Le api, sentinelle della biodiversità

La Regione ha preparato un piano triennale da 2,12 milioni di euro di contributi per l’apicoltura.

I sweep remaining bees off the frameSono un “ingranaggio” fondamentale nella grande macchina della Natura. Con il loro costante lavoro di impollinazione, le api riescono a garantire una buona fetta della produzione agricola mondiale.

Eppure sono a rischio e, con loro, la biodiversità e il futuro di tanti vegetali. Pochi anni fa, in Italia e nei paesi vicini, ne morivano a frotte e non si capiva perché. Sul banco degli imputati finirono diversi pesticidi usati in agricoltura, alcuni dei quali poi sospesi. Ma tantissimi altri pesticidi restano in commercio e non giovano di certo alle api. Tanto che questi insetti si sono quasi dimezzati in Europa nel giro di appena 10 anni. Meno api vuole dire anche meno biodiversità, dato che impollinano fiori diversi. Sono delle vere sentinelle ambientali, dunque, e il loro benessere è legato a doppio filo al futuro dell’agricoltura e al nostro.

Per questo la Regione Emilia-Romagna si è impegnata a sostenere il settore dell’apicoltura (che in regione vede 104mila alveari e 6mila apicoltori per 27mila quintali di miele l’anno) con un piano triennale di 2,12 milioni di euro tra risorse nazionali e comunitarie.

Il “Programma regionale in materia di apicoltura”, già approvato in Commissione e che martedì andrà in Aula, ambisce al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti per il triennio 2014-2016. I bandi per la concessione dei contributi agli apicoltori dovrebbero essere pronti entro settembre.

“Il ruolo delle api è insostituibile – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – tanto che, nei paesi dove sono scomparse a causa dell’inquinamento eccessivo, le procedure d’impollinazione effettuate a mano dall’uomo non raggiungono gli stessi risultati. Perché questi insetti vanno oltre, aumentano la biodiversità del territorio. Gli aiuti all’apicoltura vogliono dare una mano a chi crede nelle api e nel loro futuro, assolutamente intrecciato al nostro”.

Obiettivo del Programma, è quello di favorire lo sviluppo qualitativo e quantitativo dell’apicoltura su tutto il territorio regionale nel rispetto dei principi di tutela dell’ambiente e della salute del consumatore, in armonia e secondo le linee guida indicate nella disciplina comunitaria e nelle disposizioni normative nazionali. Vuol migliorare l’allevamento delle api e le attività ad esso connesse, attraverso l’aumento del livello tecnologico e l’adeguamento igienico-sanitario delle strutture, al fine di diminuire i costi di produzione e migliorare la qualità ed i processi di produzione del miele e degli altri prodotti apicoli (cera di api, pappa reale, propoli e polline); favorire la costituzione e l’applicazione in apicoltura del servizio di assistenza tecnica specialistica principalmente da parte delle forme associate; migliorare su tutto il territorio regionale lo stato sanitario degli alveari, favorire l’applicazione del Piano integrato igienico-sanitario per la tutela delle api in Emilia-Romagna, ed in modo particolare il risanamento, la profilassi e la cura degli allevamenti delle api dalla varroasi; incrementare e razionalizzare lo sfruttamento delle risorse nettarifere regionali ed extraregionali attraverso la diffusione, la razionalizzazione ed il sostegno della pratica del nomadismo; promuovere il miglioramento della qualità dei prodotti ed aumentare, attraverso le determinazioni analitiche, la conoscenza delle caratteristiche botaniche, fisico-chimiche, organolettiche, nutrizionali e terapeutiche del miele.

Tra gli altri obiettivi del Programma, il sostegno al popolamento del patrimonio apicolo regionale e la tutela dell’Apis Mellifera di razza Ligustica attraverso l’attività di allevamento, selezione, miglioramento genetico e moltiplicazione di api regine, sciami e famiglie di api, oltre a l’adozione e la divulgazione di programmi di ricerca, caratterizzazione dei mieli tipici, miglioramento della qualità dell’apicoltura e dei suoi prodotti da parte di organismi tecnico-scientifici specializzati a supporto di obiettivi di sviluppo dell’intero comparto a livello regionale.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.