non è colui che svuota la cantina per vendere il recuperato,ma colui o colei che opera del proprio ingegno vende le cose che con sacrificio, spendendo soldi per la materia prima o recuperandola inventa o produce, costruendo cose che in un negozio non si trova pezzo uguale. Per quanto riguarda i controlli per i commercianti che dopo aver trovato da ridire sul nostro diritto di vendere nostri prodotti, non espongono prezzi e non rilasciano scontrini! a questo riguardo sarebbe meglio che invece di legiferare inutilmente sperperando i soldi dei contribuenti, chiedessero agli organi preposti di effettuare controlli diretti a smascherare i truffatori che non pagano le tasse e vendono tranquillamente senza fare scontrini. Questo il punto, basta leggi insulse, far rispettare le leggi in corso, ma forse si perdono voti.

  • massimo

    Buongiorno,
    anch’io appartengo alla folta e risoluta schiera dei creativi.
    In un comune del Forlivese mi è stato detto alcuni giorni fà che anche noi creativi(opere del proprio ingegno)saremo soggetti alle nuove normative (cioè 200euro e dieci mercatini all’anno)ad esclusione dei pittori e degli scultori.
    Sembra ci sia un pò di confusione nell’apprendimento di quello che veramente è,da parte sia di chi dovrebbe fornire notizie sicure lavorando in comune,sia da parte dei vari organizzatori ,che risultano essere vaghi ed incerti.
    Sarebbe bello avere un “si lo puoi fare “perchè appartieni alla categoria autocertificata e dimostrabile in loco dei creativi,oppure un “no mettiti il cuore in pace” che farai parte anche tu dei castigati.
    Mi scuso per l’esposizione allegorica ,ma cerco di essere a tema con quello che accade .
    Grazie Massimo

  • chiara

    Buongiorno. Sono una creativa, realizzo bijoux e oggetti handmade per hobby ma vorrei esporre e vendere le mie creazioni in conto vendita presso un negozio. Mi chiedo, dunque, se posso farlo legalmente: devo rilasciare fatture, scontrini ecc? devo dichiarare quello che guadagno anche se si tratta appena di qualche centinaia di euro l’anno? Infine, il negoziante come si deve comportare? deve emettere scontrini quando vende le mie creazioni? Cerco qualche delucidazione da un esperto. Grazie.

  • nicola

    ma non avevano altro da fare?
    mi domando, ogni tanto partecipo a delle mostre scambio organizzate tra aeromodellisti, non è raro che un singolo pezzo, magari pagato 800 euro, venga venduto a 3/400 assieme ad altri a quotazioni analoghe, mettendo magari in vendita ( ma non necessariamente vendendo) pezzi per qualche migliaio di euro ( è un hobby costoso, ma solitamente si vende per ricomprare altro).
    spesso, questi mercatini son aperti al pubblico e organizzati con patrocinio di comuni in luoghi piu o meno pubblici.
    che dovremmo fare? mollare tutto? Organizzarli solo ed esclusivamente in luoghi privati? ma non è che magari mettono bocca anche su questi?

  • Elvira

    Salve
    Io mi diletto a confezionare bigiotteria sia con materiali classici (perline,ciondoli ecc) che materiali alternativi tipo stoffe ecc., frutto della mia fantasia.
    Vorrei sapere se rientro nella categoria dei creativi, come io mi considero.
    Sono grata a chi voglia rispondermi.
    Grazie

  • wilma

    ho cercato di leggere tutti i post, ma sono veramente molti, vorrei fare una distinzione altrimenti si crea una grande confusione, gli HOBBISTI sono considerati, da noi commercianti, coloro che fanno del commercio senza una regolare licenza e che dovrebbero vendere le loro collezioni o vuotare le loro cantine, poi STOP. Artisti dell’ingegno (grazie all’On. Bersani) sono quelli che creano con le loro capacità operative. Chi va dai cinesi o in magazzino e rivende dicendo che le collanine le fa lui è un finto artista dell’ingegno e quindi alla stregua di un ABUSIVO. La legge dovrebbe partire a gennaio 2014. Il tesserino di 200 euro vale x 20 uscite in due anni, quindi 10 euro a mercato, nemmeno il costo dell’IVA se si incassano 100 euro. Tenuto conto che gli hobbisti sono x lo più dei commercianti cammuffati,che fanno più mercati di un regolare, se la Finanza chiedesse l’elenco di coloro che frequentano i mercatini in Emilia Romagna, Marche, Veneto, Toscana e anche solo Gonzaga, ne uscirebbero delle belle. Vorrei poi che voi hobbisti mi raccontaste come fate a coprire le spese che un regolare non può permettersi. Concordo con chi ha scritto che la colpa è di chi doveva vigilare, ma si sa, pur di fare spettacolo i Sindaci hanno chiuso tutti gli occhi ed ora sbagliando raccontano alla gente che andare a gennaio la modificheranno. LA LEGGE è APPROVATA. Se i Sindaci o le Pro Loco non vogliono svuotare i loro Paesi devono darsi da fare e chiedere al Governo una Legge quadro che regolamenti il settore come hanno fatto in Francia, mettiamo una quota annua di 1000 euro e tutti in campo vinca il migliore. I cari pensionati baby, etc….che fanno questo mestiere da vent’anni abusivamente hanno fatto bene, ora dovrebbero ringraziare e pensare di smettere o prendere la licenza

  • roberta

    il tutto potrebbe essere più o meno accettabile.ma si è discusso dei costi proibitivi delle aree?per 42 gg di esposizione nel periodo natalizio,sono costretta a pagare 6000€ e poi mi si avverte che non posso guadagnare oltre i 1000€..c’è qlc che non torna…!

  • flo

    allora..io non posso vendere oggetti con il prezzo massimo di 100 euro-..non posso guadagnare più di 1000 euro..devo paìgare 200 euro al comune..ma poi faccio i mercatini senza pagare altro?? perchè se poi devo aggiungere altri soldi per le organizzazioni,quanto perdo..e quando ci sono i mercatini natalizi che ti chiedono più di 1000 euro..è già sottinteso che vado a perderci perchè non mi rifaccio nemmeno il prezzo che ho pagato..non so se ho capito male..vi ringrazio per avermi ascoltata.ma vorrei capire… buona giornata..

  • marcello

    dopo aver letto tutti i commenti, come sempre la cosa che piu’ mi crea disgusto è l’ignoranza di chi si pulisce la bocca col termine “evasione fiscale”, pratica particolarmente attiva nelle aree politiche sinistre.
    probabilmente nessuno di voi è informato sulle cifre nello specifico, vi rendo partecipi: dei 125 miliardi di evasione stimata annua, ben 104 miliardi sono evasi dalle BANCHE E DALLE MULTINAZIONALI, i rimanenti 21 (cifra di tutto rispetto per carità) sono suddivisi invece tra liberi professionisti, criminalità organizzata, pusher all’angolo della strada, bar che dimentica di fare lo scontrino per le caramelle, ladri di galline, venditori di 4 cazzate ai mercatini, lavoro in nero, la mia vicina che mi stira le camicie per 4€ l’ora, evasori totali, fumo negli occhi cortina d’ampezzo, fumo negli occhi dolce e gabbana, valentino rossi et company, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.
    il (ig)nobile corpo della guardia di finanza, dal 1992 (trattato di schengen ad oggi) ha recuperato da banche e multinazionali, un importo pari ZERO. si avete letto bene, zero euro recuperati dai piu’ grandi evasori.
    quindi i genii del pd che fanno? rompono i coglioni ai poveracci per strozzarci ulteriormente e poi offrire (se hai la carnagione sufficientemente scura) un piccolo assistenzialismo tanto per far vedere quanto siano buoni e bravi.
    ma nonostante cio’ ci sono e sempre ci saranno degli emeriti coglioni a votarli (che vi offendiate o meno è la pura verita’).

    ma non è tutto, vi dimostro quanto possiate essere dei gran coglioni: come ho scritto sopra, i piu’ grandi evasori sono BANCHE e multinazionali, e non vengono mai sanzionate; sul sito web del pd (oltre alla storia mps) c’è la scritta cubitale SPONSORIZZATI DA GOLDMAN SACH.

    concludo: il costo del patto di stabilità è di 800 miliardi l’anno
    il costo del “ce lo chiede l’europa” è di 600 miliardi l’anno
    il costo dell’anatocismo bancario sul debito (reato mai sanzionato) è di 75 miliardi l’anno
    il costo della corruzione politica è di 85 miliardi l’anno
    l’elusione fiscale delle multinazionali è di 105 miliardi l’anno
    l’elusione fiscale delle banche sulla creazione di denaro dal nulla (norma della riserva frazionaria al 2% firmata da quell’escremento umano di nome carlo azeglio) è da calcolare sulle commissioni per movimenti di circa 980 miliardi l’anno.

    ma voi pensate pure agli hobbisti…

  • Sto seguendo da un pò questa legge, ancora da completare l’iter. Vorrei contribuire anch’io a questo scambio d’opinioni.
    Trovo che ci sia una confusione nel linguaggio: Hobby i”ndica un’attività praticata nel tempo libero per piacere, interesse e divertimento” negli ultimi tempi hobby è sinonimo di “pratica artistica” e come recita la legge, “prodotto del proprio ingegno creativo, in maniera saltuaria e non continuativa” Questo per sintetizzare.
    I mercatini a cui fa riferimento, secondo me, la legge che sta per essere approvata nella Regione Emilia Romagna, è per i “rivenditori di merci usate”.. giusto? Ma.. ma… c’è sempre un ma.. Secondo me in quella legge non si tiene conto dell’attuale situazione economica di noi italiani.
    Mettersi a tentare di vendere “il prodotto del proprio ingegno creativo” dopo un corso di soli due ore… è o per Presunzione oppure.. per necessita = perdita del lavoro, arrotondare magre entrate..etc… Questa motivazione secondo me, ha molta più valenza per i “rivenditori di merci usate” che magari vanno a vendersi il vestito buono per portare a casa qualche soldo per fare la spesa… e se poi non è il vestito buono proprio e magari è quello del vicino… o quello che recuperano dalla discarica… il problema non cambia. Se vado a vendermi la bicicletta, o gli scarponi da sci per portare a casa 50 Euro… ne devo pagare 200? Faccio presente che io sono oltre che essere un’ex-commerciante, anche un’associazione che organizza feste di via con artigiani e hobbysti e per quanto nel corso degli anni sono successe situazioni parecchio incresciose.. non trovo che questo sia il modo migliore di “arginare” i disonesti= p.i. che passano per hobbysti, gli “artisti” presuntosi, etc…Il volume d’affari di un hobbysta e//o riveditore di merci è talmente irrisorio che non credo danneggi la categoria. Anche perchè mercatini dell’usato e negozi che vendono il “fatto a mano” c’è nè a iosa. voi direte “questi pagano le tasse”. allora io chiedo, qual’è il problema? le tasse non pagate o il presunto danno al commerciante? Forse nelle altre Regioni la cosa non viene neanche presa in considerazione, proprio in considerazione del fatto che permettendo, sul filo della legalità e “urtando” le categorie, forse.. dico forse… avremo meno gente presa dalla disperazione decide di andare a scippare in giro… Forse esiste un’altra via?

  • Scusate la mia lunghezza.. ma non ho la capacità di sintesi. Verificare, controllare che tutto ciò che viene proposto alla vendita nei cosidetti mercatini di hobbysti che creano con le proprie mani e fantasia ( non i mercatini dell’usato) è COMPITO DI CHI ORGANIZZA la manifestazione! e poi l’assegnazione degli spazi deve necessariamente tenere conto delle merceologia del negozio fisso, non mettere davanti ad esso la stessa merceologia.
    E ancora… adesso passo dalla parte degli hobbysti… Se non volete le “bancarelle” per stimolare i cittadini ad uscire di casa, organizzate voi attrazioni che non vanno a ledere il vostro lavoro. Le “bancarelle” fanno comodo… e facevano molto molto comodo 10/15 anni fa.. quando non c’era tutto questo proliferare di pseudo-creatori, psuedo-rivenditori di merci usate.
    Al successo di un qualsiasi evento, a tema o no, concorrono tutti, la partecipazione dei commercianti della via dove si svolge l’evento, un’ottima organizzazione, attrazioni per bambini,magari anche cibo… e “tante bancarelle” … possibilmente di qualità!

  • Riccardo

    Buongiorno, vorrei portare la mia esperienza personale: sono collezionista di libri e fumetti, in tanti anni ho accumulato una quantita’ di materiale che per motivi di spazio mi trovo in necessita’ di cedere; i commercianti professionisti offrono cifre modestissime o non sono interessati al riciclo dell’usato, ma solo dell’antiquariato; ho cominciato cosi’ a fare qualche mercatino (non piu’ di uno al mese) come hobbysta nei mercatini specializzati come Bibliografica a Cento (FE) o Libri sotto i portici a Castelgoffredo (MN); complice anche la crisi economica pero’ il risultato finora e’ stato deludente, c’e’ poco interesse a spendere sia per leggere occasionalmente sia per collezionare. Il fatturato di una giornata si aggira, se va bene sui 50-70 € da cui togliere la tassa del suolo e le spese di viaggio, praticamente non rimane quasi niente se non la soddisfazione di avere ceduto un proprio oggetto che ha una sua storia a una persona che si spera ne avra’ cura e qualche simpatica chiacchiera con gli appassionati. Sono d’accordo che ci voleva una regolamentazione per smascherare il fenomeno dei finti hobbysti rispetto ai commercianti dichiarati; secondo me era sufficiente limitare il valore complessivo della merce esposta (cosa che mi sembra sia stata fatta) e la quantita’ di mercatini a cui partecipare (10 all’anno mi sembra poco, almeno 20), pero’ non e’ possibile fornire tutte le volte una lista dettagliata degli oggetti esposti, ci vuole un po’ di elasticita’. Vorrei anche sottolineare l’importanza del mio settore merceologico, il riciclo dei libri usati e’ un evento culturale, vedi il book-crossing. Infine preciso che sono un lavoratore in esodo con assegno aziendale di sostegno al reddito per accompagnamento alla pensione che maturero’ tra due anni!

  • massimiliano

    mio padre è stato collezionista di francobolli,monete e cartoline per quasi 50 anni.
    ora grazie alla crisi,alla ricca pensione ( 800 euro )si trova nella necessità di vendere la sua collezione.
    ha contattato diversi commercianti i quali erano felici di pagarla un decimo del suo valore.
    i mercatini non ci permettono di venderla visto le leggi atte solo a bloccare ciò che nel resto d europa è incentivato e che diventa un valore aggiunto all economia del paese.
    grazie,grazie,grazie politici italiani per l ennesimo salasso nei confronti della gente comune.

  • Wilma

    Vorrei nuovamente confrontarmi su alcuni commenti appena lett: la Signora Roberta che dice di essere una creativa, parla di pagare 6.000 euro x una fiera alla quale partecipa, se il reddito non può superare i 3.500 euro come fa lei ad investirne 6.000? Nemmeno uno in regola potrebbe farlo. Evidentemente gli utili valgono la candela. Questo x fare capire che in realtà qui si parla di piccoli artigiani che a Natale probabilmente fanno i lunghi periodi dentro ai Supermercati ed incassano cifre notevoli.
    Al contrario il sig. Daniele dice di fare 8 mercati al mese ed incassare 180/200 euro, però spende a comperare materiale tipo perle di Murano che costano una cifra, ma chi glielo fa fare ? Le conviene stare a casa, perché se toglie le spese lei è in rimessa.
    Concordo con la sig. Carmela, dovevano essere gli organizzatori a controllare e chi sopra di loro, perché ora chiunque diventa organizzatore e forse alla fine è l’unico che guadagna, basti vedere i mercatini in Romagna gestiti quasi unicamente da due ditte.
    Direi che si è giunti a questa legge proprio perché ora chiunque: chiese , pro loco, onlus e privati organizzano ogni sorta di fiera e mercato. Siamo saturi è più l’offerta della domanda.

  • Francesca

    Buongiorno a tutti abusivi e non , sono un ambulante con regolare licenza e vorrei dire giusto due o tre cosine al riguardo. Innanzitutto da commerciante vorrei dire che non mi piace una legge che permette di lavorare senza licenza , non esiste una categoria meno tutelata della nostra e questa è la dimostrazione ! X non si sa ( o forse si ) quale motivo x combattere l abusivismo che ha ormai invaso piazze e fiere da anni non hanno trovato di meglio che regolarizzarli permettendo comunque di vendere in nero ! Ma facciamocela andare bene con la speranza che ci siano i dovuti controlli e i timbri sui tesserini !!! Chissà magari se questa è la strada giusta x combattere l abusivismo si potrebbero estendere i tesserini anche x le parrucchiere abusive,x le estetiste, i muratori, ecc !!! Ho letto i vari commenti degli hobbisti che si lamentano non credo x i 200 euro ma x i limiti dei mercati , certo li capisco da 4 al mese a 10 in un anno !!!!! Ma scusate è un hobby o un lavoro ? Che strano paese il nostro ci siamo inventati l hobby di fare del nero !!! Xchè se vendi , quindi guadagni sei un commerciante non un hobbista !! Avete fatto gli abusivi x 20 anni e non è che avete acquisito il diritto di continuare a farlo !!!!! Dovreste ringraziare che i nostri politici vi tutelino xchè se fosse x me è credo x tutti i commercianti onesti vi obbligherei a prendere una licenza !!! Chi di voi è disoccupato e piange x questa legge e non sa come fare mi permetto un consiglio, prendere la licenza non costa nulla non è vietato non si rischia nulla , certo dopo bisogna pagare INPS IVA commercialista suolo pubblico tasse varie , capisco che lavorare in nero è più facile ,più remunerativo, ma sarebbe un po’ illegale x lo stato italiano …… Bene , detto questo sfatiamo il mito della vecchietta che non arriva alla fine del mese xchè io che frequentò mercati non ne conosco una , i banchi degli hobbisti che partecipano a mercati e fiere sono banchi di modernariato e antiquariato molto belli e ricercati e i prezzi da commercianti esperti !!! In effetti loro non avendo tasse si possono permettere di acquistare più di me ! Tutti o quasi infatti hanno un altro lavoro …… Vorrei dire a tutti i sindaci che chiedono di rivedere la legge in favore degli abusivi che si devono vergognare , se non sanno fare di meglio x attirare gente nei loro paesi che far lavorare la gente in nero cambino mestiere !!!! La mafia non si tollera si combatte !!!!!! Nessuno si è domandato come mai sta legge ha fatto più discutere che il problema delle staminali ? Si sono toccati interessi di tanti specialmente delle associazioni private che li organizzano !!!!! La scusa che c è crisi non autorizza le persone a eludere la legge e le istituzioni non lo devono permettere !!! Anch’io come tutti faccio fatica ma non x questo mi metto a spacciare !!!! Mi auguro che questa legge porti un po’ d ordine e legalità pretenderlo da chi ci governa capisco che è un utopia ma è anche da queste piccole cose che si dovrebbe partire e gli hobbisti si facciano un esame di coscienza se c’è l hanno !!! Francesca