Il dialetto è una rockstar

Domenica 9 giugno i giovani del 1969, ma anche quelli di oggi, si danno appuntamento al Castello di Sorrivoli, grazie agli amici dell’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?”, per “Amarcord Vudstok”.

"AMARCORD VUDSTOCK"La VOCE di Romagna – lunedì 3 giugno 2013.

Il Festival di Woodstock si svolse a Bethel, una piccola città rurale nello stato di New York, dal 15 al 18 agosto del 1969, all’apice della diffusione della cultura hippy, che voleva riunire con tre giorni dedicati alla Pace e alla musica. Il mito prese il nome dalla città di Woodstock nella contea di Ulster e fu l’ultima grande manifestazione del movimento che da allora si diffuse fuori dagli Stati Uniti senza quella coesione e originalità che avevano permesso, negli anni sessanta, eventi come il Monterey Pop festival, la Summer of love a San Francisco e il festival di Woodstock. In tre giorni i partecipanti furono oltre cinquecentomila, qualcuno si spinge a dire fino a due milioni, ed è rimasto nell’immaginario di almeno quattro generazioni.

Dopo questa premessa ritorno ai nostri giorni e vi annuncio che: domenica 9 giugno, dalle ore 16 alle 24, al Castello di Sorrivoli, situato nelle prime colline sopra Cesena, prenderà vita un evento che sono sicuro farà accorrere tanti giovani di oggi e tanti che lo erano nel lontano 1969.

L’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” e tanti altri amici daranno vita a: “Amarcord Vudstok”.

Il dialetto non è melodico e il romagnolo con la sua durezza si adatta perfettamente alla musica rock. Gruppi che fanno rock dialettale esistono da tempo, sono diversi e sparsi in tutta la Romagna. Da qui l’idea di raccoglierli in una specie di festival: “Amarcord Vudstok: un dé ad pèsa amour musica e dialet”.

Un titolo che vuole ricordarci una grande stagione della musica e anche una grande speranza di poter costruire una società nuova che si diffuse in quegli anni anche attraverso la musica, finalmente basata sull’amore e sulla pace. L’idea di una rivoluzione non violenta che portò grandi cambiamenti, che ben presto venne snaturata e non riuscì a trovare uno sbocco.

Il dialetto è portatore di valori che ci ricordano quei tempi: la pace, perché il dialetto unisce e non divide; la verità, perché in dialetto è difficile mentire.

Interverranno:
Marcello Mazzola (Macola) attivo musicalmente dal ‘99 sul territorio romagnolo con i suoi spettacoli fatti quasi esclusivamente di brani suoi, ha calcato palchi di ogni tipo, dai pub a feste dell’unità, accompagnato sempre dai Vibronda. Nel 2010 partecipa ad Area Sanremo nella sezione dialettale, arrivando in finale con la sua “Du che va”;
Carlo Falconi nel 2003, assieme a componenti della compagnia teatrale T.I.L.T., ha fondato I brilli parlanti, gruppo musical-teatrale che propone letture abbinate a musica e scenari teatrali. Dal 2004 al 2008 ha fatto parte, come chitarrista e armonicista, del gruppo Frazione Fabbrica. Nel dicembre 2011 ha inciso autonomamente Scarno EP, 6 canzoni post-folk che hanno per testi alcune poesie;
Claudio Toschi, anche conosciuto come sosia di Vasco Rossi, nei suoi testi parla sia di esperienze personali, che di avvenimenti a carattere politico e sociale;
Gianni Broccoli, a cui piace presentarsi come “il birro di Romagna”, ha come passioni le galline e i galli, le biciclette e la musica, e adora in particolar modo la spiaggia e le belle donne;
Le Bestie offese dialetel group persone che, nella vita, fanno un lavoro che con la musica non ha attinenza;
Dino Moroni, conosciuto come sosia di Vasco Rossi, già dalla tenera età di sette anni aveva rivolto il suo interesse alla musica, ma con l’arrivo della prima chitarra diede l’addio al solfeggio per lasciare il posto ad una nuova passione, che ancora lo segue: canticchiare e creare nuove melodie.

Al castello di Sorrivoli potremo godere delle performance di Ilario Sirri, Gian Marco Mari, Maurizio Cirioni, Roberto Mercadini e del complesso Il Cantiere Rock Agricolo.

A dare un po’ d’ordine ci sarà il presentatore Alberto Antolini.

Diego Angeloni

È possibile scaricare il VOLANTINO dell’iniziativa cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.