Un percorso per autobus più accessibili

Interrogazione alla Giunta regionale sulle nuove pedane per disabili nei bus.

Perhaps Russell Crowe Can Help“I recenti episodi, segnalati a mezzo stampa da utenti deboli, disabili in carrozzina, impossibilitati ad usufruire liberamente degli autobus in servizio in alcune realtà urbane o suburbane dimostrano che, nonostante gli sforzi compiuti in questi anni dalla Regione Emilia-Romagna, siamo ancora ben lungi dal garantire la piena accessibilità e fruibilità del territorio regionale”.

È quanto afferma Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Mobilità della Regione, in un’interrogazione rivolta alla Giunta per sapere “quali misure intenda adottare nei prossimi anni per raggiungere obiettivi sempre più consoni alla giusta aspirazione di tutti i cittadini a poter usufruire dei servizi offerti dal trasporto pubblico locale”.

Il Consigliere fa presente che a livello regionale “appena poco più di un terzo dei 3282 autobus in circolazione è dotato di pedane elevatrici” (dato 20/05/2011, ndr), così come risultano “insufficienti” anche le fermate degli autobus dotate di pensiline rialzate per l’utilizzo di tali pedane.

I costi per adeguare le pensiline delle fermate e gli autobus – afferma Zoffoli – sono di gran lunga superiori alle possibilità economiche degli enti locali, gravati anche dal vincolo del patto di stabilità, e delle relative aziende di trasporto locale. Questo determina la necessità di procedere per stralci, con l’inevitabile allungamento dei tempi e il perdurare di una situazione di grave difficoltà nella fruibilità del servizio da parte dei disabili”.

“Di qui la richiesta alla Regione che pure – ricorda il Consigliere – a seguito del Patto per il trasporto pubblico regionale e locale ha destinato ingenti risorse proprie, 80 milioni di euro nel 2011, 50 milioni nel 2012 e nel 2013, per sopperire ai tagli e mantenere così lo standard previsto dei servizi programmati”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Un percorso per autobus più accessibili

  • Antonio

    Da diversi anni, come semplice cittadino e free-lance in ASSIPROV (abilità diverse),mi occupo di BARRIERE ARCHITETTONICHE. Domanda: ma voi politici in che mondo vivete per non accorgervi che le città italiane non sono accessibili, compreso naturalmente i mezzi di trasporto pubblico alle persone con disabilità? Quando eri sindaco a Cesenatico cosa hai fatto di concreto per il superamento delle B.A.? Per tua informazione, consulta il D.G.R.3112/95 voluto dall’Assessore alle Politiche Sociali,immigrazione,Progetto giovani e Cooperazione internazionale, Gianluca Borghi, “PROGETTARE LA NORMALITA'”. A questo scopo, la Regione E.R. commisionò a Leris Fantini un manuale tecnico (D.M.236) “Superare le barriere architettoniche migliorando il comfort e la sicurezza”. L’Assessorato ai LL.PP. di Cesena non ne conosceva l’esistenza, per cui è lecito pensare che lo sia per molti altri comuni e, forse, Province.Il D.P.R.24 luglio 1996 n.503 e decreto Ministro dei trasporti 18 luglio 1991 sono riferiti ai “SERVIZI SPECIALI DI PUBBLICA UTILITA'”. Conclusioni e riflessioni: anche l’Italia ha le sue leggi e normative, ma non vengono applicate, come tante altre, per l’insensibilità e incapacità dei nostri mediocri politici e tecnici. Ripeto quello che ho già scritto ad alcuni sindaci di Cesena: non dobbiate trovarvi un giorno nelle stesse condizioni di chi è costretto a vivere “da recluso forzato” perchè le città sono progettate principalmente per i NORMO DOTATI. Consiglio: anzichè perdervi in chiacchiere inutili, andate insieme ai “tecnici” che avete scelto, non certamente per capacità, a visitare qualche città del nord Europa e Friburgo in particolare. Utile sarebbe uno stage presso le loro efficienti amministrazioni.
    Un cittadino deluso. Antonio Marino Savoia
    P.S. Non è nel mio stile nascondermi dietro un anonimo indirizzo mail. Nella vita sono un “combattente” per natura.