Semplificazione dell’attività edilizia, al via il progetto di legge regionale

“Un provvedimento atteso, che va nell’interesse dei cittadini e delle imprese”.

La BurocraziaÈ partito questa mattina in Commissione l’iter che porterà, in tempi brevi, all’approvazione del progetto di legge “Semplificazione della disciplina edilizia”: un intervento organico, totalmente sostitutivo della legge regionale n. 31 del 2002, che il settore edile, uno dei più in crisi anche nella nostra Regione, attendeva da tempo.

Il progetto di legge non solo recepisce le recenti, e innovative, disposizioni statali sulle procedure edilizie, ma rappresenta un punto cardine della complessiva azione di semplificazione dell’intero sistema amministrativo regionale cui la Regione sta lavorando da qualche anno.

Il rafforzamento dello sportello unico per l’edilizia (quale unico interlocutore sia per il rilascio e la presentazione dei titoli e comunicazioni, che per la raccolta degli atti di assenso necessari per realizzare gli interventi); una limitazione della competenza della Commissione per la qualità architettonica (che avrà solo funzione consultiva sugli interventi su immobili soggetti a vincolo paesaggistico e sugli edifici di valore storico-architettonico); l’individuazione, più ampia rispetto alla norma nazionale, dei casi di attività edilizia libera (sottoposta a semplice comunicazione di inizio lavori) e l’introduzione, nel nostro apparato normativo, della comunicazione asseverata di un professionista per le opere interne degli edifici; l’inserimento della SCIA quale titolo edilizio interamente sostitutivo della DIA sono alcune delle novità introdotte nel testo della legge.

E ancora: l’ampliamento delle varianti in corso d’opera eseguite durante i lavori (sotto la responsabilità del proprietario, professionista e direttore dei lavori e regolarizzate alla fine dei lavori nella apposita SCIA); la previsione di un’unica fase di controllo dell’opera realizzata (da effettuarsi alla fine dei lavori in fase di agibilità); la possibilità di immediato utilizzo degli immobili (per i quali sia stata completata la realizzazione e presentata la necessaria documentazione, in attesa del certificato di conformità edilizia e agibilità) e la previsione della certificazione di agibilità parziale (per singole unità immobiliari o per porzioni di edificio, purché la parte strutturale, le urbanizzazioni e le parti comuni siano interamente eseguite).

Insomma, una vera e propria rivoluzione, che va nella direzione auspicata dai professionisti del settore.

“Il provvedimento – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – snellisce la burocrazia e le procedure, e si inserisce pienamente nel processo di semplificazione chela Regione Emilia-Romagna sta perseguendo nell’interesse dei cittadini e delle imprese, che giustamente chiedono tempi certi di conclusione dei procedimenti e la massima trasparenza delle procedure amministrative”.

In un’ottica di maggiore efficienza, efficacia e produttività della Pubblica Amministrazione, il testo prevede poi il rafforzamento della funzione di coordinamento tecnico della Regione, chiamata a contenere l’eccessiva eterogeneità tra i regolamenti urbanistici edilizi dei Comuni, che comporta per i tecnici difficoltà nell’elaborazione della progettazione e nell’individuazione dei documenti indispensabili per iniziare gli interventi.

“A tale scopo – prosegue Zoffoli – l’Emilia-Romagna è impegnata a svolgere un’importante attività di standardizzazione delle pratiche edilizie in tutto il territorio regionale, attraverso l’uniformazione della modulistica, l’individuazione della documentazione essenziale necessaria per le diverse fasi del processo edilizio, la parificazione della somma forfettaria per le spese istruttorie”.

Infine, con l’intento di promuovere la riqualificazione degli edifici e sostenere il settore dell’edilizia (che, prima della crisi, occupava in Emilia-Romagna oltre 380 mila addetti e che ha visto, nel solo ramo costruzioni, perdere circa 30 mila posti di lavoro, nell’arco di 4 anni), il testo prevede che le trasformazioni del patrimonio edilizio esistente siano qualificate tra le opere di interesse pubblico e dunque siano realizzabili con permesso di costruire in deroga agli strumenti edilizi (limitatamente ai casi espressamente previsti dalla legge, e nei soli Comuni che ancora non abbiamo definito le misure urbanistiche di agevolazione della riqualificazione edilizia degli edifici).

“Questo – conclude il Consigliere Zoffoli – potrà essere utile anche alla città di Cesena, impegnata coi lavori di Carta bianca e la predisposizione del nuovo piano strutturale che dovrà consentire all’Amministrazione comunale di gestire la trasformazione dell’esistente, anche ripensando l’apparato normativo, in funzione della eccezionale fase che stiamo vivendo: priorità alla rigenerazione urbana, quindi, sia attraverso la riqualificazione diffusa degli edifici oramai obsoleti, sia attraverso il riuso delle aree dismesse, per ridurre il consumo di suolo, la dispersione dell’abitato e i costi di infrastrutturazione. Verso una città più compatta, una Cesena a consumo zero”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO di LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.