Con Mobilitas la Regione ti accompagna in Europa

Un nuovo servizio per avvicinare l’Europa ai giovani emiliano-romagnoli. Si chiama Mobilitas e li guiderà nella loro esperienza di studio, lavoro o volontariato all’estero.

logo_mobilitasGiovani e meno giovani, interessati a viaggiare in Europa, oggi possono contare su Mobilitas, il nuovo centro per la mobilità educativa e lavorativa riservato a cittadini residenti e domiciliati in Emilia-Romagna, che offre un servizio gratuito di orientamento e accompagnamento personalizzato per esperienze di studio, lavoro, tirocinio o volontariato all’estero.

Il centro ha due sportelli fisici aperti al pubblico: uno a Bologna, presso il Centro Europe Direct dell’Assemblea legislativa (in viale Aldo Moro 36; aperto dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 13 e dalle 14 alle 16), l’altro a Forlì, all’interno del Campus universitario (in piazzale Sante Solieri 1; aperto il lunedì dalle 14 alle 16 e dal martedì al venerdì dalle 10 alle 16).

È inoltre attivo uno sportello virtuale: gli operatori, a disposizione tutti i giorni (il lunedì dalle 14 alle 16 e dal martedì al venerdì dalle 10 alle 16), potranno infatti essere contattati anche via mail (info@mobilitasonline.net), Skype (mobilitasonline) o telefono (0543 374807), Facebook (http://www.facebook.com/mobilitasonline).

Grazie a un’agenda online, con un semplice click sarà possibile prenotare un appuntamento direttamente dal sito internet (http://www.mobilitaseu.net/).

Il progetto, promosso e finanziato dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, dal Comune di Forlì e dall’Università di Bologna – Campus di Forlì, è gestito dalla cooperativa Uniser, selezionata attraverso un bando.

Mobilitas si propone di coinvolgere e armonizzare i servizi offerti dalle reti europee a sostegno della mobilità educativa e lavorativa già esistenti (Eurodesk, Eures e Euroguidance), mettendone a sistema gli strumenti, per supportare l’utente nella realizzazione di un’esperienza all’estero, offrendogli un ampio ventaglio di opportunità su misura. Fornirà inoltre servizi gratuiti ad organizzazioni, pubbliche o private, interessate a sviluppare progetti di mobilità europea. Scuole, enti pubblici, imprese, associazioni o gruppi informali potranno richiedere supporto per la ricerca di partner in Europa e per attività di progettazione.

“Oggi sono in continuo aumento le richieste, soprattutto da parte di giovani e insegnanti, per conoscere opportunità di studio e lavoro all’estero – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli –. Fare un’esperienza in Europa, se per qualcuno è diventata una necessità, in tempi di crisi economica, per tutti è sicuramente un percorso di crescita personale che favorisce l’interscambio, la conoscenza, la circolazione delle idee, ampliando gli orizzonti della propria attività. Compito della politica è quello di portare avanti azioni per rafforzare percorsi di cittadinanza attiva e creare opportunità di crescita e formazione, all’insegna di una Europa che unisce, e Mobilitas va proprio in questa direzione. Per questo auspichiamo che, dopo questo primo anno di sperimentazione, l’esperienza possa crescere e svilupparsi anche in altre Province della nostra Regione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.