Via libera ai fondi per il Terzo settore

La Regione Emilia-Romagna ha approvato la delibera con il riparto: a disposizione 400mila euro per organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e province.

Festa di chiusura - Festival del Volontariato 14/04/2013Anche per l’anno 2013 la Giunta regionale ritiene opportuno definire un unico Piano per gli interventi economici destinati al sostegno e alla qualificazione dei soggetti operanti nel Terzo settore, quali espressioni organizzate delle autonome iniziative dei cittadini, al fine di favorire l’attuazione del principio di sussidiarietà e di consentire la programmazione e la realizzazione di interventi che possano rispondere a bisogni individuabili come rilevanti nell’attuale contesto sociale ed economico”.

“La Regione Emilia-Romagna, – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – anche in un periodo in cui le risorse a disposizione degli Enti locali sono sempre meno, ha scelto di continuare a sostenere il Terzo settore e i soggetti che vi operano. Un mondo vivo e vitale, quello del non profit, fatto di persone che mettono a disposizione impegno ed energie per migliorare la qualità della vita delle nostre comunità, e a cui va riconosciuto un ruolo fondamentale per la crescita del capitale sociale dei nostri territori”.

I fondi

Si tratta di 400mila euro, così ripartiti: 100mila per le organizzazioni di volontariato per valorizzare le azioni di sensibilizzazione dei giovani cittadini alle attività solidaristiche, di pubblica utilità e di servizio civico, che possano potenzialmente generare un processo evolutivo di comunità e garantire ai giovani di coniugare la valorizzazione delle proprie attitudini con l’efficienza di servizio alla propria comunità.

I restanti 300mila euro sosterranno le attività delle Associazioni di promozione sociale (Aps). Di questi: 150mila euro saranno destinati alle Province con prevalente destinazione all’attivazione e/o al potenziamento di sportelli informativi e di consulenza per le Aps e alla realizzazione di percorsi formativi programmati d’intesa con i Forum o gli Osservatori provinciali del Terzo settore; 50 mila euro serviranno a sostenere il progetto, gestito in rete dalle associazioni regionali, per la promozione e valorizzazione del Codice di autoregolamentazione; 100mila euro a supporto dell’implementazione della rete regionale dei Forum e degli Osservatori provinciali del Terzo settore.

I fondi saranno assegnati tramite un bando regionale; si potrà fare domanda entro 30 giorni dalla pubblicazione dello stesso sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna. Sul sito ermes sociale, non appena disponibili, verranno pubblicati il testo del bando e tutte le informazioni per la partecipazione. Per maggiori informazioni è comunque possibile contattare il dott. Mario Ansaloni (051 527 5277532 – mansaloni@regione.emilia-romagna.it).

È possibile scaricare il testo della DELIBERA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Via libera ai fondi per il Terzo settore