La festa del dialetto si trasferisce a Cesena

Quinta edizione per “Te ad chi sit e’ fiol?”, ospitata quest’anno all’interno della Rocca Malatestiana.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"La festa del dialetto, delle radici romagnole, dell’orgoglio per le tradizioni riscoperte, ha una nuova casa. La prima domenica di luglio ritorna “Te ad chi sit e’ fiol?”, ormai alla quinta edizione, ma non più a Roversano bensì nel cortile della Rocca Malatestiana, nel centro di Cesena.

Il programma ricalca, comunque, quello delle passate edizioni, una formula che ha decretato il successo della manifestazione. L’inizio della rassegna è fissato alle ore 16 con la lettura dei racconti del “Premio Sauro Spada”, al quale seguiranno nel corso del pomeriggio altre letture, poesie, musiche e canti. Tutto, rigorosamente, in dialetto romagnolo.

“Ritrovandoci per ascoltare e parlare il dialetto – commenta Damiano Zoffoli, ideatore della prima edizione della rassegna – ritroviamo una parte di noi in molti casi sepolta, eppure tremendamente vitale. Nel dialetto stanno le nostre radici, i ricordi profondi della nostra famiglia. Non è un caso che una delle più celebri domande che si pongono in dialetto, quel Te ad chi sit e’ fiol? che dà il nome all’associazione, facciano riferimento proprio alla casata d’origine”.

Come nelle passate edizioni ci sarà la possibilità di salire sul palco per un’esibizione libera, ma solo previa prenotazione nei giorni precedenti (o sul posto, entro le ore 17).

Tra i tanti partecipanti si segnala la presenza di Giovanni Nadiani (Faenza), Carlo Falconi (Imola), Tonina Facciani (Borello), Paolo e Gianni Parmiani (Bagnacavallo), Antonio Gasperini (Montiano), Lorenzo Scarponi (Bellaria), Gianni Broccoli (Montilgallo), Liana Mussoni (Santarcangelo). Dalle 23:00 in poi, gran finale con il concerto de “I blec de sabat”.

Per raggiungere la Rocca, situata in zona a traffico limitato, saranno disponibili gratuitamente due navette: una da piazzale San Domenico (lungo viale Mazzoni), l’altra dal parcheggio del nuovo Conad di Ponte Abbadesse (davanti al cimitero urbano).

La festa del dialetto sarà preceduta sabato sera, 6 luglio, da un dramma sacro in dialetto all’Abbazia della Madonna del Monte (Cesena).

La rappresentazione “La Pa’sion de Signor e dla’ Madona”, in programma dalle 21:15, sarà introdotta da Giovanni Maroni, recitata da Maria Assunta Biondi e commentata a livello musicale dalla corale “La Gregoriana”. Lʼevento è organizzato dalla Società Amici del Monte in collaborazione con il monastero.

È possibile scaricare il VOLANTINO dell’iniziativa cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.