Pugno duro contro la violenza sulle donne

Presentata una risoluzione che chiede pene severissime per chi sfigura le donne con acido.

Stop Violence Against WomenVenticinque consiglieri regionali, in rappresentanza di tutti i gruppi assembleari, hanno depositato una risoluzione sul tema della violenza sulle donne: “è una battaglia di civiltà, non più rinviabile. Serve una presa di coscienza trasversale di uomini e donne, ed azioni conseguenti” spiega Damiano Zoffoli, tra i firmatari del testo.

“Dopo tre casi nell’arco di pochi giorni, riteniamo sia opportuno intervenire nel modo più intransigente possibile, a livello normativo, contro le aggressioni con acido. – prosegue Zoffoli – Si tratta di una violenza di una brutalità inaudita, che non solo sfigura, ma toglie identità, stima e futuro alle vittime. Non è tollerabile che una cosa del genere accada nel nostro Paese: servono pene severissime come deterrente in grado di scongiurare il ripetersi di questi episodi”.

Il testo riporta, come segnale positivo, l’aumento delle denunce di casi di violenza, maltrattamento e stalking da parte delle donne, che hanno trovato il coraggio di reagire e difendersi, ma la risposta dello Stato, delle istituzioni e della società è del tutto inadeguata. Nel solo 2012, in Italia, si sono verificati 127 femminicidi, e dall’inizio del 2013 sono già 25 le donne uccise, quasi sempre da un compagno, un parente, qualcuno di cui si fidavano.

La risoluzione invita la Giunta a rafforzare l’opera di sostegno alle vittime della violenza, sostenendo la rete di case-rifugio e i centri anti-violenza attivi in regione; alla Giunta si chiede, inoltre, di promuovere la cultura dell’uguaglianza, del rispetto e della valorizzazione della donna, attraverso l’educazione scolastica e tramite campagne di sensibilizzazione contro gli stereotipi di genere e l’uso distorto del corpo femminile, come veicolo di messaggi non rispettosi. La risoluzione chiede al Governo di dare immediato avvio alla task force annunciata per contrastare la violenza di genere, e al Parlamento di intervenire sulla legislazione per aggiornarla e monitorarne la corretta applicazione.

Prosegue, nel frattempo, la raccolta di firme per la presentazione della proposta di legge di iniziativa popolare recante “Norme per la creazione della rete regionale contro la violenza di genere e per la promozione della cultura dell’inviolabilità, del rispetto e della libertà delle donne”, elaborata dalla Conferenza delle donne del PD Emilia-Romagna.

In tutto il territorio regionale, il Partito democratico è mobilitato, con banchetti in piazza ed iniziative pubbliche, per sensibilizzare i cittadini su questo fenomeno, ancora troppo taciuto e sommerso.

Per maggiori informazioni (anche su dove firmare) è possibile contattare il Pd Cesena (0547 21368).

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Pugno duro contro la violenza sulle donne

  • Fringui

    Ottima iniziativa. Ma nella risoluzione non mi pare si parli di “pene severissime”, bensi si invita il Parlamento “a verificare l’efficacia della Legislazione vigente intervenendo per il suo aggiornamento ove necessario e monitorandone la corretta applicazione”. Un po’ vago …

  • mirella ceccarelli

    Pensavamo noi occidentali che con la vicinanza di vita sociale con questi popoli di poter far emancipare i popoli orientali abitudinari in questo tipo di violenza alle donne: quello di sfigurarle con l’acido annullando la loro identità anagrafica, sociale e psicologica. Ma questo tipo di cultura sta prendendo piede anche da noi.
    Dobbiamo intervenire con forza, inasprendo le pene, ma anche intervenendo culturalmente.
    Non dobbiamo farci sopraffare da queste abitudini barbare. Cominciamo dalla nostra Regione per essere un esempio di civiltà nel rispetto della persona sperando che anche tutto il territorio nazionale ci segua su questa strada. Potenziando, certo, i centri antivolienza per aiutare le donne ad uscire in modo non traumatico da questo periodo nefasto della loro vita, ma AGIRE ALL’ORIGINE CHE DETERMINA IL BISOGNO QUESTA STRUTTURA SOCIALE E SANITARIA DI SOSTEGNO. Quindi agire nella “testa” e “nel cervello” degli uomini. Col sostegno e solidarietà di tutto il genere maschile.
    Mirella