Per uno sport aperto a tutti i bambini

Presentata una risoluzione per la rimozione di tutti gli ostacoli che impediscono ai figli di immigrati di praticare sport nel nostro Paese.

Lourdie Soccer Game April 28, 2012 3Praticare uno sport va al di là della semplice attività fisica: vuol dire fare squadra, dilatare le proprie emozioni fondendole con quelle dei compagni, condividere gli alti e bassi di un percorso comune. Ma ci sono bambini e ragazzi ai quali la gioia dello sport di gruppo è negata. Si tratta dei figli di immigrati da un paese non comunitario, caricati di un fardello fatto di certificati aggiuntivi o porte chiuse in faccia. Un percorso ad ostacoli lungo mesi, se non anni, che lascia frotte di esclusi e delusi lungo il suo percorso.

Pensando a loro, il gruppo del Partito democratico all’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha presentato una risoluzione per impegnare la Giunta ad aderire alla campagna lanciata dalla “Rete G2 – seconde generazioni”. Nel documento viene anche chiesto un impegno della Regione nel sollecitare Governo e Coni, affinché vengano rivisti i regolamenti che ostacolano o impediscono ai bambini non comunitari (arrivati nel nostro Paese a meno di 10 anni) l’accesso all’attività sportiva.

“Nei giornali abbiamo letto delle vicende di Balotelli o Ogbonna – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – costretti ad aspettare il 18esimo anno di età per giocare in nazionale. Ma la realtà quotidiana di questo Paese è fatta di centinaia di casi meno eclatanti eppure più dolorosi, dato che viene impedito a dei bambini di poter giocare nella stessa squadra con i propri amici o compagni di scuola”.

Esemplare il caso di una nuotatrice della provincia di Padova, nata in Italia dieci anni fa da genitori nordafricani e per questo considerata straniera. Una condizione che le ha reso impossibile gareggiare per la società sportiva nella quale si allena.

“I divieti di oggi – aggiunge Zoffoli – furono introdotti per evitare fenomeni di “tratte” di campioncini da parte dei club sportivi. Queste norme, però, hanno finito per danneggiare i ragazzi che vogliono solo praticare sport assieme ai loro amici. Quello che, di suo, sarebbe uno straordinario strumento di integrazione, si è trasformato così nell’ennesimo muro d’esclusione. Per questo è importante che la Regione si faccia carico del problema, sollecitando il Governo ad una revisione della materia”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.