Una nuova legge per la cooperazione sociale

EntrustQuale futuro per la cooperazione sociale, in tempi di contrazione delle risorse pubbliche e di emersione di nuovi bisogni dalla società? È una domanda alla quale stiamo cercando di rispondere con la definizione di una nuova legge regionale.

In Emilia-Romagna le cooperative sociali regolarmente registrate sono più di 900 e danno lavoro ad oltre 36.000 operatori, 3.000 dei quali svantaggiati (occupati in cooperative di inserimento lavorativo), per un volume d’affari complessivo di circa 1.600 milioni di euro. Dal 2013, gestiscono circa l’80% dei servizi diurni e residenziali, oltre all’assistenza domiciliare a persone anziane e disabili; così come il 40% dei servizi rivolti alla prima infanzia e la quasi totalità delle residenze per minori tossicodipendenti.

Le cooperative sociali incarnano una tipologia di imprenditorialità solidale che delinea un modello di sviluppo attento alla coesione territoriale e alla promozione della persona; sono una realtà fondamentale del sistema di welfare regionale e hanno dimostrato grande capacità di tenuta alla crisi economica tutt’ora in corso.

Ecco perché, a 10 anni di distanza dal primo intervento legislativo (L.R. 7/94 “Norme per la promozione della cooperazione sociale”), dopo un ampio confronto con tutti i diversi soggetti sul territorio, è necessario approvare una nuova disciplina che non solo recepisca le modifiche normative nel frattempo intervenute, ma costituisca uno strumento più adeguato per affrontare i nuovi compiti che le cooperative sociali sono chiamate a svolgere, anche immaginando un regime fiscale che sappia premiare la pratica solidaristica.

La prima grande novità è contenuta nell’articolo 1 della proposta di legge, che riconosce il ruolo e la funzione pubblica esercitata della cooperazione sociale: un segmento di impresa, pur di natura privatistica, che è diventato parte integrante dell’offerta di servizi della nostra Regione e opera per l’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e deboli.

Tutto questo nell’ottica di sussidiarietà circolare, per cui lo spazio pubblico non è solo appannaggio delle pubbliche Amministrazioni, ma è frequentato da tutti quei soggetti che, nella gestione dei “beni comuni”, si assumono una responsabilità di fronte ai cittadini e all’intera comunità. Cooperative sociali, quindi, intese non solo come erogatrici di servizi, ma prevedendo la partecipazione dei soggetti non profit alle diverse fasi della programmazione, progettazione, realizzazione e valutazione dei servizi e degli interventi.

Il progetto di legge allarga il concetto di “svantaggio”, riferendolo non solo alle persone con deficit psico-fisici, ma anche ai lavoratori “deboli” rispetto all’accesso al mercato del lavoro.

L’idea è di valorizzare le cooperative quali soggetti che creano nuova e buona occupazione, svolgono formazione professionale e orientamento al lavoro, e non solo occupano persone svantaggiate, che rimane comunque la loro missione originale. La Regione favorirà l’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate che cesseranno di essere soci lavoratori o lavoratori di una cooperativa sociale, anche concedendo ai datori di lavoro che li assumeranno (con contratto di lavoro di apprendistato e/o a tempo indeterminato) un contributo fino al trenta per cento del costo effettivo della retribuzione, per una durata non superiore a due anni.

La proposta di legge dettaglia il tema delle clausole sociali di riserva (per servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi) e prevede che, per l’affidamento dei servizi, nella scelta dei contraenti, si prendano a riferimento elementi diversi dal solo criterio del massimo ribasso; annualmente, tutti gli Enti pubblici dovranno riservare alla cooperazione sociale di tipo B almeno il 5% dell’importo complessivo degli affidamenti e delle forniture.

C’è poi un’attenzione volta ad accorciare i tempi di pagamento della PA e la previsione di estendere anche alle cooperative sociali i servizi di Intercent-ER, la struttura regionale di acquisto.

È prevista la possibilità di sostenere con contributi ed agevolazioni gli interventi e gli investimenti delle cooperative sociali (in particolare per quel che riguarda la green economy), a cui potranno anche essere affidati beni (immobili o strumentali) pubblici in concessione gratuita.

Per favorire sempre più la capacità imprenditoriale della cooperazione sociale, aumentandone l’autonomia e la possibilità di stare sul mercato per superare la “dipendenza” dal committente pubblico, servono nuovi strumenti di gestione economico-finanziaria. Per questo la Regione eroga contributi al Consorzio fidi tra imprese cooperative al fine di costituire e integrare un fondo rischi che non sia solo destinato ad abbattere i tassi di interesse e ad agevolare l’accesso al credito, ma preveda l’attivazione di strumenti, anche sperimentali e innovativi, di finanza sociale interattiva, destinati alla partecipazione diretta o indiretta, sia delle cooperative che del Consorzio stesso, al capitale di rischio per l’attivazione di nuovi servizi.

Infine, pensiamo che una nuova legge non debba limitarsi a difendere l’esistente, ma debba cercare e aprire strade nuove: per questo è opportuno valutare anche l’ipotesi di un azzeramento dell’IRAP (che oggi, con un’aliquota del 3,21%, vale 16 milioni di euro) o, in alternativa, l’applicazione dell’aliquota all’1,90% (come avviene per i soggetti che operano nel settore agricolo e della pesca), da intendersi come aiuto strategico allo sviluppo della cooperazione sociale.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Una nuova legge per la cooperazione sociale

  • domenico settanni

    La Cooperazione Sociale rappresenta una RISORSA IMPORTANTE per un welfare territoriale condiviso, sia per la parte che riguarda il settore socio-sanitario assistenziale, che quello dell’inserimento dei soggetti svantaggiati.
    Quale coordinatore del GRUPPO DI LAVORO PARITETICO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE di FORLI’-CESENA istituito presso la DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO di FORLIì-CESENA mi sono occupato per anni SIA A LIVELLO REGIONALE che MINISTERIALE di TALE PROBLEMATICA CONTRIBUENDO A FAR CRESCERE questa realtà imprenditoriale, sia nei numeri che nel fatturato.
    Pur in questo momento di grave crisi la COOPERAZIONE SOCIALE resiste cercando di dare risposte ai bisogni della collettività e nella fattispecie anche ai più deboli e con maggiori difficoltà.
    Ritengo importante PROCEDERE A UNA RIFORMA di una normativa che, alla luce anche dei nuovi bisogni, necessita di talune integrazioni e modifiche.
    Oggi come consigliere di due Cooperative Sociali e componente del comitato provinciale e regionale ANMIC sento tale necessità e mi rendo disponibile, come in passato, per fornire un mio contributo.
    DOMENICO SETTANNI

    • Caro Domenico,
      ti anticipo che, come Gruppo assembleare del Partito democratico, stiamo organizzando un’iniziativa pubblica sul tema, proprio per confrontarci sulla nuova proposta di legge regionale e ascoltare proposte/idee/suggerimenti dalla cooperazione sociale (rappresentanti, operatori, …) di Forlì-Cesena
      Parteciperà anche il mio collega Consigliere Marco Carini che, più da vicino, ha seguito tutto l’iter della proposta.
      La data prevista è giovedì 30 a Cesena (ma è ancora un’ipotesi), te ne darò conferma (assieme all’orario) nei prossimi giorni.
      Spero che, anche in quell’occasione, riuscirai a partecipare e a portare il tuo contributo.
      Un caro saluto e a presto,
      Damiano Zoffoli