Coraggio, concretezza, chiarezza, creatività, per un Pd motore di speranza

Ripartire con scelte controcorrente su educazione, cultura, fisco e nuovo welfare, lotta alla burocrazia e agli sprechi.

Assemblea nazionale del PDAlle elezioni politiche del febbraio scorso il Partito Democratico, rispetto al 2008, ha perso 3,5 milioni di voti; in percentuale è calato di quasi otto punti, passando dal 33,17 al 25,42: è il risultato di gran lunga più basso nella lunga storia della seconda repubblica.

E anche dal lato tessere le cose non vanno meglio: in Italia gli iscritti sono dimezzati. Rispetto al 2012, infatti, le persone che finora hanno rinnovato l’adesione sono 250mila, mentre alla fine dello scorso anno superavano il mezzo milione; in Emilia-Romagna le adesioni toccano il 68 per cento, ma sono numeri che indicano una crescente disaffezione.

Il Partito Democratico vive una crisi strutturale, è uscito perdente dalle elezioni nonostante il fallimento di un ventennale ciclo di governo del centrodestra e le promesse non mantenute della Lega, in un contesto di drammatica crisi economica che tradizionalmente dovrebbe premiare un orientamento progressista. Il Pd è il primo partito tra i pensionati e coglie buoni consensi tra i dipendenti pubblici, ma è solo il terzo partito nelle preferenze di voto dei disoccupati e dei giovani, nel popolo delle partite iva e nelle piccole e medie imprese.

Siamo visti come un pezzo di storia nobile, ma oramai passata: il nostro linguaggio e il nostro argomentare evocano un altro tempo. E questo perché il Pd ha scelto di abbandonare il rischio di un’impresa innovativa che aveva caratterizzato la sua nascita: un linguaggio nuovo, un modello di partito più “leggero” ed aperto, davvero riformista.

Il germe della sconfitta si è annidato nella mancanza di slancio e di coraggio. Il Pd di Bersani ha offerto affidabilità e rassicurazione (il famoso “usato sicuro”) ad un elettorato che chiedeva, prima di tutto, un’altra cosa: un rinnovamento radicale della politica.

Di fronte alle difficoltà, troppo spesso abbiamo scelto la strada di difendere ciò che c’era e di parlare alla parte più tradizionale del nostro consenso. In questo modo, progressivamente, si perde contatto con parti di società e si ritorna all’insediamento tradizionale di una sinistra che è minoritaria nel Paese.

La stessa tradizionale distinzione sinistra/destra non è “scomparsa”: c’è un sistema di valori e di giudizi sulla società spesso alternativi. Ma il vero spartiacque da considerare è oggi quello tra innovazione e conservatorismo, e la sinistra, soprattutto nei nostri territori, dove governa da tanti anni, rischia di essere percepita come un sistema di conservazione del potere.

Vogliamo un Pd capace di restituire all’Emilia-Romagna quel ruolo di regione all’avanguardia dei processi di innovazione che ha avuto per tanti decenni, e che oggi sembra avere smarrito. Un Partito “start-up” dove tutte le competenze vengono messe in campo in maniera trasversale ottimizzando la proliferazione di proposte e contenuti.

Oggi essere di sinistra è stare sulla frontiera del cambiamento; il riformismo è combinare in forme concrete, e non anacronistiche, la crescita con la giustizia sociale, l’eliminazione della disuguaglianza dei punti di partenza con la valorizzazione del merito e del talento, lavoro e capitale: perché il lavoro bisogna crearlo, con politiche per il credito e le imprese, e non solo aspettarlo con gli ammortizzatori.

È fare dell’Italia un Paese ecosostenibile che punta sulla cultura (troppo spesso dimenticata, anche nei nostri territori) e sul turismo, valorizzando le risorse locali. Un Paese in cui il fisco e la burocrazia non strangolano i cittadini ma sono loro d’aiuto, in cui si investe su scuola, sanità e ricerca, in cui il futuro non è visto come una minaccia ma come un’opportunità, in cui il diritto del lavoro viene semplificato e reso più comprensibile e il sistema di welfare e di ammortizzatori sociali non serve a garantire i soliti (quelli che i diritti già ce li hanno) ma anche chi vive da precario. Un Paese in cui lo stato è meno pesante e centralistico, e più federale, con istituzioni più snelle ed efficienti, non più vittima di un bicameralismo perfetto e con una legge elettorale che finalmente ti dice chiaramente chi ha vinto e chi ha perso e ti dà cinque anni di stabilità e governabilità. Un Paese in cui si possa ad arrivare a una riforma della giustizia che abbia come unico faro l’efficienza, tutelando il cittadino, l’impresa e il lavoratore.

Siamo per una politica meno costosa e decisamente meno invadente, per l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti.

La politica come la intendiamo noi non è un lavoro a tempo indeterminato, ma un periodo fissato in cui ciascuno condivide una propria visione, tenta di realizzarla e al termine della quale fa ritorno al proprio impiego.

Pensiamo che chi ha un ruolo professionalmente attivo nella società e non vede nel partito un ufficio di collocamento possa garantire maggiore libertà e indipendenza, seguendo un approccio che può trasformare la politica da sistema di potere a sistema di cambiamento.

Queste sono le finalità che il Pd, a partire dal suo prossimo congresso, deve porre al centro della propria azione. Cambiare il Pd non è un fine, è un mezzo: è per cambiare l’Italia che vogliamo cambiare il Pd. E nessun cambiamento è possibile se non si assicura al Pd una guida autorevole, attrattiva, selezionata con una larga partecipazione popolare e riconosciuta dagli italiani. Un partito che agisca come una squadra e che a un certo punto mandi avanti il proprio leader a tagliare per primo il traguardo.

Ed è per questo che sosteniamo #MatteoRenziSegretario, interpretando, crediamo, un sentire molto diffuso, quello degli emiliani e dei romagnoli che, a migliaia, hanno deciso di dare la propria attenzione, se non ancora la propria fiducia, all’ex marziano: gente solida, gente concreta, gente di sinistra che chiede al Pd di cambiare per vincere e fare, finalmente, qualcosa di sinistra.

Noi che abbiamo preso parte, fin dalla prima ora, all’avventura dei comitati Renzi non ci sentiamo depositari di una speciale verità da opporre agli altri e non ci interessa la logica del “meno siamo e meglio stiamo”: se non la smettiamo di guardare con sospetto chi porta idee nuove e diverse, ci condanniamo alla sconfitta perenne.

Non ci stupisce, anzi ci fa piacere, che in tanti abbiano finalmente cambiato idea, a partire da una sincera autocritica sul fatto che la proposta di Bersani si è dimostrata inadeguata ed insufficiente a rispondere alle speranze degli Italiani e, di conseguenza, dalla consapevolezza che serve un cambio di passo e di rotta.

Ma non basta dire Renzi: bisogna condividere la necessità di trasformare la politica.

Finita la stagione dei Giaguari (che, partiti per smacchiare, si sono trovati smacchiati), ora non è il tempo per i Gattopardi (che saliranno sul carro del vincitore attratti solamente dalla possibilità di vittoria).

Il nostro compito è andare oltre, non contro, quello che è stato.

Anche a Cesena, e nel territorio cesenate, immaginiamo e vogliamo un Pd determinato, dinamico, capace di discutere, per poi decidere, assumendosi le relative responsabilità.

Vogliamo un Pd interlocutore forte e propositivo delle amministrazioni comunali, che non sia solo la grancassa di decisioni già prese. Il partito deve tornare a essere un laboratorio di idee: se non abbiamo idee, saranno sempre migliori quelle di ieri, dei soliti o degli altri.

Vanno ripensati i luoghi della politica: i circoli sono importanti, ma possono funzionare ancora meglio se integrati in una rete che comprende quartieri, associazioni no profit, realtà già presenti sul territorio, che vanno collegate. Giocare in casa è rassicurante, ma autoreferenziale. Il Pd deve sì partire dal basso, ma deve svilupparsi in maniera orizzontale e non verticistica, come troppo spesso è accaduto. L’elezione del nuovo segretario di Federazione sarà un momento importante: noi crediamo che il nuovo segretario debba assumere un ruolo di guida e coordinamento nella selezione dei gruppi dirigenti, impegnandosi, in continuità con l’attuale segretario, a non candidarsi nelle istituzioni nazionali e regionali.

La sfida del cambiamento, che abbiamo davanti, infatti, non riguarda solo il Partito Democratico, ma interpella anche il mondo organizzato della rappresentanza sindacale ed associativa e dello stesso terzo settore, che dovrebbero essere i nostri veri alleati. Non ci convince l’idea che il Grillo di turno ha della democrazia: una proposta “top down” che tende ad azzerare gli organismi intermedi di ascolto e di canalizzazione del consenso, e che non lascia spazio alla ricchezza di idee e di realizzazioni della cosiddetta società di mezzo.

Nell’era dei social network, a un ragazzo che desidera avvicinarsi alla politica, non si può porre come precondizione la tessera. Se si vogliono avere più adesioni bisogna moltiplicare le occasioni (reali o digitali) di confronto e partecipazione con i nostri elettori. Se il Pd non compie un’evoluzione prima di tutto culturale, non riuscirà mai a spiegare che società ha in mente.

Crediamo che questa proposta, aperta e arricchita da ulteriori contributi, possa convincere i delusi della politica e soprattutto del Partito democratico, perché, come dice Matteo Renzi, non ci candidiamo per prendere il partito, ma per restituirvi un partito promotore di quella speranza indispensabile per uscire dalla crisi.

 

Articolo estratto dal blog “il podere delle idee”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.