Nuove risorse regionali per combattere la batteriosi dell’actinidia ed estirpare le piante infette

kiwiLa batteriosi PSA (acronimo del batterio responsabile della malattia Pseudomonas syringae pv. actinidiae) è in grado di colpire tutte le specie e le varietà di actinidia coltivate. In Emilia-Romagna la malattia è comparsa nel 2009 e da quel momento si è rapidamente diffusa nelle principali zone produttive del kiwi. La superficie regionale a kiwi è 4.000 ettari con una produzione di oltre 650 mila quintali, di cui il 70% prodotto nella sola provincia di Ravenna.

Contro il PSA non ci sono mezzi di lotta efficaci. Sono quindi fondamentali la diagnosi precoce e l’eliminazione tempestiva delle piante infette.

Dopo le prime segnalazioni, la Regione Emilia-Romagna ha definito una serie di misure di emergenza per prevenire la malattia e contenerne la diffusione. Ha anche attuato un piano di aiuti per gli agricoltori obbligati ad estirpare le piante colpite e ha cofinanziato un progetto di ricerca e un piano di ampio monitoraggio della malattia in collaborazione con il mondo accademico e le organizzazioni dei produttori.

“Sul piano politico – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – abbiamo sollecitato il Governo e l’Unione europea ad affrontare l’emergenza in modo coordinato ed a garantire adeguate misure economiche per le aziende. Per ora proseguiamo con i soli fondi regionali e quindi, agli iniziali trecentomila euro già stanziati in maggio, abbiamo aggiunto un milione e duecentomila euro grazie all’assestamento di bilancio in approvazione in questi giorni. Di queste nuove risorse, novecentomila euro si sommeranno alle già stanziate per far fronte ai rimborsi alle aziende obbligate ad estirpare le piante malate mentre trecentomila euro andranno a rifinanziare la ricerca e la sperimentazione di metodi di lotta efficaci ed alternativi all’abbattimento delle piante colpite dalla batteriosi”.

Le aziende che stanno attuando le prescrizioni del Servizio fitosanitario (sono circa 100 i casi accertati fino ad ora) potranno presentare la domanda a condizione che abbiamo estirpato entro il 31 luglio 2013.

I contributi previsti sono definiti per tipologia, età dell’impianto e superficie estirpata. Sono concessi a parziale copertura della perdita subita e commisurati al valore di mercato delle piante distrutte e alla conseguente diminuzione di reddito.

Possono accedere ai contributi previsti dal presente Programma le Piccole e Medie Imprese (PMI) singole o associate del settore agricolo che abbiano effettuato estirpazioni di appezzamenti di piante di actinidia colpite da batteriosi dell’actinidia accertate dagli Ispettori fitosanitari con verbali datati nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2012 ed il 31 luglio 2013.

Le domande devono essere presentate, dal 19 agosto 2013 ed entro e non oltre le ore 12.00 del 13 settembre 2013, direttamente al Servizio Fitosanitario – Via di Saliceto n. 81 – 40128 Bologna, o inviate al predetto indirizzo tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, facendo fede in tal caso, ai fini del rispetto del termine, la data del timbro postale, o tramite posta certificata inviata al seguente indirizzo: omp1@postacert.regione.emilia-romagna.it

Le domande dovranno essere redatte secondo il fac-simile allegato alla delibera di giunta scaricabile qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.