Il punto di Lepida sulla banda larga in provincia di Forlì-Cesena

Inside a broadband router (detail)“Forlì-Cesena presentava una situazione drammatica in fatto di banda larga, la più critica tra le province della Regione. Oggi, invece, supera la media regionale per copertura di Internet veloce. E questo grazie alla buona collaborazione con gli enti locali. Raramente ho visto procedure di semplificazione amministrativa come quelle messe in atto in questo territorio”.

Il commento di Gianluca Mazzini, direttore generale di Lepida, ben sintetizza il lavoro fatto sul territorio dalla società a maggioranza regionale. I vertici di Lepida e quelli di Telecom si sono incontrati con gli amministratori di Forlì-Cesena giovedì 6 giugno, nella sede cesenate della Provincia, per presentare alla stampa locale il lavoro fatto negli ultimi anni e i progetti per il futuro.

La carne al fuoco è tanta e tanta altra continuerà ad aggiungersi in futuro dato che, come è stato ribadito più volte, “La banda larga non basta mai: chi ancora non ha accesso a Internet la richiede a gran voce, mentre chi è già coperto dal servizio reclama più velocità. Ma possiamo confermare l’obiettivo che la Regione si era data: entro la fine di questo 2013 tutti i cittadini emiliani e romagnoli potranno collegarsi ad Internet ad una velocità minima di 2 Megabit per secondo, o via Adsl o in modalità senza fili”.

La società Lepida è nata per occuparsi, in primo luogo, del collegamento in fibra ottica di enti pubblici, strutture sanitarie e sedi universitarie. Ma si occupa anche, e non è certo meno importante, di mettere la propria fibra a disposizione degli operatori telefonici, i quali poi possono vendere servizi Adsl o Wireless ai cittadini e alle imprese.

“Su questo fronte – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – l’impegno di Lepida è decisivo. Grazie ai finanziamenti pubblici dello Stato e della Regione, infatti, Lepida riesce a collegare centrali telefoniche in zone in divario digitale, non ritenute appetibili a livello economico dagli operatori di telecomunicazione. Centrali che, una volta raggiunte dalla fibra ottica di Lepida, possono finalmente erogare l’Adsl. La Regione continuerà a finanziare con convinzione interventi di questo genere. Proprio come è avvenuto nei mesi scorsi, quando ai 25 milioni di euro del Ministero dello Sviluppo economico l’Emilia-Romagna ha aggiunto fondi propri per 21 milioni di euro”.

Lavori svolti, lavori in corso

Negli ultimi 3 anni il lavoro di Lepida, in affiancamento a Telecom Italia e agli enti locali, è stato incessante ed ha prodotto risultati importanti, riuscendo a coprire con l’Adsl ben 15 centrali telefoniche nelle località di Borghi, Roncofreddo, Rocca San Casciano, Gualdo di Roncofreddo, Montiano, Longiano, San Piero in Bagno, Santa Sofia, Modigliana, Tredozio, San Colombano di Meldola, Cusercoli, Civitella e Boscarelle di Bagno di Romagna.

Altre zone sono state raggiunte senza fili per mezzo del progetto “Dorsale radio sud”, il cui primo ponte radio è stato attivato l’estate scorsa a Valbura di Premilcuore. La dorsale radio vedrà altri siti attivati nel corso del mese di giugno: Montebusca di Tredozio, San Marco di Premilcuore e Anemometro, nel comune di Portico di Romagna. Nel corso dell’estate partiranno poi i lavori per i ponti radio di Vessa (Bagno di Romagna) e Monte Falco (Santa Sofia), seguiti nei mesi successivi da altri ripetitori a San Benedetto in Alpe e Bocconi (nello stesso comune). E’ in progettazione inoltre la postazione di Poggio Corsicchie (Bagno di Romagna). Tutti questi siti sono messi a disposizione dei cosiddetti “Wisp”, aziende che forniscono accesso a Internet in modalità senza fili.

In Alto Savio la fibra ottica, ha già raggiunto San Piero in Bagno da Santa Sofia, è in corso di prolungamento fino alla frazione di Alfero, nel comune di Verghereto, grazie ai fondi Feasr (Piano di sviluppo rurale 2007-2013).

Interventi che hanno portato la copertura della banda larga in provincia a quota 97,4%, segnando una crescita dello 0,8% nel giro di pochi mesi: “E’ un numero enorme — ha puntualizzato Mazzini — dato che, quando si viaggia su queste percentuali, ogni decimo di punto rappresenta un impegno di risorse molto notevole”.

“Noi siamo impegnati da anni nel far sì che ad ogni lavoro stradale, ad ogni piccolo scavo, Lepida possa posare i propri cavi – ha spiegato in conferenza stampa il vicepresidente della Provincia, e assessore all’Innovazione, Guglielmo Russo – oltre a dare il massimo per snellire le procedure burocratiche”.

“Ci stiamo aprendo alla programmazione degli interventi 2014-2020 — ha aggiunto la neopresidente di Lepida Caterina Brancaleoni — e pensiamo che siano tutte le condizioni per replicare altrove il modello Forlì-Cesena, fatto di ottima collaborazione con gli enti locali”.

Lavori imminenti

Entro l’anno sarà garantita una copertura Adsl a Macerone di Cesena, grazie alla cessione di fibre ottiche di Lepida a Telecom Italia: “E’ l’ultimo degli interventi che programmammo nel 2010 per questo territorio” ha commentato in conferenza Paolo Fantini, del servizio Pianificazione e progettazione rete fissa per il Nord-Est di Telecom Italia.

Da San Piero in Bagno, inoltre, la fibra ottica raggiungerà anche il capoluogo di Verghereto grazie al forte ribasso ottenuto sulla base d’asta della gara per la realizzazione delle infrastrutture in fibra ottica finanziate nell’ambito del progetto Feasr.

Il nuovo Accordo di Programma, sottoscritto nel febbraio scorso tra Ministero dello Sviluppo economico e Regione Emilia-Romagna, finanzierà poi numerosi interventi che interessano il territorio della provincia di Forlì-Cesena, da attuarsi entro il 2014.

Con fondi ministeriali sarà garantita la copertura a banda larga (grazie alla fibra ottica) di Balze a Verghereto, della zona sud-est di Santa Sofia (località Rio Sasso), Diolaguardia di Roncofreddo, Sant’Andrea di Forlimpopoli e la frazione di Borgo Sisa a Forlì, quasi al confine con il ravennate.

I nuovi fondi permetteranno poi l’estensione della banda larga ad un’altra trentina di località (alcune raggiunte da Adsl, altre senza fili) entro il 2015. Tra queste figura Montenovo di Montiano, dove sarà a disposizione degli operatori la fibra ottica posata dalla Provincia di Forlì-Cesena.

Il modello di questi ulteriori interventi pubblici prevede un co-finanziamento dei progetti che verranno presentati dagli operatori ai bandi di gara che saranno pubblicati dal Ministero e dalla Regione-Lepida rispettivamente nella seconda parte del 2013 e nel 2014. La lista di queste altre località è definita e sarà oggetto della imminente gara emessa da Infratel (che negli scorsi anni ha investito 1,5 milioni di euro in zone montane).

«In provincia abbiamo già installato degli armadi di nuova generazione a Gualdo di Roncofreddo — ha aggiunto Paolo Fantini di Telecom Italia —. Confidiamo nei finanziamenti Infratel e del ministero dello Sviluppo per estendere questi apparati in nuove aree. Strutture che, come logico, saranno aperte a tutti gli operatori».

A servizio della Pubblica Amministrazione

Attualmente tutti i Comuni della Provincia di Forlì-Cesena, grazie agli interventi realizzati negli anni passati, sono collegati alla rete Lepida in fibra ottica, fatta eccezione per Sarsina e Verghereto.

Tra il 2012 e l’inizio 2013 Lepida ha collegato in fibra ottica il Comune di Sogliano al Rubicone, il Teatro Bonci di Cesena, due scuole e un’area industriale a Tredozio, l’incubatore di impresa Cesena Lab.

Entro l’estate sarà completato il collegamento in fibra ottica del Comune di Sarsina, mentre per Verghereto occorrerà attendere il 2014. Sempre entro l’estate si concluderanno i lavori di realizzazione delle quindici reti cittadine in fibra ottica (progetto MAN) nei comuni montani, grazie alle quali si porterà la banda ultra larga a 70 sedi pubbliche, di cui 15 aree scolastiche e 18 sedi sanità.

Nel corso di questo mese di giugno saranno poi raggiunte anche le strutture sanitarie di Dovadola e di Modigliana, la sede Ausl di Forlì a Tredozio e le sedi di Forlì e di Cesena del Consorzio di Bonifica.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

11 comments to Il punto di Lepida sulla banda larga in provincia di Forlì-Cesena

  • giuiano volpi

    Buona sera,
    sono un ragazzo di quasi 16 anni e gestisco vari server di gioco abastanza utilizati. Vivo a Cesena precisamente nella zona del ponte veccchio, e sono qui per lamentarmi dellasa ve baslocità della mia connesione(1.5 mb se tutto va bene e 280 di ping che sono troppi) che ostacola il mio ruolo di amministratore di server oltre che i server stessi. Chiedo gentilmente di sapere se la mia zona è fornita delle infrastrutture necessarie e quanto devo aspettare per vedere un miglioramento.
    Cordiali saluti

    se vuole contattarmi volpi96@gmail.com

    • Gentile Giuliano,
      l’impegno della Regione Emilia-Romagna sul fronte della connettività ad Internet è rivolto, in primo luogo, alle zone prive di collegamenti a banda larga (Adsl o Wireless).
      Per questo gli sforzi di Lepida (società a maggioranza regionale) si concentrano sull’obiettivo di garantire a tutti i cittadini un collegamento Internet broadband entro la fine dell’anno.

      Premesso, dunque, che il caso descritto non rientra tra gli obiettivi della Regione, rilevo però come velocità così basse in ambito urbano (e un ping così alto) non si possano certo definire “banda larga”.
      Il mio consiglio è di sollecitare al proprio gestore un potenziamento della centrale di zona.
      Un collegamento di diversi server, poi, potrebbe necessitare di un collegamento alla Rete simmetrico e non asimmetrico (come per definizione è l’Adsl).

      Cordialità,
      Damiano Zoffoli

  • ALEX

    salve,

    vorrei sapere se ci sono aggiornamenti sui lavori tra San piero in bagno e Alfero. Ancora non sono iniziati e da quel che ho capito i fondi possono essere utilizzati fino alla fine del 2013. Il progetto quindi è in via di sviluppo nei prossimi mesi? E se è possibile conoscere più o meno una data di inizio lavori.

    Grazie.

    • @Alex: prima di tutto mi scuso per il ritardo nella risposta.
      A seguito di verifiche con gli uffici addetti, è emerso come i lavori di posa della fibra ottica da San Piero in Bagno ad Alfero di Verghereto (FC) sono confermati ma, al momento, Lepida sta predisponendo una variante al progetto, concordata con gli Enti preposti alla manutenzione e gestione delle strade, per ridurre al minimo l’impatto degli scavi da eseguire sia sulle strade comunali che provinciali interessate dai lavori.
      Non appena Lepida avrà ottenuto l’autorizzazione, e le relative concessioni per le opere civili, potrà aprire il cantiere.
      I tecnici confidano che i lavori possano partire a breve per concludersi con qualche mese di ritardo rispetto alla scadenza originaria (dicembre 2013).
      Questa brutta notizia ha però un aspetto positivo.
      Grazie alla variante di progetto saranno risparmiate diverse risorse che, unite ad ulteriori stanziamenti della Regione, permetteranno di estendere la fibra ottica anche da San Piero a Verghereto capoluogo.
      Questo secondo stralcio di lavori (comunque successivo a quelli per Alfero) dovrà concludersi improrogabilmente entro il 2014.

  • paolo

    Salve volevo sapere se a sarsina avete fatto solo la rete wifi o se avete intenzione di ampliare questa benedetta centrale telecom perché è un divario con questi collegamenti adsl io a 2 anni che pago una 7 mega per poi averne 800 kbs di telecom italia.a noi cittadini non ce ne puo fregare niente del wifi serve solo per i turisti non al cittadino che può avere il suo collegamento adsl o fibra ottica che sia che funzioni decentemente.attendiamo risposte.cordiali saluti….

    • @Paolo: la Regione finanzia le “autostrade” (la fibra ottica), gli svincoli e le “strade ordinarie” (centrali e armadi locali) sono di competenza dei gestori telefonici. Il fatto che la fibra ottica oggi raggiunga il municipio di Sarsina ha già permesso al Comune, come rilevi, di offrire il Wifi pubblico. Ora Telecom, se lo vuole, ha la possibilità di offrire Adsl non più “castrate”. Chiaramente vale sempre la regola della distanza dalla centrale… chi abita molto lontano da essa non potrà mai navigare a piena potenza.

  • Roberto

    Salve, volevo informazioni sulla situazione a borgo sisa. In questo momento non ho adsl Telecom perché la centrale è satura, e l’unica connessione wifi decente è quella Vodafone, ma va e viene. Ci saranno sviluppi? Grazie saluti

    • @Roberto: sviluppi immediati purtroppo non ce ne saranno. La centrale di Borgo Sisa, ad oggi, ha una Adsl limitata a 640 kbps (meno di un decimo di quelle standard) e per di più, come rileva, essendo satura non può accettare nuovi clienti.
      Se entro fine anno la situazione non sarà risolta, e la velocità non sarà adeguata ai 2 Mbps previsti entro il 31/12 per tutto il territorio regionale, mi farò carico del problema con un’interrogazione alla Giunta.

  • Gabriele

    Buongiorno,

    vorrei avere, se possibile, delucidazioni sulla situazione ADSL in località Ricò di Meldola

    Sia con Telecom in passato, che con TeleTU oggi, pago un servizio “da 7Mbps”, ma non ho mai superato i 300 Kbps

    Immagino che il motivo sia dato dal fatto che la suddetta località ricada nel progetto “Anti Digital Divide” e quindi abbia una velocità max di 640 Kbps

    A questo punto le chiedo:

    1) Nel caso ricada nel progetto ADD, non dovrei avere una velocità MINIMA di 300 Kbps? e non massima come invece accade ora (cosa che

  • Gabriele

    mi porterebbe anche ad avanzare lezioni legali verso il mio ISP, dato che al momento della stipulazione del contratto, si sono guardati
    bene dal fornirmi tale informazioni)

    2) La suddetta località sarà adeguata agli standard dei 2 Mbps minimi da garantire entro la fine del 2013?

    Grazie per la cortese attenzione

    P.S.: mi scuso per il post scritto in due momenti diversi

  • @Gabriele: dagli uffici mi hanno fatto sapere che, nelle settimane scorse, la centrale di San Colombano di Meldola (alla quale fanno capo i numeri di Ricò) dovrebbe essere stata abilitata ai 20Mbps, ma solo per i collegamenti PppoE.
    Nel caso il suo router fosse ancora collegato alla centrale in modalità PppoA (rimasta ai 640 kbps precedenti) provi a riconfiguarare il collegamento in PppoE.