Un ‘green deal’ per rilanciare l’Emilia-Romagna

Green economy e sostenibilità energetica nella nuova programmazione Fesr 2014-2020: il punto della situazione.

Green BuildingSi è svolto questa mattina in Regione il workshop sui temi della sostenibilità energetica, che ha proposto una riflessione sulle opportunità offerte dalla nuova programmazione dei fondi europei per promuovere la crescita del sistema economico e produttivo, partendo dai temi dell’efficienza energetica, delle fonti rinnovabili, dello sviluppo di un’economia a basse emissioni.

La programmazione dei fondi Fesr 2014-2020 si focalizzerà, in gran parte, proprio su green economy e sostenibilità. Quindi, per individuare priorità, ambiti e obiettivi verso cui indirizzare le azioni dei prossimi sette anni su questi temi, la Regione Emilia-Romagna sta coinvolgendo gli stakeholder del territorio, in un percorso di consultazione per consentire all’intera comunità regionale di confrontarsi in vista della definizione dei nuovi programmi operativi, che dovrà avvenire entro dicembre 2013.

Green economy e low carbon economy devono diventare assi portanti della strategia regionale non solo per consentire all’Emilia-Romagna di perseguire una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva, ma anche per raggiungere quei livelli di leadership internazionale che le competono. Interventi mirati al sostegno di nuove imprese con alta potenzialità di mercato nei settori della green economy, dell’ecoinnovazione e dell’economia a bassa intensità di carbonio insieme ad interventi di promozione dell’ecoefficienza e alla riduzione di consumi di energia tanto nel sistema produttivo quanto nel sistema pubblico in coerenza con il concetto delle smart cities.

“Se l’Italia sta perdendo quota in Europa – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Ambiente – la green economy può essere una leva strategica per fare passi avanti nella competitività internazionale. L’Emilia-Romagna, con le oltre 2mila imprese che lavorano nel comparto, ha le carte in regola per essere protagonista di questo cambiamento e la nuova programmazione dei fondi Fesr, con le importanti novità sul loro utilizzo, rappresenta una grande opportunità in questo senso. Anche perché la rivoluzione energetica sta già accadendo a livello globale e noi dobbiamo e vogliamo stare dentro questa sfida”.

Novità principale è il vincolo della concentrazione del 20% dei nuovi fondi che dovranno essere indirizzati a queste tematiche. Ma di forte impatto sarà anche il fatto di considerare l’evoluzione green come priorità del modo di produrre e di consumare, sia nel settore privato che in quello pubblico, diventando un asse portante di un nuovo ‘green deal’ e di conseguenza pilastro di una nuova politica industriale a livello regionale, nazionale ed europeo.

Due gli ambiti d’azione. Da un lato strumenti e politiche a disposizione del settore pubblico, a cominciare dal patrimonio edilizio e impiantistico, passando per consumi e appalti verdi, pianificazione energetica e anche il Patto dei sindaci, il movimento europeo di autorità locali impegnate ad aumentare efficienza energetica e uso di fonti rinnovabili sui territori.

Dall’altro lato, si punta con convinzione al mondo del privato dove, allo sviluppo delle rinnovabili si affiancano efficientamento energetico e innovazione di prodotto e di processo, qualificazione del prodotto, recupero e riutilizzo degli scarti e materie prime seconde, sostegno all’avvio di filiere industriali per sviluppare nuovi prodotti green. Senza dimenticare le opportunità legate a internazionalizzazione e domanda di tecnologie “verdi”, che provengono in modo particolare dai mercati emergenti e, in generale, la diffusione di una maggiore sensibilità e consapevolezza tra i cittadini ai temi dell’energia e dell’ambiente.

Sulla piattaforma web regionale ioPartecipo+ del portale ER Partecipazione, la Regione ha attivato la piazza virtuale di discussione “Green economy e sostenibilità energetica”, dove è possibile consultare la documentazione sulla nuova programmazione sui temi green e intervenire offrendo le proprie valutazioni, collaborando in prima persona alla definizione della strategia regionale.

È possibile scaricare le SLIDES “Il percorso verso la nuova programmazione” illustrate dalla dott.ssa Diazzi durante il convegno cliccando qui.

green economy e sostenibilità energetica

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Un ‘green deal’ per rilanciare l’Emilia-Romagna