A un anno dal terremoto, l’Emilia ferita si racconta

20 maggio 2012 - Il terremoto in Emilia RomagnaL’emergenza non è finita, la ricostruzione è in corso e occorreranno ancora parecchie azioni a sostegno delle comunità coinvolte. Il bilancio per il territorio emiliano è stato terribile: 28 morti, 300 feriti, 45.000 sfollati, 13 miliardi di euro di danni di cui almeno 6 alle 35.000 imprese di un’area capace di produrre, da sola, il 2% del Pil nazionale. Ciononostante, i dati che fotografano la situazione attuale parlano chiaro: l’Emilia si è rialzata e sta ora fronteggiando la difficile fase di transizione per ritornare alla normalità.

Un minuto di silenzio, in ricordo delle vittime del terremoto che ha colpito la Regione nel maggio scorso, ha aperto la seduta odierna dell’Assemblea legislativa che ha ascoltato la comunicazione della Giunta sulla situazione nelle zone terremotate, ad un anno dal sisma (il 20 maggio la prima scossa, magnitudo 5.9; il 29 la replica, magnitudo 5.8).

“Se guardiamo indietro – ha affermato il presidente della Regione, Vasco Errani, nel suo intervento – possiamo dire di aver fatto un grande lavoro e anche un servizio del Paese. Molto resta da fare, ma abbiamo scritto una pagina per molti versi inedita, grazie ad un lavoro di comunità. E la reazione della comunità emiliano-romagnola è stata straordinaria; frutto di una profonda cultura dell’aiuto e del lavoro, che ha portato a ottimi risultati in poco tempo”. Errani ha assicurato che le risorse ci sono e cominciano ad arrivare: “Credo che riusciremo a rispondere fino in fondo ai danneggiati. Ammontano a circa 1 miliardo di euro le risorse mancanti per chiudere il cerchio di tutti i finanziamenti necessari”.

L’assessore Gazzolo nella sua relazione ha scandito, uno per uno, tutti i 28 nomi delle persone decedute; poi l’assessore Muzzarelli ha ricordato che nell’area del cratere, dopo il sisma, c’erano 41.335 persone in cassa integrazione, mentre oggi sono scese a 2.627: segno di un’economia che sta tornando lentamente ai livelli pre-sisma. Sono ancora in corso 2.660 pratiche di domande per la ricostruzione degli edifici, delle quali 600 già in pagamento. Ricostruzione che sta ovviamente facendo seguito agli interventi sulle scuole (priorità delle priorità, per non cancellare i sogni e il diritto al futuro dei giovani), ai 1.515 interventi di opere provvisionali e alla rimozione di circa 400 mila tonnellate di macerie.

L’Assemblea legislativa ha quindi approvato, all’unanimità, una risoluzione che mette nero su bianco le richieste dell’Emilia-Romagna a Governo e Parlamento. Nel testo, affinché giungano risposte positive, si chiede la modifica del decreto 43 del 26 aprile 2013 (con il quale è stato anche prorogato lo stato di emergenza al 31 dicembre 2014) e precise misure per la ricostruzione e il sostegno a imprese, famiglie ed Enti locali. Dall’allentamento del patto di stabilità, allo sblocco delle assunzioni e degli straordinari per i Comuni e le Province colpite dal sisma. Dall’ulteriore proroga (a tutto il 2013) dei termini di pagamento dei tributi, alla possibilità di prestito fiscale senza interessi a favore delle imprese, con restituzione della quota in cinque anni anziché due. E, sempre per le aziende, la possibilità di spalmare le perdite del bilancio 2012 negli esercizi finanziari dei cinque anni successivi, oltre a misure di sostegno al reddito di professionisti, lavoratori autonomi e precari.

È possibile scaricare il dossier “A UN ANNO DEL TERREMOTO” cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.