Verso le primarie e il congresso: quale Pd?

A Cesena il direttore di Europa Stefano Menichini: “l’illusione del partito ‘solido’ ha portato il centrosinistra al suo minimo storico e alla crisi di tesseramento”.

"VERSO LE PRIMARIE E IL CONGRESSO. QUALE PD?"Strane manovre sulla strada che porta al congresso Pd: crescono giorno dopo giorno i dirigenti folgorati sulla via di Firenze. Tanto che c’è già chi ipotizza che, per la carica di segretario, possa correre, di fatto, il solo Matteo Renzi. Da alcuni sostenuto con convinzione, da altri con rassegnazione, da altri ancora appoggiato in quanto vincitore “annunciato”. Un effetto band-wagon di dimensioni insolite per il centro-sinistra italiano.

Di questo e altro si è discusso lunedì a Cesena, nella sala conferenze Bper, alla serata “Verso le primarie e il congresso. Per quale Pd?” con il direttore del quotidiano Europa Stefano Menichini. Un incontro organizzato da politici provenienti dalle fila locali degli ex popolari (Ercole Acerbi, Carlo Battistini, Amedeo Bertani, Gabriele Borghetti, Michele Buldrini, Alfonso Celli, Mauro Foiera, Rita Ricci, Liviana Zanetti), che ha visto la partecipazione del sindaco Paolo Lucchi, dell’ex presidente del Consiglio comunale Ines Briganti e di altre persone dalle diverse storie politiche nell’ambito del centro-sinistra.

“Siamo usciti dalle elezioni di febbraio fortemente traumatizzati – ha rilevato Menichini – e ora, in questo scenario non pensato né voluto, in molti stanno guardando a Renzi con un senso di urgenza, una voglia di rivincita, un collettivo senso di sopravvivenza. Per questo una figura che appariva divisiva trova, all’improvviso, dirigenti di esperienza che la sostengono. Persone che prendono coscienza di uno spostamento e di un fenomeno in atto. Addirittura c’è chi si è spinto a parlare di congresso con un candidato unico”.

La volontà, ormai definita, di Matteo Renzi di correre per la segreteria del Pd (oltre che per il Governo) è da leggere nel motto “Cambiare il Pd per cambiare l’Italia”. Se così non fosse il rischio, come ha rilevato nel suo intervento il consigliere regionale Damiano Zoffoli, sarebbe quello di “fare la fine di Prodi, generale senza truppe”.

Piena sintonia dunque con il pensiero di Menichini: “Matteo Renzi – ha sottolineato il direttore di Europa – non aveva in programma di mettere mano al Partito democratico. Ma nessun Governo potrà mai “rivoltare l’Italia come un calzino”, come Renzi vuole fare, se non è sostenuto da un partito solido, unito, convinto della linea. Una delle grandi aspettative che Renzi sta sollevando è quella di azzerare il Pd che conosciamo e di ricostruirlo dalle fondamenta”.

Un passaggio chiave quello della segreteria, dunque, in un’ottica di medio periodo: “si fa prestissimo a vincere le elezioni nel 2014 e rivelarsi il più grande flop nella primavera 2015. – ha ammonito Menichini – Per questo bisogna prestare attenzione ai germi attuali delle delusioni future. I cittadini non permetterebbero e non perdonerebbero un’altra delusione, l’ennesima”.

“Chi di noi non ha voglia di certezze, di sezioni, di posti dove andare, di un partito solido sotto i piedi… e non del partito liquido di veltroniana memoria? Eppure quell’idea, un’illusione, ha portato il partito e il centrosinistra al suo minimo storico e in una grave crisi di tesseramento, dando dimostrazione di un deficit di leadership e di affidabilità del gruppo dirigente, come visto in occasione delle votazioni per il presidente della Repubblica. È stato un trauma e il più traumatizzato di tutti è stato Bersani stesso. Ma si era creata un’aspettativa alla quale non si poteva corrispondere, perché partiti come quelli che avevamo non ci saranno più, dato che viviamo in una società notevolmente frammentata e individualizzata. Una società, certamente da ricostruire, a partire dai legami, dove le persone non si aggregano più sulla base degli ideali e delle narrazioni, ma sulle convenienze o sulle personalità. Non ci piace, ma ci dobbiamo fare i conti”.

Il fatto, però, che Renzi non avesse pensato da subito alla segreteria, lo mette comunque in una posizione difficile: “sento nel gruppo dirigente che si sta organizzando attorno al sindaco di Firenze un po’ di semplicismo attorno a questo tema, che invece è importantissimo. È necessario avere persone pronte a investire sul Partito democratico come luogo in cui crescere politicamente. Questo, ad oggi, non è minimamente riuscito a Renzi, non è stato nemmeno interessato a farlo, che si ritrova circondato così solo da un circuito di amici, non da un vero gruppo dirigente”.

Il direttore di Europa ha poi voluto lanciare un messaggio diretto all’uditorio, in grande maggioranza di estrazione cattolico popolare: “è finita una modalità, per fortuna e finalmente, di presenza dei cattolici in politica, nel centrosinistra e nel Pd, basata essenzialmente sulla rendita di posizione. Basata cioè sul fatto che ad ogni occasione, ad ogni congresso, solo in virtù della propria tradizione si potevano vantare diritti a quote, posti, candidature, ruoli nella pubblica amministrazione. Questo ha svilito l’apporto del pensiero politico cattolico nel campo progressista. Matteo Renzi è l’epifania di questo, nel momento stesso in cui non chiede nulla su questa base. Ora è il tempo di stare in politica sulla base delle proprie idee e azioni, non sulla base delle bandierine”.

Il consigliere regionale Damiano Zoffoli è tornato sul tema dell’efficacia di Renzi legandolo al suo ruolo di primo cittadino: “chi ha fatto il sindaco è abituato a chiamare i problemi con nome e cognome, all’insegna della concretezza. Renzi può rappresentare l’altra faccia della crisi, l’opportunità. Un’opportunità per il Pd e per l’Italia. Dobbiamo comunque affrontare il congresso con una discussione vera”.

“Qualcuno – ha aggiunto Zoffoli – dice che il Pd è morto con il tradimento dei 101 nei confronti di Romano Prodi. Beh, quel Pd è morto, non si può ripartire con serenità dopo l’omicidio del padre o del nonno. Serve un Pd diverso. Se io dovessi sintetizzare il messaggio di Renzi, direi coinvolgere, valorizzare talento, merito, diversità, unicità delle persone, voglia di mettersi in gioco. Ogni persona è unica e irripetibile e la valorizzazione delle diverse unicità è un valore. Troppo spesso abbiamo nascosto dietro al “noi” l’io di qualcuno”.

In chiusura, Menichini ha lanciato un messaggio rassicurante nei confronti di chi teme derive personalistiche del Pd: “Berlusconi si vanta di aver sconfitto un gran numero di leader: Occhetto, D’Alema, Rutelli, Veltroni, Bersani. Ma in questa rodomontata, lui non vede, ma noi dobbiamo vedere, la forza di un partito che è ancora in campo. Noi siamo democratici e possiamo sempre sostituire quello che nel Pdl non è sostituibile. Dobbiamo tenere questa grande qualità del Partito democratico, legandola ad una personalità forte come sembra essere Matteo Renzi. Allo stesso tempo è urgente che maturi nel partito una nuova classe dirigente, un ruolo che spetta a tutti, nei territori, e non certo a Renzi. Una classe dirigente intermedia che, a differenza del fallimento dei fondatori del Pd, possa assicurare la continuità di questo percorso politico. Mettendoci la testa e non il fideismo”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Verso le primarie e il congresso: quale Pd?

  • Filippo Zani

    Dopo aver letto l’articolo, mi permetto di riportarvi alcuni pensieri che ho elaborato negli ultimi mesi.
    Quale PD?
    1) Prima di tutto un Partito serio, con dirigenti che non si preoccupano solo della loro poltrona e che rispettano il lavoro della base. Quella base che tutte le volte che si va a votare fa la campagna elettorale casa per casa a raccontare quanto buone siano le idee del centrosinistra, e quanto valido sia il suo candidato… Il giorno dopo le elezioni, purtroppo, sono sempre di più i nostri attivisti che si chiedono se hanno fatto bene ad andare casa per casa. Si chiedono cosa sono andati a raccontare, visto che le azioni ed i comportamenti degli eletti e dei loro dirigenti non corrispondono a quello che hanno raccontrato.
    Non solo… troppi dei nostri eletti le Ca…te le raccontano da troppi anni. Sia a livello nazionale che a livello locale!

    2) Un Partito capace di fare autocritica! Non se ne và a casa mai nessuno… dopo la figuraccia delle votazioni e il dilettantismo (per non dire l’idiozia) dimostrato per l’elezione del presidente della Repubblica… I SOLITI, SONO ANCORA TUTTI LI’. Ah no! Qualcuno ha dato le dimissioni dal circolo filatelico-numismatico!
    E a livello locale?
    Per ricordare gli eventi più recenti abiamo perso CESENATICO, abbiamo perso GATTEO e siamo stati battuti nel Rubicone al referendum sul Comune Unico (altra vicenda gestita da dilettanti)… Si è dimesso qualcuno? Quancun’altro si è preso qualche responsabilità?

    3) Un Partito LIBERO! Da chi? Dai Baroni, dai Principi, dai Vassalli, Valvassini e Valvassori che trovi all’interno delle varie “aziende di partito”… e qui mi fermo!

    Queste sono solo alcune delle riflessioni che Vi consegno, dopo gli eventi politici degli ultimi mesi.
    Mi è sempre piu difficile votare PD… purtroppo il resto mi risulta inaccettabile.

    • Caro Filippo,
      ti ringrazio per queste tue considerazioni, che in parte condivido.
      È anche per questo che, da un po’ di tempo a questa parte, vado dicendo che è necessario “cambiare il Pd per cambiare l’Italia”.
      Al prossimo congresso hai, e abbiamo, l’occasione per far valere queste tue idee nel Pd, anche per farlo finalmente diventare quel partito “democratico” che avevamo sempre immaginato.
      Non mollare!
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli