Nuova fibra ottica nelle vallate forlivesi e cesenati

opticDue nuovi pezzi di “autostrada” in fibra ottica sono stati completati da Lepida (la società controllata dalla Regione che si occupa in primo luogo di digital divide e connettività della pubblica amministrazione) nelle scorse settimane. Un tratto si trova nell’appennino forlivese e collega Santa Sofia a Premilcuore. L’altro, in Valle Savio, ha prolungato la fibra da Mercato Saraceno a Sarsina.

Si è trattato di lavori impegnativi in un contesto, quello montano, piuttosto difficile. Nel caso forlivese, in particolare, i lavori hanno dovuto attendere che la diga di Ridracoli non fosse in tracimazione, data la vicinanza ad una conduttura dell’acqua collegata alla grande opera. Nel cesenate, invece, le difficoltà sono state soprattutto di natura burocratica, per i numerosi permessi necessari, dato che un tratto attraversa anche il territorio della Val Marecchia (in provincia di Rimini).

I primi a benificiare dell’arrivo della fibra ottica sono i municipi e gli uffici locali della pubblica amministrazione. Lepida, infatti, non eroga connettività agli utenti finali ma solo al settore pubblico. Ora che questi territori sono connessi, però, gli operatori privati (Telecom in primis) potranno intervenire in zona molto più facilmente, per offrire o migliorare il servizio Internet ai comuni cittadini.

Tra le prime ricadute pratiche, l’attivazione a Sarsina di una rete Wifi pubblica, che permette a cittadini e turisti del paese plautino (con credenziali Fed.er.a) di navigare gratuitamente collegandosi a quattro hotspot pubblici.

I lavori sono stati finanziati con fondi Cipe (statali) e fondi della Regione Emilia-Romagna, stanziati tempo fa grazie ad un Accordo di Programma tra Ministero dell’Economia, Regione Emilia-Romagna e Cnipa (ora DigitPA), per la riduzione del divario digitale.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.