Aggregare i Consorzi fidi per garantire i crediti

Presentata una risoluzione, firmata da 18 Consiglieri regionali del Partito democratico.

Credit CrunchGarantire il credito alle imprese è sempre importante. In tempo di crisi però è addirittura vitale, una bombola d’ossigeno per le aziende in difficoltà. Ma le garanzie non possono essere elargite a pioggia, altrimenti si creerebbero le premesse per una nuova crisi finanziaria, a suon di nuovi crack.

E dunque? Dove trovare l’equilibrio tra le opposte esigenze? Una risoluzione sottoscritta da 18 Consiglieri regionali del Pd invita la Giunta ad aggregare i Consorzi fidi, andando nella direzione indicata dalla Banca d’Italia, che li vuole più solidi. Il documento chiede poi la creazione di un Fondo nazionale per l’edilizia, mentre alle istituzione europee, Bce in primis, chiede di erogare specifici finanziamenti per le imprese.

“L’Emilia-Romagna si è attivata da tempo per fronteggiare la crisi economica – sottolinea il Consigliere Damiano Zoffoli, tra i firmatari del documento – creando, tra le altre cose, un fondo di 55,8 milioni di euro gestito con i Consorzi fidi, cui vanno aggiunti altri 42,2 milioni di euro per il patrimonio. Oggi però il perdurare della crisi ha messo a dura prova i Consorzi, esponendoli ai rilievi di Bankitalia. Devono unirsi tra loro per fare massa critica. In parte lo hanno già fatto, dato che nel giro di pochi anni sono passati da 80 a 24. Ma la riorganizzazione deve continuare. Per questo, nella risoluzione, chiediamo che la Giunta prosegua il lavoro avviato con i Confidi per giungere ad ulteriori aggregazioni ed alleanze gestionali. La Regione deve confermare poi il proprio sostegno a questo indispensabile strumento di accesso al credito per le piccole e medie imprese. Applicando la legge Bassanini si permetterebbe ai Confidi dell’Emilia-Romagna un accesso diretto al fondo centrale come controgaranzia”.

Nel caso in cui questo non avvenisse, il rischio è quello di una sospensione delle attività dei Consorzi, una vera iattura per centinaia di imprese della Regione. Già qualche Consorzio ha dovuto sospendere l’attività in attesa di ricapitalizzazione, indugiare nella riorganizzazione potrebbe innescare un effetto a catena.

“Con la risoluzione poi – continua Zoffoli – chiediamo che la Giunta si attivi con il Governo per la creazione di un Fondo nazionale per la crescita imprenditoriale e per la qualificazione del territorio, decisivo per dare un aiuto al settore dell’edilizia. Viene chiesto inoltre alle istituzione europee, in primis la Bce, di erogare specifici finanziamenti per le imprese”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Aggregare i Consorzi fidi per garantire i crediti

  • Grazie Damiano, i consorzi fidi (cooperfidi, etc.) sono essenziali per sostenere il mondo della cooperazione in questo difficile passaggio. Se vogliamo traghettare le aziende che lavorano per la qualificazione del territorio, senza farle naufragare tutte sugli scogli della crisi, dobbiamo proteggerle. Selezionare quelle migliori, le più meritevoli, e rendere loro sicuro l’accesso al credito. Una rete di protezione che l’europa in primis chiede di creare. Attenzione però a non esagerare con le integrazioni troppo spinte, perchè il rischio è quello di creare giganti con i piedi di argilla, che anzichè aiutare la miriade di piccole imprese sul territorio preferiranno prestare servizi verso pochi grandi gruppi, per evitare esposizioni finanziarie. Il modello deve essere invece quello del MICROCREDITO, e dell’aiuto capillare al territorio, per arrivare là dove gli istituti di credito convenzionali non riescono o non vogliono arrivare. Il modello “Emilia-Romagna” si è distinto per queste virtù, non barattiamo la necessità di sostenere una massa critica con la qualità ed efficacia del lavoro svolto sul territorio.

    • Caro Paolo,
      la bontà del microcredito mi è nota (e penso che una cosa non escluda l’altra: la sfida sta proprio nel tenere insieme, supportandole, esigenze diverse): come forse ricorderai, è stato oggetto di uno degli incontri di approfondimento politico che avevamo organizzato col ciclo “La Buona Politica: al centro la persona e la comunità”.
      Ne trovi traccia (assieme a qualche materiale di approfondimento) anche qui: http://www.damianozoffoli.com/tag/microcredito/.
      Ti anticipo che, sul tema, ci sto lavorando anche a livello regionale, per capire se è possibile “copiare” quanto fatto in Toscana.
      Ci aggiorniamo presto!
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli