Cesena ha ricordato Dossetti nel centenario della nascita

Pubblico delle grandi occasioni al cinema San Biagio per l’evento organizzato dall’associazione Zaccagnini, con Pierluigi Castagnetti e don Giuseppe Dossetti junior.

Serata Dossetti al San BiagioProfessore universitario, Resistente, Padre costituente, politico, monaco, difensore della Costituzione: Giuseppe Dossetti è stato questo e molto di più. Prima di tutto è stato un difensore dell’uomo, di tutti gli uomini, che fossero credenti o meno.

Un ritratto di questa straordinaria figura, quanto mai attuale nel poco confortante panorama politico odierno, è stato tracciato dal film-documentario “Quanto resta della notte?” del regista Lorenzo Stanzani. L’opera è stata proiettata martedì scorso al cinema San Biagio di Cesena, in un incontro pubblico organizzato dall’Associazione Benigno Zaccagnini alla presenza del vescovo Douglas Regattieri.

Il documentario ha ben inquadrato le preoccupazioni di un Dossetti impegnato a riformare tanto le Istituzioni della società quanto la Chiesa cattolica. I due grandi eventi che hanno segnato la società italiana della seconda metà del XX secolo, la Costituzione e il Concilio, lo hanno visto protagonista.

Lontano dalla ribalta dei riflettori, Dossetti dapprima prese parte, come giovane politico, alla scrittura della Carta costituzionale (vergando articoli decisivi, come l’articolo 11 sul ripudio della guerra, e contribuendo alla scrittura dell’articolo 1); in seguito, come sacerdote segretario del cardinale Lercaro di Bologna, partecipò al Concilio Vaticano II. Quest’ultimo evento, che aprì la Chiesa al mondo, ai non credenti, alle altre religioni, mettendola in sintonia con i tempi nuovi, lo vide lavorare come paziente tessitore tra i diversi gruppi di lavoro dei padri conciliari.

In un tempo di politici “incollati alle poltrone” la figura di Dossetti riluce oggi come un faro. Vicesegretario della Democrazia Cristiana guidata da Alcide De Gasperi, il “professorino” Dossetti si scontrò a lungo con lo statista trentino, fautore com’era di una Dc nettamente schierata in difesa degli ultimi, senza preoccuparsi di mantenere i delicati equilibri con le classi dirigenti tanto cari ai vertici del partito bianco. E dopo pochi, intensi, anni di impegno politico, Dossetti scelse di ritirarsi dalla politica attiva per fondare nel 1955 la comunità monastica “Piccola Famiglia dell’Annunziata”, venendo poi ordinato sacerdote nel ‘59.

Da quel momento l’impegno per una Pace basata sul dialogo fu senza requie. Dossetti viaggiò in estremo Oriente incontrando monaci buddisti e mistici, si stabilì per qualche tempo in Terra Santa riaprendo chiese dopo secoli, dialogò con tutti.

Rientrato in Italia all’inizio degli anni ‘90, si schierò da subito contro la destra berlusconiana mettendo in guardia gli italiani dal pericolo di un “nuovo principato”, dove un partito-azienda prende il posto del signore rinascimentale. In occasione dell’ottavo anniversario della morte di Giuseppe Lazzati (amico carissimo e compagno di impegno civile) il 18 maggio 1994, Dossetti pronunciò a Milano quello che resta il suo discorso più conosciuto: «“Sentinella, quanto resta della notte?” (Is 21,11-12). Riflessione cristiana sull’Italia di oggi». La sentinella è consapevole che la notte è notte, tuttavia non rimpiange il giorno passato; è protesa in un durevole atteggiamento vigile e, senza illudersi in un immediato passaggio dalle tenebre alla luce, riesce a cogliere le prime luci dell’alba. Un invito a resistere che è stato fatto proprio dai “Comitati per la difesa della Costituzione” sorti in seguito al suo appello.

Alla proiezione del film-documentario è seguito un breve incontro con Pierluigi Castagnetti e don Giuseppe Dossetti junior, nipote dell’omonimo sacerdote.

“Don Giuseppe si è sempre impegnato nella costruzione di un mondo più buono e giusto – ha spiegato don Dossetti junior –. E si è interrogato a lungo sul “problema di Dio”. Leggeva già, in anticipo sui tempi, che oggi l’immagine di Dio è spesso legata al sangue, alla violenza. Mentre lui poneva l’accento sul Dio incarnato che si rileva nella mitezza, nella povertà, nella croce. E sul fatto che la Chiesa deve prendere la forma del suo Signore, senza alcuna competizione con i poteri mondani. All’interno di questo arco, la sua vicenda politica viene meglio inquadrata, facendo risaltare la sua figura di uomo e cristiano”.

“Dobbiamo a Dossetti l’individuazione del metodo che portò alla redazione degli articoli della Carta – è intervenuto Castagnetti – sin dal primo incontro riservato in un bar con Togliatti. Ossia che quando i punti di partenza sono diversi, l’importante è trovare condivisione sugli approdi, pur nei differenti approcci”.

Il fatto che la figura di don Giuseppe Dossetti sia ancora oggi di straordinaria attualità è testimoniato dalla partecipazione all’iniziativa cesenate: la sala era stracolma di persone di tutte le età, laici e religiosi, giovani e meno giovani, persone impegnate in politica e semplici cittadini desiderosi di un’Italia migliore. Tutti uniti nel nome di una persona che ha testimoniato fattivamente, in ogni minuto della sua vita, l’aderenza ai propri principi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.