Ausl unica della Romagna, la Giunta ha approvato il progetto di legge

“Un nuovo assetto strategico per innalzare la qualità e garantire i servizi alla persona”.

RAVENNA 27/04/2012. AUSL RAVENNA, INAUGURAZIONE DEL DEAUn’unica azienda Usl per tutta la Romagna (al posto delle quattro attuali) e il rafforzamento del ruolo pubblico dell’“Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori – Irst di Meldola quale nodo delle attività oncologiche nelle Aziende sanitarie. Sono i due capisaldi del progetto di legge approvato dalla Giunta regionale e che ora sarà sottoposto al vaglio dell’Assemblea legislativa.

Il testo è stato presentato in Giunta dall’assessore alle Politiche per la salute Carlo Lusenti dopo un ampio confronto con le rappresentanze sindacali e al termine del lavoro fatto al tavolo politico che ha riunito i presidenti delle Province e i sindaci dei Comuni capoluogo della Romagna e i presidenti delle Conferenze territoriali sociali e sanitarie.

Nei suoi 9 articoli il progetto di legge prevede, a partire dal 1° gennaio 2014, la fusione delle strutture aziendali di Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini e la costituzione dell’Azienda sanitaria unica della Romagna.

Dalla stessa data sarà anche istituita la Conferenza territoriale sociale e sanitaria della Romagna che, con l’intervento di tutti gli enti locali, svolgerà compiti programmatici e di vigilanza sulle decisioni strategiche relative all’organizzazione e al funzionamento della nuova azienda.

Il progetto di legge disciplina, infine, la partecipazione della Regione all’“Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori – Irst” di Meldola “al fine di rafforzarne il ruolo pubblico nell’ambito delle politiche di assistenza nel settore oncologico e di garantirne la piena integrazione negli assetti del Servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna” e con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo della rete oncologica. Per questo si autorizza la Regione a partecipare all’Irst acquisendo la quota di maggioranza relativa nella compagine societaria per una quota massima di sette milioni di euro.

“Il nostro obiettivo è innalzare la qualità dei servizi garantendone al contempo la sostenibilità economica”, spiega l’assessore regionale Carlo Lusenti. “Il nuovo assetto dei servizi sanitari in Romagna è strategico perché consente diridurre i costi di amministrazione e libera nuove risorse per i servizi alle persone. La Romagna – aggiunge Lusenti – già da tempo ha sperimentato un sistema integrato di programmazione, gestione e produzione dei servizi sanitari e delle attività tecniche (ad esempio attraverso la costituzione di gruppi professionali ad hoc). Le aziende garantiscono un alto grado di diffusione e qualità in tutto il territorio e, inoltre, presentano una situazione economico e finanziaria stabile con piani di rientro che hanno già dato buoni risultati e che continueremo a sostenere. Sono tutti presupposti favorevoli al consolidamento e allo sviluppo di un qualificato sistema sociale e sanitario di qualità”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Ausl unica della Romagna, la Giunta ha approvato il progetto di legge

  • massimo neri

    Non ho mai dubitato dei vantaggi degli accorpamenti, siano amministratitivi politico/pubblici che amminisstrativi della “cosa” pubblica, enti, comuni, province etc. Ho anche sempre o almeno da qualche tempo visto bene tutto ciò che è romagnolo. Romagna Regione sembrerebbe in contrasto con la prima parte di questo mio piccolo intervento…ma…viene dal cuore, dall’esperienza che purtroppo ormai non è poca ma anche dalla ragione, non concordo con le motivazioni delle spese e della perdite di opportunità complessive che accampano i contrari della Romagna Regione e non sono daccordo con chi scusandomi per la cattiveria sono gli pseudo paladini della Romagna Regione, da anni sbagliano quasi tutto e si rendono antipatici ai più anche con scelte politiche sbagliate specialmente in Romagna. Romagna Regione non deve essere un mezzo partito o ancor peggio un movimentino appoggiato al primo partito nazionale che cercando voti si erige a paladino e difensore balordo dei nostri legittimi interessi regionali,non ci sono questioni di orgoglio ne tantomeno di antipatie nei confronti dell’Emilia, cugini sacrosanti SI ma inequivocabilmente meridione dell’Italia del nord mentre
    la Romagna inequivocabilmente il nord del centro Italia. Ripeto però che non sono questioni di campanile o di rivendicazione rispetto l’Emilia pur rispetto alla evidente ridistribuzione delle risorse che non è e non può essere il fattore derimente della questione Romagna Regione si Romagna Regione no.
    Sarebbe inutile rivendicare tutto ciò che la Romagna produce o potrebba produrre e confrontarlo con quanto ad esempio “una a caso” Ferrara ha ricevuto e/o ha pesato complessivamente da quando esistono le rgioni e poi fermiamoci qui per amor di patria senza rivendicare i torti o anche solo le omissioni della RAI sempre ad esempio come di tutte le varie istituzioni,enti, reltà varie che senza esagerare trattanbo le nostre province come figli meno importanti, sono pronto al dibattito sul tema ma anche questo non è del tutto importante. Importante è che la Romagna in un sistema integrato nazionale ha molto da dare in autonomia e altrettanto molto da ricevere e tutto questo senza disconoscere i valori, i rogetti e le tante affinità che pur ci sono con l’Emilia,che sia chiaro non è il nemico, anzi, in un progetto nuovo per l’inero paese è e rimane un partner di confronto e di esempio per l’intero paese e l’Europa insieme.
    Ci sono differenze ed è mproprio esaltandole e mettendole all’opera in positivo concorso che si possono esaltare i rispettivi ruoli per il bene comune più complessivo.
    Grazie come sempre per l’accoglienza, capisco di avere toccato un argomento spinoso e per certi versi antipatico ma non ho mai fatto politica specialmente quella attiva, partitica, oggi sono, dal primo settembre in pensione e non per riempire il tempo libero, che di passioni ne ho tante, caccia, pesca, canto e… ma perchè se non ora quando?
    Ciao, cordialità. Masimo Neri