ERSILIO TONINI – “Permettetemi di continuare ad amarvi”

img__testimoni_Ersilio ToniniNella notte tra sabato e domenica, all’età di 99 anni, si è spento il cardinale Ersilio Tonini, il più anziano tra i porporati italiani, una delle figure più amate e ascoltate della Chiesa italiana.
Nato a Piacenza, ha svolto, per tanti anni, il suo ministero da prete e vescovo nel ravennate. E proprio in Romagna, terra di tradizioni anticlericali, è entrato nel cuore della gente grazie alla sua capacità di ascolto e di condivisione, delle gioie e dei dolori: una solidarietà praticata e non solo annunciata.
Testimone credibile del Vangelo, studioso curioso del futuro, aperto all’incontro e al confronto con tutti, persona semplice ed autentica, fu proprio Tonini a portare il Vangelo in tv, entrando così nelle case degli italiani, che ancora oggi lo ricordano come il cardinale buono.
“L’amore è la cosa più importante nella vita” sono state le sue ultime parole, quando si è reso conto che stava per “andare incontro al Signore”. “Non piangete, torno dal Padre che è buono” si è raccomandato con la suora che lo accudiva.
Con il ricordo dei tanti incontri e degli appassionati insegnamenti ricevuti, al Cardinal Tonini vanno la mia preghiera e il mio sincero grazie.
Damiano Zoffoli

 

ERSILIO TONINI 1914-2013: le straordinarie tappe di una vita straordinaria, vissuta sempre accanto ai più deboli e nell’affetto dei ravennati, anche quelli non credenti

Il prete di campagna che anticipò Bergoglio. Un uomo di chiesa che ha sempre preferito la potenza dell’esempio a quella della predica

di Carmelo Domini

RAVENNA. Scende la scale di Santa Teresa dentro una bara di legno chiaro, simile a quella di papa Wojtila, avvolto in un vestito da cardinale che gli va allo stesso tempo troppo grande e troppo piccolo. C’è infatti qualcosa di immenso nei 99 anni e sette giorni di quest’uomo, qualcosa di talmente grande che chi ha fede chiama santità e chi non ce l’ha chiama semplicemente ammirazione.

Ersilio Tonini era infatti molto più di un cardinale.

Lo era per la sua volontà di parlare a tutti e soprattutto per la sua capacità di essere ascoltato non solo dai credenti. Amava definirsi un “semplice prete di campagna”. E non era un vezzo, ma un dato di fatto di cui andava orgoglioso.

A undici anni entrò in seminario e raccontò di aver visto la madre ballare da sola con una scopa per la contentezza. Proprio alla madre era devotissimo. Fu lei a trasmettergli un giorno quello che Tonini definiva “stupore per la vita”. Un concetto che evocava spesso nei suoi incontri con i giovani.

Di sicuro lui della sua vita non sprecò un attimo. Mangiava mezza mela al giorno e beveva due o tre tazze di thè, pesava 47 chili, eppure era un uomo di una tempra unica che iniziava ogni giornata leggendo quotidiani tedeschi e inglesi prima di aprire la porta a una fila di bisognosi ai quali da anni in pratica destinava tutto il suo stipendio di alto prelato.

«La sua biografia – ha detto ieri il vaticanista de La Stampa, Giacomo Galeazzi – appare l’archetipo della Chiesa voluta da Bergoglio, quella che serve la fede invece di servirsene, lontanissima dai lussi e dalle manovre di potere». Difficile dargli torto, perché Tonini – cercando di riassumere senza banalizzare troppo – è stato proprio questo: un Bergoglio ante litteram, un uomo di chiesa che ha sempre preferito la potenza dell’esempio a quella della predica.

Lo fece da subito, dal 1975. Anno in cui arrivò a Ravenna e trovò la sua residenza occupata dal predecessore (come Bergoglio appunto) e per questo venne accompagnato a Santa Teresa che allora era un luogo di sofferenza estrema. Dopo un mese gli fu detto che poteva andare via, ma lui non volle, lasciando quella casa per il recupero di alcuni tossicodipenenti. “Voglio stare tra la mia gente” disse (sempre come Bergoglio) e la sua gente non lo abbandonò più. Nemmeno quando si dimise da Vescovo per raggiunti limiti di età. Era il dicembre del 1990 e nel corso della sua ultima messa in Duomo disse quelle parole che i ravennati non dimenticarono mai: “Permettetemi di continuare ad amarvi”. Parole di straordinaria umiltà. Così quel giorno avvenne un altro piccolo miracolo: entrò nella cattedrale come vescovo emerito, ma in un certo senso ne uscì come papa.

Il legame più forte con Ravenna, però, risaliva a tre anni prima. Marzo 1987. Funerale per le tredici vittime della strage Mecnavi. Il dolore di una città e gli imbarazzi delle istituzioni vennero scossi da parole che non cercavano compromessi: Non si può morire come topi!” tuonò Tonini. Una frase che fece il giro di Italia. Di quella straordinaria capacità comunicativa si accorse per primo Enzo Biagi con il quale divenne anche amico e quando arrivò l’editto bulgaro il vecchio cardinale ci mise la faccia come un ragazzino: “Lo hanno ucciso – disse Tonini nel corso di una puntata di Annozero – Biagi non è stato solo un uomo della tv, ma anche una persona che ha combattuto per la giustizia e la libertà. Non si possono trattare gli uomini come pezzi da giocare”.

Non a caso proprio ai giornalisti ha voluto lanciare, appena una settimana fa, il suo ultimo messaggio. Un invito a evitare compromessi a vivere la professione con coraggio. Perché “o siete profetici – ha detto Tonini – o siete inutili”.

Ma c’è una cosa che in questa triste e per certi versi storica giornata vale più di mille parole e rischia di non essere raccontata abbastanza, ed è la spontanea e inesauribile processione di ravennati verso la camera ardente. Una processione iniziata quando suor Virginia non aveva ancora finito di accendere la prima candela alle 12.20 di ieri. C’erano anziani e giovani, credenti e non. Qualcosa di straordinario e per certi versi commovente. Qualcosa che, per usare le parole di un giornalista morto prematuramente a 99 anni e sette giorni, si potrebbe definire come “stupore per la vita”.

(tratto dal Corriere di ROMAGNA – lunedì 29 luglio 2013).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to ERSILIO TONINI – “Permettetemi di continuare ad amarvi”

  • Franco Bellini

    Intanto ringrazio Damiano di avere divulgato questo articolo e poi voglio dire due parole su Tonini.
    Io, che sono credente, ho sempre tratto enormi benefici ad ascoltare le parole di Tonini, sia che fossero pronunciate in una omelia, in una intervista o scritte in un articolo di giornale. Ho sempre avuto la stessa sensazione che sto avendo ora ascoltando Papa Francesco e cioè di essere difronte ad una persona straordinaria, di quelle che, se ce ne fossero un po’ di più, ora non staremmo qui a piangere il declino della chiesa cattolica. Così come credo che le aziende le facciano le persone che vi lavorano, che i figli in una famiglia prendono l’esempio dei genitori, così nella chiesa, persone come Ersilio Tonini, oltre a fare la differenza, ci insegnano che la chiave della nostra vita è solo nell’Amore che ci ha insegnato Gesù Cristo. Auspico che persone autentiche come Tonini e Bergoglio siano sempre di più, così da riportare la chiesa nella sua giusta dimensione, credo per il bene di Tutti.

    Grazie Cardinale per la dimostrazione di Fede e di Carità che hai dimostrato in tutti questi lunghi anni, a grandi e piccini, a giovani ed anziani, a Tutti.

    Franco Bellini