Caregiver, la Regione è al lavoro per valorizzare il ruolo di chi assiste familiari disabili o anziani

Sabato 25 maggio la giornata regionale “Io mi prendo cura di te”. Entro fine giugno la presentazione di un progetto di legge regionale.

Grandma's handsLa Regione Emilia-Romagna, con un progetto di legge, intende definire e il riconoscere il ruolo del “caregiver familiare”: persone che quotidianamente, in maniera del tutto gratuita, assistono un familiare con disabilità grave o un anziano malato.
I caregivers svolgono un prezioso lavoro di cura, facendosi carico di un compito difficile e gravoso; ciononostante sono figure quasi “invisibili”, nel senso che sono completamente ignorate dalla legislazione del nostro Paese.

Proprio per sensibilizzare la cittadinanza e valorizzare il ruolo del familiare che si prende cura, il prossimo 25 maggio è stato organizzato il Caregiver Day Regionale “Io mi prendo cura di te”.
Anche Cesena ha aderito alla giornata regionale: sabato 25 maggio, dalle ore 9 alle 12, è prevista un’apertura straordinaria di alcuni servizi dell’ASP (il Punto di appoggio al lavoro di cura di via Dandini 24/A e il Centro risorse anziani di via Dandini 16) e gli operatori socio-sanitari saranno a disposizione per fornire informazioni sulla gamma di servizi e opportunità presenti sul territorio a sostegno degli anziani fragili e delle loro famiglie.

Da alcune indagini campione sui caregivers in Emilia-Romagna emerge che più della metà degli over 65enni disabili riceve aiuto dai familiari; generalmente si tratta di donne, che hanno più di 50 anni e non necessariamente hanno smesso di lavorare.
Numeri che confermano come l’azione dei caregivers, figure sempre più centrali nel nostro sistema di welfare, non possa essere guidata solo da affetto e buon senso.

Tra le misure previste nel progetto di legge, coordinato dalla collega Paola Marani del Partito Democratico, forme di riconoscimento della professionalità acquisita negli anni come “assistente familiare”, da poter spendere nella ricerca di un lavoro futuro.
Il testo conterrà il riconoscimento dei diritti di una figura che riteniamo essere una componente irrinunciabile della rete di assistenza alla persona, protagonista delle politiche di domiciliarizzazione dei trattamenti socio-sanitari.
Innanzitutto il diritto all’informazione sul percorso di cura della persona assistita, con l’istituzione di un referente medico o socio-assistenziale responsabile del caso. Poi quello alla formazione e all’aggiornamento, con corsi di addestramento anche gratuiti per imparare a usare ausili e strumenti necessari all’assistenza. Terzo, la possibilità di periodi di riposo e sollievo, anche per permettere ai caregivers di essere sostituiti in caso di bisogno.
Poi, l’istituzione di servizi di supporto psicologico, magari con l’esenzione dal ticket delle visite specialistiche per le patologie che derivano, talvolta, dal prestare in modo continuato assistenza. Ma anche la creazione di forme di tutela assicurativa, a carico del fondo per la non autosufficienza.
Infine, la legge cercherà il modo di inserire nella contrattazione di secondo livello forme di conciliazione lavoro-cura per i caregivers che continuano a lavorare.

Tutto questo in un’ottica di innovazione socio-sanitaria che permetta di corrispondere, in modo sempre più diffuso e personalizzato, ai bisogni di cura ed assistenza.
Anche a questo scopo la Regione promuoverà l’associazionismo dei caregivers familiari e assicurerà la partecipazione delle loro rappresentanze associative alla concertazione per la programmazione dei Piani di zona distrettuali per la salute e il benessere sociale.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Caregiver, la Regione è al lavoro per valorizzare il ruolo di chi assiste familiari disabili o anziani

  • dr francesco milanesi

    La mia esperienza ,pone problemi quando si tratta di assistere un anziano disabile che ha gravi difficoltà a spostarsi da casa ( possibile solo con ambulanza) ma lucido di mente (altrimenti si ricorre al giudice per nomina di assistenza di sostegno che comunque è un una forma diversa della stessa figura). In questo caso se si devono fare operazioni bancarie per conto è problematico ; è possibile avere il riconoscimente simile a quelle del giudice? ciao Francesco

  • pirrazzo concetta

    Ho 63 anni e da più di 20 anni accudisco mio marito invalido, per questo ho smesso di lavorare quai del tutto e così non ho maturato i contributi per una pensione dignitosa. Mio marito, grazie alla mia dedizione ha continuato a lavorare ed ha rimediato una pensione appena sufficiente, ma il mio stato di pensionata al minimo mi umilia tantissimo. I contributi previdenziali per chi assiste un proprio familiare tutta la vita dovrebbero essere garantiti dallo Stato o riconosciuti in età di pensionamento.