Wifi libero nei luoghi pubblici

wi-fi fon hotspot base stationDopo una serie di annunci e smentite, è finalmente arrivata la liberalizzazione del Wifi nei luoghi pubblici. Accedere a Internet senza fili in bar, ristoranti o circoli, dunque, sarà più facile per tutti, in primis per i gestori dei locali, sgravati da un fardello di burocrazia e controlli.

La norma che doveva liberalizzare il Wifi pubblico era stata prevista nel cosiddetto “decreto del fare” del Governo Letta. Ma la sua formulazione non risolveva i problemi che fino ad oggi hanno zavorrato il settore, al contrario aggiungeva elementi di confusione.

L’intervento dei parlamentari Pd alla Camera (un gruppo di deputati già impegnati nell’agenda digitale: Marco Meloni, Alessia Mosca, Paolo Coppola, Enza Bruno Bossio, Gianclaudio Bressa e Lorenzo Basso) ha riportato sui giusti binari la questione. Con l’accoglimento delle loro proposte, il testo finale del decreto non richiede più l’identificazione personale degli utilizzatori, a patto che chi offre connettività Wifi pubblica non lo faccia come attività prevalente.

“Si tratta di una modifica importante – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – che va nella direzione auspicata dalla Regione Emilia-Romagna. Nei mesi scorsi avevo firmato, assieme ad altri consiglieri di diverse forze politiche, il progetto di legge d’iniziativa del collega Consigliere Grillini sulle integrazioni al Codice delle comunicazioni elettroniche, mirato proprio a far cadere le restrizioni in essere sul Wifi pubblico. Per questo non posso che essere soddisfatto del lavoro fatto dal gruppo Pd alla Camera. Le nuove norme permetteranno a tutti un accesso ad Internet più facile nei luoghi pubblici, con ricadute economiche e sociali importanti”.

Peccato solo che, allo stesso tempo, la commissione bilancio della Camera abbia limato i fondi stanziati dal Governo Monti per combattere il digital divide. La strada che porta ad un accesso a Internet, davvero per tutti, è ancora lunga.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.