Romagnoli c’è la nostra festa

L’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” dà vita alla quinta “Festa del dialetto romagnolo”. L’appuntamento è per domenica alle 16 alla Rocca Malatestiana di Cesena.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"Ecco un annuncio atteso per un intero anno da tutti quei romagnoli, dalla Valmarecchia a Imola, che parlano in dialetto e che hanno origini ben certe in questa bella terra di Romagna. Domenica 7 luglio, dalle ore 16 fino oltre la mezzanotte, l’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” organizza per il quinto anno la “Festa del dialetto romagnolo”.

Attenzione quest’anno per la prima volta il grande evento si terrà presso la Rocca Malatestiana di Cesena. Per chi vuole raggiungere il luogo della festa in tutta tranquillità e comodità saranno disponibili gratuitamente due navette: una in partenza dalla chiesa di San Domenico in viale Mazzoni, ed una in partenza dal piazzale di fronte alla Conad di Ponte Abbadesse, zona cimitero urbano.

Così tutti possono partecipare alla festa che ricorda ad ognuno le proprie origini, i propri cari, i grandi sacrifici, le gioie: tutto vissuto in dialetto, orgoglio delle generazioni che col sudore ci hanno portato a quello che siamo. Nel dialetto stanno le nostre origini. Dove sentiamo parlare dialetto siamo certi di ritrovarci fra amici, a casa nostra. Là dove si parla dialetto si sta bene perchè la cultura ha ancora un significato antropologico e non è solo un insieme di conoscenze per far girare la finanza mondiale.

La festa del dialetto è un’occasione per poterci ritrovare e divertirci senza preoccuparci di essere globalizzati, possiamo essere quello che siamo senza metterci la maschera di chi conosce le complesse dinamiche del mondo economico. Parleremo e ascolteremo solo il dialetto e cosa molto importante faremo funzionare il cervello, il nostro!

Poesie, racconti, comicità, teatro… tutto in dialetto romagnolo. Il famoso studioso austriaco Friedrich Schurr, glottologo ed ermetico studioso di dialetti romagnoli affermava che: “non esiste un dialetto romagnolo, ma un’infinità di parlate romagnole digradanti di luogo in luogo, quali continue variazioni su un fondo comune”.

Leonardo Belli, Damiano Zoffoli, Maurizio Balestra e tanti altri amici anche quest’anno sono riusciti ad avere il meglio fra i poeti e i letterati del dialetto romagnolo. Senza fare torto a nessuno voglio ricordarne alcuni.

Giovanni Nadiani svolge attività di docenza e di ricerca presso la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori dell’Università di Bologna, sede di Forlì. Paolo Parmiani ha iniziato a recitare giovanissimo nel Gruppo teatrale La Compagine. Attore, regista, compositore e commediografo, conduce laboratori e corsi d’aggiornamento per studenti ed insegnanti. Gianni Parmiani, autore di testi per il teatro dei ragazzi, fornisce consulenze per laboratori in ambito scolastico. Antonio Gasperini: “Quando mi trovo a camminare lungo le strade e i sentieri dei miei colli, o anche solo a guardare certi posti o delle case abbandonate delle quali io conobbi gli abitanti, le loro voci, le storie, mi prende un reale sconvolgimento interiore che mi trascina in tempi e luoghi che non sono più ma riemergono e s’annullano nel misterioso divenire della vita”. Lorenzo Scarponi ci leggerà poesie di Raffaello Baldini. Carlo Falconi, classe 1975, ha fondato I brilli parlanti, gruppo musical-teatrale. Denis Campitelli è nato a Cesena nel 1976, il dialetto romagnolo lo impara in casa, poiché è la lingua parlata dai suoi genitori e dai nonni che vivono con lui. E ancora Liana Mussoni, Tonina Facciani, Oscar Zanotti, Gianni Broccoli (cantante rock dialettale), Il Cantiere Rock (storico gruppo rock dialettale Cesenate) e tanto altro.

Non perdete questa occasione per mettervi in sintonia con la realtà con i piedi per terra!

Diego Angeloni

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.