Il distretto turistico della Riviera passa per Cesenatico

Conferenza dei servizi al Palazzo del Turismo sul Distretto turistico e balneare della costa emiliano-romagnola.

Che freschino ai piediniFare sistema per agevolare gli operatori del turismo in riviera, sollevandoli dalla burocrazia. Se ne parla da tempo. Ora c’è un progetto per fissare nero su bianco i confini del Distretto turistico e balneare della costa emiliano-romagnola. Una volta definito il distretto, i comuni della costa avranno più forza nel rapportarsi con gli altri interlocutori, dallo Stato all’Unione europea.

Nella mattina di venerdì 14 giugno al Palazzo del Turismo di Cesenatico si terrà la Conferenza dei Servizi, indetta dall’assessore regionale al Turismo e Commercio Maurizio Melucci, per delimitare i confini del distretto turistico. Alla conferenza sono stati invitati tutti i Comuni della riviera emiliana e romagnola, le Province, i prefetti, le Camere di commercio e le varie Agenzie statali, Demanio in primis.

Il progetto è nato dal basso e, dopo la conferenza regionale, approderà a Roma sul tavolo del Governo. Se tutto andrà per il meglio, la riviera romagnola potrà beneficiare di agevolazioni amministrative e fiscali e il distretto turistico sarà il secondo nato in Italia. Con i suoi 110 chilometri di costa e 3170 alberghi avrà una importante massa critica rispetto al dialogo con il governo.

Tra i benefici offerti dal distretto, figura prevista da una legge del 2011, anche la possibilità per chi vi fa parte di accordarsi con l’Agenzia delle entrate nella definizione del reddito imponibile presunto per i tre anni successivi.

“Il nostro auspicio – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – è che il distretto possa rilanciare l’offerta turistica della nostra costa, sia a livello nazionale che internazionale. I numeri del turismo ci dicono che lo scorso anno l’Emilia-Romagna ha visto calare del 3 per cento gli arrivi e le presenze di italiani, a fronte di una crescita del 4 per cento degli stranieri. Numeri migliori del dato nazionale, che segna un calo del 10 per cento. Ma non possiamo accontentarci di reggere i colpi della crisi e fare un po’ meglio degli altri. Per la riviera è il momento del salto di qualità e il distretto può essere un valido elemento per i nostri operatori turistici”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.