Edilizia, approvata la legge di semplificazione delle procedure

Un passo in avanti nella riduzione della burocrazia per cittadini e imprese.

Oddly-Shaped BuildingsLa possibilità di dare il via ad una trasformazione edilizia nel momento stesso della presentazione della comunicazione di inizio lavori con, di conseguenza, una rilevante modifica del modo di operare della pubblica amministrazione, che ora svolgerà la propria funzione di controllo a lavori già iniziati. E la promozione della riqualificazione degli edifici, anche attraverso il permesso in deroga: sono alcuni degli aspetti di principale innovazione della nuova legge regionale recante “Semplificazione della disciplina edilizia”, approvata ieri dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

Nel testo vengono definiti due soli titoli edilizi, la Scia e il permesso di costruire, discostandosi dalla disciplina di dettaglio statale, composta da tre titoli, e prevedendo il ricorso alla Scia sostitutiva del permesso, comunemente chiamata Super-Scia, per realizzare gli interventi di nuova costruzione e di ristrutturazione urbanistica, qualora i piani urbanistici abbiano regolamentato puntualmente la loro esecuzione.

“Con questa legge – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – facciamo un ulteriore passo in avanti nella riduzione del peso della burocrazia su cittadini e imprese. Non è una rivoluzione, poiché la riduzione complessiva delle norme non è nelle mani della Regione, ma abbiamo allargato l’ambito dell’attività edilizia totalmente liberalizzata, che ora include gli interventi di manutenzione ordinaria, le opere per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, il passaggio senza opere dall’uso abitativo agricolo all’uso abitativo urbano, gli interventi di pavimentazione e di sistemazione delle aree pertinenziali che non creano volumetria, i pannelli solari e fotovoltaici a servizio degli edifici”.

Il testo prevede inoltre la possibilità di proroga della validità dei titoli edilizi, per evitare che la scadenza dei termini della Scia costituisca un aggravio amministrativo per le imprese edili.

“Abbiamo poi introdotto norme di facilitazione per il recupero del patrimonio edilizio esistente, per la sua riqualificazione energetica e per rendere gratuito il frazionamento con opere minime degli immobili produttivi – prosegue il Consigliere Zoffoli – anche per favorire il riutilizzo da attività dismesse in questa fase di crisi”.

“Certamente un grande impegno è richiesto al mondo tecnico, che assume un ruolo pubblico terzo tra cittadini o imprese e pubblica amministrazione, che avrà il compito di garantire la rispondenza dei progetti alle norme urbanistico-edilizie. Per facilitare il loro compito la legge impegna però Regione e Comuni ad un’opera di standardizzazione delle procedure con modulistica unica regionale, informatizzazione del sistema edilizio, riduzione del volume dei Regolamenti urbanistico-edilizi, ricognizione precisa a livello regionale delle norme nazionali e regionali e definizione aggiornata della Carta dei vincoli a livello comunale” conclude Zoffoli.

Tutti gli atti burocratici sono comunque ridotti solo a due momenti: il deposito del progetto all’avvio dei lavori e, alla fine, il deposito delle eventuali varianti e della pratica per l’abitabilità.

Infine, si va incontro ad una completa revisione del sistema dei controlli, accorpando in due sole fasi i compiti di vigilanza dell’attività edilizia che attualmente il Comune è chiamato a svolgere ripetutamente nell’arco dell’intero processo edilizio, e cioè il controllo iniziale sul progetto e quello finale sull’opera effettivamente realizzata.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.