Terzo bando per il sostegno al commercio equo e solidale

Scadenze differenziate, al 1° luglio e al 10 settembre, a seconda del tipo di domanda.

Fair TradeBando che funziona non si cambia: per il terzo anno di fila la Regione conferma il proprio sostegno al commercio equo e solidale con 200mila euro.

La formula è ormai collaudata: una parte delle risorse va a sostegno delle giornate del commercio equo e solidale, mentre altre vengono destinate all’apertura e ristrutturazione delle sedi e all’acquisizione di attrezzature.

La delibera di Giunta, approvata nei giorni scorsi, prevede pertanto due scadenze distinte.

Nel primo caso gli interessati hanno circa un mese di tempo per presentare domanda di contributo, dato che le domande riferite alle giornate del commercio equo e solidale vanno consegnate entro il primo luglio. I contributi potranno essere utilizzati per la promozione di iniziative di divulgazione e sensibilizzazione mirate a diffondere la realtà del commercio equo e solidale e ad accrescere nei consumatori la consapevolezza degli effetti delle proprie scelte di consumo, in particolare delle ricadute sociali ed ambientali derivanti dalla produzione e commercializzazione del prodotto. Queste iniziative potranno toccare anche le scuole, così come gli operatori e i volontari delle organizzazioni del commercio equo e solidale.

I progetti devono attuarsi in un lasso di tempo compreso tra la data di approvazione dell’atto di concessione dei contributi e i 12 mesi successivi, comunicando alla Regione la data di avvio entro due mesi dalla concessione del contributo.

Per quanto riguarda invece gli investimenti strutturali, c’è tempo fino al 10 settembre. In questo caso possono essere finanziate l’apertura e la ristrutturazione delle sedi, così come l’acquisto di attrezzature, arredi, beni strumentali e dotazioni informatiche, avvenuti nei 12 mesi precedenti la data di scadenza del bando. Il contributo, in conto capitale, è concesso nella misura massima del 40 per cento fino a un massimo di 40mila euro. È cumulabile, però, con altri aiuti di enti pubblici fino all’80 per cento della spesa ammissibile.

Possono fare domanda di contributo tutti i soggetti del commercio equo e solidale, senza scopo di lucro, dagli enti di accreditamento a quelli certificatori dei prodotti, fino alle organizzazioni di commercio equo e solidale vere e proprie.

“Il commercio equo e solidale – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i sostenitori della legge di promozione al settore nella scorsa legislatura – è una realtà viva e vitale. Eppure continuare a sostenere questo tipo di commercio è importante, perché il consumo critico e solidale, così come uno stile di vita improntato alla sobrietà e contro ogni spreco sono temi sempre attuali, sia in tempo di crisi economica, come quello che stiamo vivendo, che in tempo di boom economico”.

È possibile scaricare il testo dei BANDI e la MODULISTICA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.