Solidarietà al ministro Kyenge

Approvata una risoluzione che chiede le dimissioni del leghista Calderoli.

Cécile Kyenge“Totale e massima solidarietà alla ministra Cécile Kyenge e apprezzamento per il lavoro di contrasto a ogni forma di razzismo, a partire dall’impegno perché l’Italia si doti di una legge per il riconoscimento della cittadinanza ai bambini di origine straniera nati nel nostro Paese”. E “dimissioni” del vice-presidente del Senato, Roberto Calderoli.

È quanto esprime la risoluzione approvata dall’Assemblea legislativa (favorevoli Pd, Sel-Verdi, Fds, Idv, Giovanni Favia e Franco Grillini del gruppo Misto; astenuti M5s e Pdl) a proposito delle offese rivolte durante un comizio al ministro per l’Integrazione da Roberto Calderoli.

Con il documento, il Consiglio regionale si appella al Parlamento affinché “si faccia portavoce nei confronti del Paese e della comunità internazionale della più profonda indignazione per questo vile attacco razzista perpetrato ai danni del ministro per l’Integrazione e di sollecitare con la più ferma e decisa determinazione le dimissioni del leghista Roberto Calderoli dalla carica di vice-presidente del Senato della Repubblica”.

“Le gravissime parole di Calderoli non sono solo un’offesa pesante e gratuita, sono un attacco indegno a Cécile Kyenge come donna, come rappresentante delle Istituzioni, come persona che in questa terra lavora, vive, si impegna da anni in politica con risultati più che apprezzabili, e per questo è da tutti stimata – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari del documento –. Al contrario, ci sono politici che si contraddistinguono solo per dichiarazioni inqualificabili. Bene ha fatto il capo dello Stato, che tutti gli italiani rappresenta, a dirsi indignato di fronte all’imbarbarimento senza fine della politica e della vita pubblica. Alla ministra Kyenge, vittima ancora una volta di insulti a sfondo razzista e di aggressioni verbali, va tutta la mia solidarietà e vicinanza. Chi ha offeso lei e le Istituzioni, dovrebbe dimettersi”.

Anche i Consiglieri del Carroccio, con un’altra risoluzione, si sono dissociati dalle offese rivolte alla Kyenge, “convinti che ogni scontro politico e ogni diversità di opinioni, per quanto aspra e radicale, non debba mai scadere in espressioni volgari ed offensive” e hanno chiesto alla Giunta regionale di “esprimere solidarietà al ministro per le espressioni che le sono state rivolte”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Solidarietà al ministro Kyenge

  • Fringui

    Da un lato c’è un vice presidente del Senato che offende con insulti razzisti un ministro della Repubblica, dall’altro un vice premier che vìola i diritti umani espellendo moglie e figlietta di un dissidente kazako su richiesta di un dittatore e che poi mente spudoratamente al Parlamento.
    Entrambe sono azioni vergognose, ma l’Assemblea legislativa si esprime solo per le dimissioni di Calderoli.

  • mirella ceccarelli

    E’ un’azione vergognosa quella di Calderoli, ma da parte sua e di altri leghisti non è la prima di azioni altrettanto gravi da parte della Lega quando era al governo del nostro Paese.
    Pensare che il norditalia è stata per anni governato, anche clturalmente, da forze politiche di questo stampo possiamo solo essere contenti di avere ora un governo nuovo, diverso, anche se di difficile gestione politica, ma un Governo dove la nostra posizione è importante, anche se non altrettanto forte per lo scarso risultato elettorale.
    Però c’è un paese che ci ascolta e giudica le voci di tutto il Parlamento. Col Governo Berlusconi la nostra voce era buttata al vento e l’ opposizione non esisteva, era ignorata.
    Speriamo che questa faticaccia nel nuovo Governo Letta riesca a cambiare anche la cultura di questo paese.
    E che regga a lungo per il bene del Paese.
    Mirella Ceccarelli

  • Fringui

    @Mirella Ceccarelli

    Non ci illudiamo. Se Calderoli fosse stato al posto di Alfano, il buon Letta avrebbe salvato anche lui per non rischiare di far cadere il Governo. E’ facile fare la morale solo con i ‘pesci piccoli'(vedi pure con la Idem).