Aviaria, in Commissione il punto della situazione

“Per l’uomo nessun rischio da alimenti: evitare psicosi e occuparsi delle conseguenze economiche sul settore”.  La situazione in Emilia-Romagna, le attività di prevenzione, sorveglianza e controllo, le Faq per saperne di più.

es gall i ses gallinesDopo il primo caso di influenza aviaria che ha colpito un dipendente di una ditta di Mordano, in provincia di Bologna, segnalato il 28 agosto e certificato ieri dal ministero della Salute, in Emilia-Romagna “è pervenuta un’altra segnalazione di sospetta congiuntivite il 31 agosto che riguarda un lavoratore di 46 anni, e sono in corso le analisi di laboratorio che andranno comunque confermate dall’Istituto superiore di sanità”. In ogni caso, “in considerazione del numero di lavoratori esposti finora, le segnalazioni pervenute rientrano ampiamente in quanto era atteso dalle precedenti esperienze”.

A dichiararlo è l’assessore regionale alla Sanità, Carlo Lusenti, intervenuto questa mattina davanti alle Commissioni Politiche per le salute e Politiche economiche, convocate in seduta congiunta. L’assessore Lusenti invita comunque alla tranquillità: “l’H7N7 è uno dei ceppi meno patogeni per l’uomo, può riguardare solo i lavoratori esposti, non c’è possibilità, in quanto virus influenzale, di diffusione attraverso il consumo di alimenti contaminati, il ritiro è solo precauzionale, e anche la diffusione uomo-uomo è solo anedottica con un rischio bassissimo se non inesistente – sottolinea l’assessore –. L’incubazione dura al massimo 10 giorni, i sintomi più frequenti sono una forma lieve di congiuntivite, guaribile in 10 giorni, e una sindrome similinfluenzale lieve, abbiamo una ampia letteratura in materia per via di una epidemia di H7N7 avvenuta in Olanda nel 2003”.

L’assessore all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, ha poi illustrato le strategie messe in campo a favore di un comparto che in Emilia-Romagna conta oltre 1.100 allevamenti per un numero stimato di 36 milioni di capi e che vale 600 milioni di euro per il settore avicunicolo e 320 milioni per quello delle uova. “Agli allevatori colpiti dalla malattia viene riconosciuto il rimborso del valore degli animali abbattuti al prezzo dei listini commerciali nazionali, il mangime stoccato in allevamento e le uova distrutte – ha spiegato Rabboni –, e il ministero della Salute si è reso disponibile a valutare misure compensative come la sospensione dei pagamenti nei confronti dello Stato e la sospensione delle rate bancarie”. L’assessore ricorda poi che con due ordinanze della settimana scorsa “è stata prevista la sospensione su tutto il territorio regionale di mercati, fiere e concentramenti di animali delle specie sensibili, ed è inoltre sospeso temporaneamente l’impiego nella caccia di uccelli da richiamo”, mentre non è invece in programma “la sospensione complessiva della caccia”.

Come informano i tecnici competenti, l’ipotesi più plausibile è che l’arrivo dell’epidemia sia dovuto alle anatre in migrazione, che avrebbero contaminato i parchetti esterni dove di giorno razzolavano le galline da allevamento, e da lì il virus si sarebbe poi trasmesso sia con il trasporto delle uova che con una probabile diffusione aerogena.

Per rispondere alla domande dei cittadini sull’influenza aviaria la Regione Emilia-Romagna e le Aziende Usl di Imola e Ferrara hanno raccolto quelle più frequenti arrivate in questi giorni e reso disponibili, sul sito internet della Regione (http://www.saluter.it/influenza-aviaria-le-domande-e-le-risposte-piu-frequenti), sotto forma di Faq, le relative risposte.

È possibile scaricare la RELAZIONE completa sull’influenza aviaria in regione cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Aviaria, in Commissione il punto della situazione

  • sandro brina

    Sul provvedimento di chiusura alla caccia degli anatidi e caradriformi.
    Tanto ci pensano i cacciatori all’aviaria. Della serie se non cacciamo in Italia andiamo all’estero.

    Molti cacciatori italiani si lamentano che in Italia non si possono fari buoni bottini di uccelli e che vi sono troppi controlli, così tanti decidono di riservarsi almeno un viaggio di caccia all’estero all’anno. Le mete privilegiate sono l’Albania, i paesi dell’ex Jugoslavia, ma soprattutto Romania e Bulgheria: in questi paesi non soltanto la natura non è stata ancora deturpata come nel nostro (ex) Belpaese, ma con pochi euro si possono aggirare normative e realizzare carnieri da sogno, a volte anche centinaia o persino un migliaio di uccelli in pochi giorni di caccia. Siano specie protette o meno.

    In tutto l’Est europeo e in Nord Africa gli italiani sono conosciuti come gli insaziabili cacciatori di piccoli uccelli. Prendiamo alcuni casi fra i tanti: nel 2008 a Insuratei, nei Delta del Danubio, la Polizia rumena ferma dieci cacciatori italiani. Non solo possedevano un numero di cartucce doppio rispetto a quello consentito dalla legge, ma gli agenti rinvennero altre 35.000 cartucce oltre numerosi richiami acustici elettromagnetici in un casolare adiacente.

    I cacciatori si giustificarono dicendo che erano arrivati in Romania per uccidere le allodole ma i giornali commentarono il caso notando come l’armamento ritrovato era sufficiente ad uccidere tutte le allodole esistenti sul posto. Ad essere indagato dalla Polizia, quale organizzatore del “viaggio” venatorio, fu un italiano residente a Bucarest.

    Un altro italiano residente in Romania pubblicizza invece da anni sul sito web viaggi venatori con carnieri abbondanti e poco importa se le foto che immortalano i cacciatori suoi ospiti mostrano fra gli animali uccisi morette tabaccate, fistioni turchi e re di quaglie, tutte specie in drammatico declino e super protette in tutta Europa.

    In Bulgheria i cacciatori italiani vanno a cacciare le oche, non importa se fra queste vengono uccise anche le rarissime collorosso
    In Bulgheria i cacciatori italiani vanno a cacciare le oche, non importa se fra queste vengono uccise anche le rarissime collorosso
    L’impatto della caccia italiana all’estero è grande e che i numeri si aggirino intorno alle migliaia lo dimostrano alcuni dei casi venuti alla luce proprio nel 2011: il 15 novembre 3 cacciatori italiani vengono fermati in tre differenti auto alla frontiera ungherese. In totale trasportano 1.160 uccelli morti tanto di specie protette quanto cacciabili. Lo stesso giorno a Perugia 2 cacciatori di ritorno dall’Albania sono sorpresi con 500 kili di uccellini morti. Ma pochi giorni prima, il 6 novembre, un camion italiano era stato fermato sulla frontiera ungherese-rumena: dentro a dei cartoni erano stati stivati ben 11.000 uccelli appena uccisi. Fra essi non solo allodole, ma anche cardellini, migliarini di palude, cesene, tordi, pispole, ballerine bianche e verdoni.

    Romania e non solo. Dalla Crimea tornano il 7 novembre un gruppo di cacciatori: avevano con sé 500 beccacce uccise. E poi la Bulgaria, dove si va per abbattere le oche, fra esse le rarissime collorosso, una specie con una popolazione ridottissima che sverna in larga parte proprio in Bulgaria. È stato il 5 gennaio del 2011 che proprio lì i cacciatori hanno perpetrato un vero massacro, in un giorno di nebbia quando la caccia sarebbe stata vietata. In assenza di controlli c’erano circa 100 macchine di cacciatori italiani. Questi hanno sparato all’impazzata, come riferiscono le associazioni ambientaliste locali, in spregio a qualsiasi norma. Centinaia di oche di tutte le specie sono state abbattute in poche ore.

  • massimo neri

    Non meriterebbe neppure il commento, il nome del personaggio dice già tutto da solo,nostro malgrado, purtroppo lo abbiamo sopportato da troppi anni e normalmente non lo commentiamo neppure più ma come si può leggere senza un brivido di orrore e senza significarlo con almeno due righe di disgusto. Aggiungo solo che se ha prove così evidenti di atti criminali compiuti pur anche all’estero da italiani, faccia regolare denuncia alle autorità competenti e non lanci sassi ritirando la mano, si assuma le responsabilità della denuncia non a parole via “rete” tanto per fare clamore ma nelle sedi istituzionali che pure esistono, almeno mi pare.
    E’ fin troppo facile approfittare di un argomento così delicato come l’attuale forma di aviaria per entrare a gamba tesa nei confronti di un’intera categoria, mi fermo qui però sull’argomento aviaria e per motivi molto più seri che esplicitare disgusto per un’insignicante sciarada di infamie, per motivi sicuramente più seri dicevo starò in campana perchè questa epidemia non mi convince del tutto e cosa voglio dire con questo, semplicemente che nei giornali si parla di cifre enormi per rimborsare i capi abbatuti (milioni) mangimi stoccati etc…allora a fronte anche dell’eventuale dramma delle migliaia di operatori a rischio lavoro mi auguro che la Regione e non solo,si faccia anche bastione di difesa, verificando se tutto è così chiaro o il cielo non voglia sotto, sotto, non ci sia per qualcuno un tentativo di rimedio alla crisi
    generale o ancor peggio che non succeda che il tutto si trasformi o sia addirittura la scusa per una fuga all’estero. Chiedo perdono se per caso sono esagerato nel preoccuparmi ma con tutto quello che oggi succede di assai simile… quasi tutti i giorni ed anche dalle nostre parti, mi si consenta almeno di essere così prevenuto, se poi n sarà così, almeno questo rimarrà di consolazione.
    Ciao, ciao, grazie per lo spazio. Massimo Neri (maxvenator)