Buoni per libri scolastici: 187mila euro per oltre 2mila studenti di Forlì-Cesena

21/365 - let's get this party started...Libri meno cari, o gratuiti, per le famiglie non abbienti con figli alla scuola dell’obbligo o al triennio delle superiori. La Regione ha stanziato 1,6 milioni di euro (fondi statali) in contributi per l’acquisto di libri di testo, 187mila dei quali destinati alle famiglie della provincia di Forlì-Cesena. Come gli scorsi anni, la domanda dovrà essere presentata direttamente all’istituto scolastico frequentato dai figli entro il 12 novembre.

A beneficiare del contributo, in provincia di Forlì-Cesena, saranno 1079 ragazzi delle medie (scuola secondaria di primo grado), 603 studenti del biennio delle superiori (scuola secondaria di secondo grado) e 478 studenti del triennio. I numeri sono indicativi e si riferiscono ai beneficiari dello scorso anno scolastico, per questo potranno variare sulla base delle domande effettivamente accolte dal Comune di residenza, che terrà conto delle condizioni economiche del nucleo familiare.

“Nonostante dallo Stato quest’anno siano arrivate meno risorse – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – i buoni libro si confermano un modo importante per rendere effettivo il diritto allo studio. Solo investendo sulla scuola e sulla formazione della persona potremo tornare a crescere, attrezzando i giovani per il futuro”.

La delibera regionale di riparto dei fondi prevede che i Comuni debbano effettuare controlli a campione su almeno il 5 per cento delle dichiarazioni economiche presentate dalle famiglie, per scoraggiare evasori e “furbetti”.

Nel dettaglio, in provincia di Forlì-Cesena 63.224,34 euro andranno a sostegno dei libri di testo delle scuole medie (14.181,81 nel comune di Forlì, 9.902,18 in quello di Cesena); 73.861,11 euro ai libri dei primi due anni di superiori (17.897,06 a Forlì e 12.323,24 a Cesena); 49.963,50 euro per gli anni dal terzo al quinto delle superiori (16.284,38 a Forlì, 9.075,58 a Cesena).

È possibile scaricare il testo della DELIBERA, con il dettaglio dei fondi per Comune, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.