Domenica il referendum sulla fusione dei Comuni del Rubicone

Una straordinaria occasione per raccogliere la sfida al cambiamento lanciata dai Sindaci.

fusione Savignano sul Rubicone-San Mauro PascoliDomenica 9 giugno i cittadini di San Mauro Pascoli e Savignano sul Rubicone saranno chiamati ad esprimersi, con un referendum, in merito al progetto di fusione dei due Comuni.

È un’occasione straordinaria per raccogliere la sfida al cambiamento lanciata dalle Amministrazioni e non si tratta, come dice qualcuno, di una scelta improvvisata, semmai tardiva. Nessuna perdita di identità, ma il modo migliore per arricchirla e investire sul futuro: la fusione è la strada giusta, senza alternative, per avviare un salto di qualità nello sviluppo di queste comunità.

Se vinceranno i sì, il nuovo Comune che partirà dal primo gennaio 2014 – con una popolazione complessiva di 29.348 abitanti ed un’estensione di 40 chilometri quadrati – potrà contare su ingenti finanziamenti statali (circa 10 milioni di euro) e regionali (450 mila euro all’anno per il primo decennio e 135 mila per ulteriori 5 anni; oltre ad un contributo straordinario, in conto capitale, di 150 mila euro all’anno per i primi tre anni). E per i primi due anni sarà esentato dal rispetto dei vincoli del patto di stabilità. Ma oltre al discorso sulle risorse, certamente importanti, la fusione renderà più dinamico e attraente il sistema territoriale, capace di rispondere meglio alle nuove sfide, a vantaggio della qualità della vita dei cittadini del Rubicone.

La decisione di indire il referendum è stata un atto di coraggio: una strada concreta per migliorare i servizi per i cittadini, mantenendone la quantità e la qualità nonostante le ridotte disponibilità delle risorse pubbliche. Non c’era obbligo di legge, né emergenza, nel farlo. Ma l’immobilismo, così come l’improvvisazione, sono due cancri della politica. Ecco perché la scelta di procedere alla fusione è una precisa assunzione di responsabilità verso il cambiamento, che non può più essere rimandato e non deve essere calato dall’alto. Per questo auspico che i sì alla fusione prevalgano nettamente!

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.