Contributi regionali per il Mercato ortofrutticolo di Cesena

In arrivo 183mila euro per realizzare una piattaforma logistica commerciale.

Il mercato ortofrutticolo di Cesena [Foto copyright Corriere Cesenate]Un importante contributo perché  il mercato ortofrutticolo di Cesena possa espandere al meglio la propria attività. Lo ha concesso la Regione Emilia-Romagna, stanziando 183mila e 300 euro a “Filiera Ortofrutticola Romagnola”, la società consortile a maggioranza pubblica che gestisce il mercato di Pievesestina.

Il contributo coprirà il 60 per cento dei 305mila e 500 euro previsti per la realizzazione di una “piattaforma logistica commerciale”. Un progetto questo, non ancora esecutivo, che potrà qualificare ulteriormente l’offerta di un mercato che, ogni anno, tratta quasi 90mila tonnellate di prodotti, tra ortaggi, frutta fresca e agrumi, con un giro d’affari prossimo ai 90 milioni di euro.

“Il mercato ortofrutticolo di Cesena – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – è rifornito in maggioranza da produttori locali, del comprensorio cesenate o della Romagna. Fa parte, assieme alla fiera Macfrut e a tante importanti aziende agroalimentari, di quelle eccellenze che negli anni hanno fatto di Cesena una capitale dell’ortofrutta. Il contributo regionale concesso aiuterà il mercato a svilupparsi verso nuovi traguardi”.

La struttura, che si estende su 60mila metri quadrati, 15mila dei quali coperti, è stata pensata in primo luogo per la vendita all’ingrosso, ma non tutti sanno che anche i comuni cittadini possono farvi acquisti.

Il contributo regionale è stato concesso, con delibera di Giunta, ai sensi della legge regionale 24 del 1995, che prevede la concessione di contributi in favore di enti gestori di mercati e centri agro-alimentari all’ingrosso, nella misura massima del 60 per cento della spesa ammessa, per la progettazione, l’acquisizione delle aree e per la realizzazione di opere o di lotti funzionali delle stesse e per l’acquisizione di attrezzature da installare.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.