Pronto il bando regionale che finanzia la legge giovani

Dalla Regione 900mila euro per i progetti di Enti locali, associazioni e oratori. Con un’attenzione particolare ai “Neet”.

.. Ehi, raga .. si mette male !Il nuovo bando regionale, che stanzia 900 mila euro per interventi a favore di giovani e adolescenti tra i 10 e i 29 anni, è stato illustrato ieri mattina in Commissione e sarà approvato dalla Giunta nei prossimi giorni. Dopo la pubblicazione sul Bur, ci saranno 30 giorni di tempo per presentare i progetti.

In particolare si tratta di 400 mila euro a disposizione degli enti locali (per attività rivolte alla popolazione giovanile) e 500 mila euro per attività aggregative ed educative promosse da soggetti privati senza fini di lucro come associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, oratori e parrocchie. Dei 500 mila euro, nel dettaglio, 100 mila euro sono destinati a progetti di valenza regionale (che insistono su 3 o più ambiti provinciali) e 400 mila euro a progetti di valenza territoriale di dimensione provinciale, distrettuale o comunale.

Le priorità individuate sono quelle di consolidare gli spazi di aggregazione giovanile, incentivare la cittadinanza attiva, sviluppare l’attività degli Informa Giovani e le azioni propedeutiche all’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro (per quanto riguarda i progetti degli Enti locali); la promozione del benessere e l’offerta di opportunità socio educative per gli adolescenti con difficoltà di socializzazione o a rischio di dispersione scolastica (per i progetti dei privati). Una particolare attenzione viene sollecitata rispetto ai giovani “inattivi”, fuori dai percorsi scolastici e dal lavoro, i cosiddetti “Neet” (Not in education, employment or training), che rappresentano oltre il 15% della fascia d’età 15-29.

I fondi sono stati ripartiti tra tutte le Province, in base alla percentuale della popolazione residente. A Bologna, dove abita il maggior numero di adolescenti e giovani tra i 10 e i 29 anni, il budget complessivo è di 167.536 euro. A seguire: Modena con 134.041 euro; Reggio Emilia con 103.639 euro; Parma con 80.056 euro; Forlì-Cesena con 72.242 euro; Ravenna con 67.136 euro; Rimini con 62.910 euro; Ferrara con 56.184 euro e Piacenza con 53.256 euro. Alle Province è riservato un ruolo di programmazione e pianificazione degli interventi e di scelta, d’intesa coi Comuni, dei progetti prioritari.

“Per il quarto anno consecutivo – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i promotori della legge giovani nella scorsa legislatura – la Regione ha scelto di finanziare le iniziative che il privato sociale svolge nei territori a favore di adolescenti e giovani, in una logica di sussidiarietà. Vogliamo continuare a sostenere il ruolo educativo dell’associazionismo, del volontariato e degli oratori, che con il loro impegno promuovono coesione sociale e contrastano il disagio e l’emarginazione dei nostri ragazzi”.

La precarietà tocca l’intera sfera personale, condizionando il senso di fiducia rispetto al futuro. Per questo, con la collaborazione degli enti locali, vogliamo incoraggiare i nostri giovani ad uscire dalla paura e dalla sfiducia, creando opportunità concrete. Verranno valorizzati i progetti tendenti a facilitare l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, per evitare che la condizione di inattività lavorativa o di esclusione dal sistema formativo si prolunghi nel tempo” conclude Zoffoli.

È possibile consultare l’elenco dei PROGETTI FINANZIATI negli anni scorsi cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.