La Regione incontra le sentinelle della mobilità sostenibile

Lunedì 27 maggio a Bologna una delegazione di circa 60 bambini sarà in Assemblea legislativa, atto finale di “Siamo nati per camminare” 2012/13.

Foto Copyright Comune di CesenaIl miglior mezzo per la mobilità sostenibile, economico, affidabile, pulito, è più vicino a noi di quanto si possa pensare: sono i nostri piedi. Andare a piedi piuttosto che in auto, sui tragitti brevi, non solo aiuta a decongestionare le strade e a rendere l’aria più pulita ma, soprattutto, fa bene alla nostra salute. E farlo sin da piccoli può rivelarsi decisivo nella prevenzione di molte malattie. Eppure decenni di società dei consumi hanno stravolto millenni di evoluzione. Si cammina sempre meno. E persino i bambini non scorrazzano più liberi ma vengono scarrozzati in auto a scuola, in palestra e dagli amici.

La Regione Emilia-Romagna ha proposto anche quest’anno, d’intesa con l’Osservatorio per l’educazione stradale e la sicurezza, la Campagna di promozione della mobilità sostenibile “Siamo nati per camminare”. Nei mesi scorsi sono stati coinvolti 17 Comuni della regione e i bambini delle scuole elementari hanno spedito ai propri sindaci oltre 20mila messaggi, chiedendo una città rispettosa di chi cammina.

In Romagna sono stati coinvolti i comuni di Cesena, Forlì, Cervia, Faenza, Ravenna e Rimini. Ai genitori dei bambini delle scuole primarie (elementari) è stata inviata una lettera aperta firmata da Sindaco, Assessore alla Mobilità e responsabili dell’Ausl locale che richiamava i tanti vantaggi che il camminare ogni giorno può apportare alla salute, specie in tempi in cui obesità e malattie cardiovascolari colpiscono tanti bambini: benefici al sistema nervoso, alla pressione, alla frequenza cardiaca, al colesterolo, perfino all’umore. La lettera proponeva alle famiglie di camminare di più, a partire dal percorrere la strada da casa a scuola.

Al messaggio rivolto ai genitori, si accompagnava una cartolina dove i bambini erano invitati a disegnare se stessi mentre camminano, a partire da due piedi, e scrivere al proprio sindaco un breve messaggio per una città rispettosa di chi cammina. Le cartoline così compilate, e poi raccolte, sono diventate, nei vari comuni, l’oggetto di iniziative pubbliche organizzate su tutto il territorio regionale.

Lunedì 27 maggio a Bologna, presso l’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, dalle ore 10 alle 12 si terrà l’evento finale di  “Siamo nati per camminare”, con l’allestimento di una rassegna dei messaggi dei bambini di tutta la regione. All’incontro parteciperà una delegazione di circa 60 bimbi provenienti da diversi comuni aderenti, che porteranno ai consiglieri regionali le loro richieste e i problemi di mobilità che li toccano da vicino.

“A Cesena – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, presidente della commissione Territorio, Ambiente e Mobilità – il progetto Piedibus è partito da tempo e, grazie all’impegno dell’assessore Lia Montalti, è cresciuto fino a toccare 13 linee, compresa l’ultima attivata al Sacro Cuore. Il mese scorso, poi, i piccoli camminatori cesenati alunni delle scuole elementari di Ronta e del Carducci hanno incontrato il sindaco Lucchi, nel salone comunale, per un primo confronto sui messaggi delle loro cartoline. Sono curioso di sentire dalla loro viva voce cosa pensano della mobilità sostenibile, dei Piedibus e delle altre iniziative. Un domani migliore parte dall’ascoltare, con rispetto, i consigli che ci vengono da questi bambini, cittadini sin da oggi. Ed è quello che farò lunedì prossimo, assieme ai miei colleghi consiglieri”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.