Donatori di sangue in pensione più tardi “grazie” alla riforma Fornero

Presentata un’interrogazione per cambiare questa legge sbagliata.

Campanha de Doação de SanguePare che la legge Fornero abbia messo a segno un nuovo colpo: i giorni “persi” a donare il sangue non saranno più contati ai fini della pensione, con la conseguenza che i lavoratori donatori saranno costretti ad andare in pensione più tardi, a meno di recuperare le giornate (che possono essere anche decine e decine nel corso della vita lavorativa) oppure di vedersi tagliare una quota (quantificabile tra l’1 e il 2%) dell’assegno previdenziale annuale..

Insomma, ci troveremo di fronte ad un’altra categoria di esodati, gli “esodati del sangue” che, inaspettatamente, pagheranno sulla loro pelle la loro disponibilità a donare, in maniera del tutto volontaria e gratuita.

Il sangue è indispensabile alla vita e la sua richiesta è in continuo aumento. Molte cure non sarebbero possibili senza la disponibilità di sangue: i servizi di primo soccorso e di emergenza, le attività di alta specializzazione come la chirurgia e i trapianti di organo, la cura di malattie oncologiche e le cure in assistenza domiciliare.

In Emilia-Romagna, nel 2011, sono state 254.000 le unità di sangue intero raccolte, in aumento (+0,2%) rispetto al 2010. Diversamente, i dati sul consumo di sangue nella nostra Regione evidenziano una modesta diminuzione: le unità di sangue utilizzate nel 2011 sono state 244.637 (-0,99% rispetto all’anno precedente), a fronte di un aumento del numero delle unità trasferite ad altre Regioni, passate dalle 3.505 del 2010 alle 4.013 del 2011 (con un incremento del 14,49%).

Di queste, 62.510 sono raccolte dall’Officina trasfusionale dell’Area vasta Romagna, dove sono state consumate 59.712 sacche.

Nella nostra Regione sono oltre 164.000 i soci iscritti ad Avis e Fidas che organizzano, ogni anno, circa 160 mila donatori attivi; a cui si sommano i 40 donatori dell’Associazione Fratres che ha sede a Premilcuore, in provincia di Forlì-Cesena.

L’Assemblea legislativa, nel giugno scorso, ha approvato il “Piano sangue e plasma regionale 2013-2015” proprio per garantire, anche a livello nazionale, l’autosufficienza di sangue e di emoderivati, e continuare ad assicurare qualità e sicurezza del sangue e dei servizi trasfusionali, prevedendo rigorose procedure sia per le donazioni che per le trasfusioni.

Penalizzando i donatori dal punto di vista pensionistico non si riconosce il valore morale e solidale della donazione di sangue per il servizio sanitario nazionale e si scoraggia, per l’immediato futuro, la chiamata dei donatori, mettendo così seriamente a rischio l’obiettivo dell’autosufficienza; è pertanto necessario giungere entro breve tempo ad una soluzione chiara e definitiva, in modo da dare certezze ai donatori che sono, prima di tutto, cittadini.

È per tutti questi motivi che ho presentato un’interrogazione alla Giunta regionale per sapere quali azioni intenda intraprendere nei confronti del Governo nazionale, nell’ambito delle sue competenze, per cambiare la scelta, sbagliata, di non conteggiare nel calcolo pensionistico le giornate in cui i lavoratori sono stati assenti perché impegnati nella donazione del sangue, e garantire ai lavoratori donatori, giustamente allarmati da questo scenario, tutti i diritti che meritano e, allo stesso modo, evitare che calino le donazioni di sangue di cui il nostro Paese ha uno straordinario bisogno.

Damiano Zoffoli

 

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Donatori di sangue in pensione più tardi “grazie” alla riforma Fornero

  • Giancarlo

    Dotto.Zoffoli
    sono un donatore di sangue del Policlinico di Milano. Sono stato premiato con la medagli d’oro dal cardinale Scola di Milano per aver effettuato n° 106 donazioni di sangue da 550,00 g. !!!!!!!
    E adesso ??? Questa è la bella nostizia che da giorni circola sui media.
    Tra poco potrò permettermi di andare in pensione (nonostante la legge Fornero) ma putroppo ci perseguita: se togliamo tuti i giorni di donazione effettuati dovrò aspetare altr 3 mesi e 15 gg. !!!!!!!!
    Si rende conto !!! Ho sempre pensato di fare del bene in tutti questi anni !!!
    Questo è il ringraziamento dello Stato ??? Molte ma molte persone con cui mi sono confrontato sono dell’idea di interrompere la loro donazioni onde evitare quanto sta succedendo.
    Poi loo stato italiano andrà a conprare il sangue all’estero pagando 10 volte il risparmio sui conti INPS !!!!!!!!!!
    Faccia qualcosa onorevole !!!!
    Cordialità