Referendum sulle scuole bolognesi: “voterei B, come Buonsenso”

Ballo di fine annoDomenica 26 maggio i cittadini di Bologna saranno chiamati ad esprimersi su un referendum consultivo in merito ai finanziamenti alle scuole dell’infanzia.

Nonostante il quesito sia, a mio avviso, fuorviante (non spiega che per la legge dello Stato le scuole si dividono tra statali e non statali, e quelle comunali, al pari di quelle private, sono paritarie), va innanzitutto chiarito che i bolognesi non saranno chiamati a votare “per” o “contro” la scuola pubblica, ma ad esprimersi sul sistema integrato della scuola dell’infanzia (le materne, per capirci) della loro città.

Un sistema che ha offerto una diffusa qualità educativa e non ha lasciato a casa nessuno bambino, anche quando i tagli del Governo diventavano insostenibili.

Un referendum che, purtroppo, ha assunto un significato “politico”, che va molto aldilà del quesito stesso, e rischia di perdere di vista i diritti dei bambini, ovvero la possibilità di dare risposte concrete alla domanda di educazione e formazione delle famiglie.

È quindi opportuno fare un po’ di storia e guardare un po’ di dati: i numeri ci riportano alla concretezza della questione che tocca da vicino la vita dei nostri bimbi.

A Bologna, dal 1994, è attivo un sistema unitario e pubblico di scuole dell’infanzia gestite da diversi soggetti (il Comune, lo Stato ed Enti non profit).

Con l’approvazione della legge regionale 52 (promulgata dall’allora Presidente Bersani), nel 1995, anche l’Emilia-Romagna ha riconosciuto il sistema integrato delle scuole per l’infanzia, sostenendone ininterrottamente, fino ad oggi, la sua qualificazione e diffusione territoriale.

Nel 2000, una legge varata dal centrosinistra, che porta il nome di Luigi Berlinguer, ha stabilito il principio della “parità”: “Il sistema nazionale di istruzione – recita testualmente la legge 62/2000 – è costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie private e degli enti locali”. Cioè ha stabilito, come ha ben spiegato Stefano Zamagni, che “ciò che definisce la sfera pubblica non è la natura giuridica dei soggetti che in essa operano, ma il fine perseguito, che deve essere universalista (una scuola, cioè, aperta a tutti e che non pratica discriminazione alcuna), e il carattere non profit (cioè senza fini lucrativi) dell’attività svolta”.

“I referendari – continua il Prof. Zamagni – battendosi per la versione ristretta ed obsoleta del concetto di pubblico, cioè pubblico uguale statale, ne vogliono limitare, forse senza rendersene conto, la portanza”.

È, in altre parole, il concetto della sussidiarietà circolare, secondo il quale tutto il sistema nazionale di istruzione, indipendentemente da chi è gestito, è pubblico perché svolge un servizio pubblico, rispettando precisi requisiti stabiliti dal pubblico.

La presenza di una pluralità di gestori, che insieme formano il sistema pubblico integrato delle scuole dell’infanzia, è una grande risorsa per le nostre comunità.

Nel caso di Bologna, con le stesse risorse (un milione di euro all’anno) attualmente destinate alle scuole paritarie a gestione privata, il Comune potrebbe garantire, nelle scuole che gestisce direttamente, meno del 10% del numero di posti convenzionati: 145 posti (dato che il costo per bambino nelle scuole comunali è di 6.900 euro all’anno) contro i 1.736 assicurati dalle paritarie convenzionate.

Va poi specificato che non sono soldi “dati a pioggia” (come sostiene qualcuno): la convenzione con il Comune prevede il rispetto di standard qualitativi elevati, l’impiego di personale adeguatamente formato e retribuito, nonché l’obbligo di accogliere qualsiasi bambino, senza discriminazione alcuna.

L’alleanza strategica costruita a Bologna tra istituzioni pubbliche e società civile organizzata è una conquista di civiltà e un punto di forza cui non si può rinunciare, se vogliamo che il nostro sistema di welfare (di cui la scuola dell’infanzia è il primo pilastro) continui a restare di tipo universalistico e di qualità crescente.

Non è possibile, nel nome di un’ideologia, peraltro già sconfitta dalla storia, chiedere alle Amministrazioni di fare passi indietro nel percorso che ci ha condotti fino a qui.

Insomma, come ha scritto in una bella riflessione (che vi invito a leggere qui) il collega Consigliere Giuseppe Paruolo, quello di domenica è un referendum che vuole farci tornare indietro. Rischia di essere una crociata che vuole dividere culture, idee e persone che si stavano incontrando nel nome del futuro”.

In questo appuntamento c’è molto in gioco: innanzitutto i diritti dei nostri bambini, ma anche il modo di intendere il riformismo, il concetto stesso di pubblico e il futuro delle nostre comunità.

Ecco perché, se fossi bolognese, senza alcun dubbio, voterei B. B come Buonsenso.

Damiano Zoffoli

vota B come Bambini_cartolina 1

vota B come Bambini_cartolina 2

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Referendum sulle scuole bolognesi: “voterei B, come Buonsenso”

  • ermes zattoni

    Assoluto disaccordo con le tue posizioni. Il punto di forza della scuola pubblica è la necessità di scambiarsi idee, conoscenze, culture. Avere una scuola privata ha due sole alternative: o è fatta per il profitto, ed allora è sbagliata perchè non ha dimensione educativa; o è fatta per imporre la propria visione del mondo ad altre persone, per educare ad una religione (qualunque essa sia) e non alla conoscenza critica e solidale, alla base dell’idea del pubblico.
    Solo lo stato può farlo? Questo non lo so. So però che le scuole con i comitati di gestione partecipati dai genitori erano alla base della forza delle nostre scuole materne pubbliche e comunali, visitate e imitate da tutto il mondo.
    Oggi spacciare scuole private finanziate per svolgere attività anche educative, ma limitate nella conoscenza ad una sola parte, è profondamente sbagliato.
    Inoltre, la nostra costituzione permette di fare sì scuole private, in cui un mormone possa insegnare ai mormoni o un buddista potrebbe insegnare ai buddisti, ma… senza oneri per lo stato.
    E cacciare dei soldi impoverendo la scuola pubblica, questo è un onere per lo Stato.
    Ermes

    • Caro Ermes,
      il tuo commento mi consente di portare qualche altro elemento, a supporto della mia tesi.

      Ripeto, innanzitutto, che si tratta di capirci su cosa intendiamo per “pubblico”.
      A mio avviso tutto il sistema nazionale di istruzione, che sia gestito dallo Stato, dai Comuni o dai privati, è “pubblico”, perché svolge un servizio pubblico e si assoggetta a norme fissate dal potere pubblico, a partire dall’obbligo di essere aperto a tutti. Del resto, è quello che stabilisce proprio la legge Berlinguer del 2000.

      Venendo alla Costituzione, nell’invocare l’articolo 33 che recita testualmente “Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituzioni di educazione, senza oneri per lo Stato”, si dimentica però di citare la relazione di accompagnamento all’articolo, in cui si può leggere l’interpretazione autentica dell’inciso.
      Dicendo “senza oneri per lo Stato – si può leggere negli Atti ufficiali – noi non diciamo che lo Stato non potrà mai intervenire in aiuto degli istituti privati, ma che nessuno istituto privato potrà sorgere con il diritto di avere aiuti da parte dello Stato. È una cosa diversa: si tratta della facoltà di dare o di non dare”.
      È una precisazione importante, che i Padri Costituenti hanno accolto come autorevole “interpretazione” del passo in questione.

      Infine, va ricordato che il comma parla di “oneri”, cioè di gravami per lo Stato e non di “contributi”.
      Nel caso di Bologna (così come avviene anche in tante altre città della nostra Regione) è vero esattamente il contrario: il Comune eroga annualmente alle scuole paritarie circa un milione di euro e riceve dalle stesse un valore, in termini di posti assicurati all’infanzia (1736), pari ad oltre sei milioni di euro.
      Dov’è dunque “l’onere” per lo Stato?

      Un cordiale saluto,
      Damiano Zoffoli

  • Giancarlo

    mi sembra un esempio di attuazione del principio di sussidiarietà per cui sono assolutamente favorevole.