Lavoro, approvata la legge regionale sui tirocini

Alla ricerca dell'universitàL’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato, questa mattina, la nuova legge regionale in materia di tirocini, modificando l’attuale impianto legislativo, risalente al 2005.

“L’obiettivo prioritario di questa legge – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli è riportare il tirocinio alla sua funzione originale, di ponte verso il lavoro, evitandone l’uso distorto. La disoccupazione giovanile è esplosa anche in Emilia-Romagna, passando dall’11 al 26,4% tra il 2007 e il 2012. Questa situazione rischia di deprimere e frustrare un’intera generazione che, per la prima volta dal dopoguerra, trasforma la sua precarietà lavorativa in precarietà esistenziale. Combatterla è una delle priorità della nostra Regione: vogliamo dare ai nostri giovani un’occasione per acquisire competenze attraverso esperienze dirette nelle imprese, riducendo così anche i tempi di ingresso nel mercato del lavoro. Il tirocinio è uno strumento per supportare l’inserimento lavorativo, che vuole accompagnare le persone nelle transizioni tra un percorso formativo e il lavoro o tra un lavoro e un altro, attraverso un percorso personalizzato di formazione e qualificazione, oggi sempre più indispensabile per trovare un’occupazione”.

Il tirocinio si inserisce nel quadro delle politiche attive della Regione come strumento per supportare l’inserimento o il reinserimento lavorativo. La legge prevede tre diverse tipologie di tirocinio, ciascuna con proprie finalità e destinatari, e l’obbligo di corrispondere al tirocinante un’indennità mensile pari a 450 euro.

La prima, con finalità orientativa e formativa, è finalizzata ad agevolare le scelte professionali e l’occupabilità dei giovani nel percorso di transizione tra la formazione (scuola/università/formazione professionale) e lavoro, attraverso una formazione a diretto contatto con il mondo del lavoro: i destinatari hanno conseguito un titolo studio negli ultimi dodici mesi.

La seconda tipologia riguarda i tirocini di inserimento o di reinserimento al lavoro, rivolti principalmente a disoccupati, persone in mobilità e inoccupati, ma attivabile anche in favore di lavoratori in cassa integrazione.

La terza tipologia riguarda i tirocini di orientamento e formazione o di inserimento e reinserimento in favore di persone con disabilità (ai sensi dell’art. 1, comma 1, della legge n. 68/1999), persone svantaggiate (legge n. 381/91) nonché richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale o umanitaria e persone in percorsi di protezione sociale (art.18 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286).

Per contrastare l’uso distorto di questo strumento – che non va confuso con un contratto di lavoro – il progetto di legge stabilisce la durata massima prevista per ciascuna delle tre tipologie, comprensiva di eventuali proroghe, vale a dire sei mesi per i tirocini formativi e di orientamento, dodici per i tirocini di inserimento/reinserimento, e dodici per i tirocini in favore di soggetti svantaggiati.

La qualificazione del tirocinio viene promossa introducendo un progetto formativo individuale, che attraverso un percorso personalizzato deve garantire gli obiettivi formativi del sistema regionale delle qualifiche, certificando gli esiti del percorso, introducendo un modulo formativo sulla salute e la sicurezza sul lavoro e affidando la promozione del tirocinio a soggetti qualificati che, attraverso un tutor, garantiscono la coerenza del percorso agli obiettivi formativi.

Viene rafforzata la vigilanza sui tirocini, attraverso una più stretta connessione con il Ministero del Lavoro e i suoi uffici periferici. In caso di violazioni degli obblighi del soggetto promotore e/o ospitante, sono previste l’immediata interruzione del tirocinio e il divieto di attivare ulteriori tirocini nei successivi dodici mesi.

Il progetto di legge esclude la possibilità di realizzare più di un tirocinio con il medesimo tirocinante, nonché di impiegare il tirocinante in attività non coerenti con gli obiettivi formativi del tirocinio stesso.

L’indennità di tirocinio non verrà corrisposta in caso di beneficiari di tirocinio che già percepiscono qualche forma di sostegno al reddito, ad eccezione del rimborso per le spese sostenute. Come per la durata, anche per l’indennità, al fine di favorirne l’inclusione e la cittadinanza attiva, è rinviata a una delibera di Giunta la possibilità di definire deroghe per i tirocini rivolti a persone con disabilità o svantaggio.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Lavoro, approvata la legge regionale sui tirocini

  • Rita Francesconi

    E’ cosa buona e giusta verificare che nell’ambito del tirocinio formativo sia rispettato il progetto individuale,vengano adottate le misure di garanzia della salute e la sicurezza sul lavoro, oltre che prevedere un’indennità mensile, ma è assolutamente prematuro ridurre a 6 mesi la durata massima del tirocinio formativo.
    Prima di parlare di “rischio sfruttamento” dobbiamo ricordare che anche chi ha conseguito con lode laurea/masters in atenei prestigiosi, deve affrontare ogni giorno un durissimo percorso di ricerca di un’occupazione, in cui la frustrazione massima è non riuscire in alcun modo ad aprirsi un varco, anche piccolo, nel mondo del lavoro.
    Non è solo un problema economico, peraltro assolutamente rilevante, ma anche psicologico: un impegno formativo, se pure caratterizzato da un’indennità modesta, è molto importante per mantenere viva la speranza di essere utili e di intercettare qualcosa di meglio.
    In Romagna si usa dire “piotost che gnit l’è mei piotost” e cioè “piuttosto che niente è meglio piuttosto”.
    Per cui è illogico e dannoso ridurre a soli 6 mesi la durata massima del tirocino formativo senza prima aver aperto nuove possibilità, intevenendo sulle variabili che condizionano le opportunità di occupazione.
    In pratica ci si preoccupa del tetto della casa, senza aver messo mano alle fondamenta.