Il punto sullo sviluppo della società dell’Informazione

Bryant Park, late Apr 2009 - 21Non solo connessione alla Rete, ma la Rete come nuovo modo di essere cittadini, studiare, fare affari, moltiplicatore di opportunità tra persone, amministrazioni, aziende.

Degli sforzi messi in atto dalla Regione Emilia-Romagna per eliminare o ridurre il digital divide (garantendo a tutti i cittadini una connessione di almeno 2 megabit al secondo), si è detto tanto. Ma la banda larga, al di là dell’aiuto al singolo o al gruppo, nel personale o nel lavoro, può ridisegnare la società? Sì, e sta già avvenendo.

Lo si capisce da un documento della Regione, che fa il punto sullo “sviluppo della società dell’Informazione” verificando l’attuazione della legge regionale 11/2004, dal Piano telematico all’effettivo utilizzo della Rete da parte di emiliani e romagnoli.

Il Piano Telematico oggi

Il PiTER (Piano telematico dell’Emilia-Romagna) 2011-2013, rispetto alla programmazione annuale 2013, ha previsto complessivamente circa 79,30 milioni di euro contro i 189,89 milioni impegnati per il PiTER 2007-2009. Prosegue, quindi, l’impegno della Regione nel sostenere nuove progettualità e, al tempo stesso, la gestione e l’ulteriore sviluppo dei servizi derivati dalle precedenti programmazioni.

Per la prima volta, – riporta il documento – le linee guida identificano e riconoscono veri e propri “nuovi diritti di cittadinanza” che la Regione e il sistema degli Enti locali vogliono garantire e tutelare.

Si tratta del diritto di accesso alle reti tecnologiche, con l’obiettivo di contrastare il digital divide, specie nelle zone montane per i cittadini e per usi socialmente rilevanti; del diritto di accesso all’informazione e alla conoscenza, allo scopo di contrastare il knowledge divide (divario di conoscenza e uso delle tecnologie) attraverso la creazione di percorsi di alfabetizzazione informatica e azioni di inclusione digitale; del diritto di accesso ai servizi alla persona e alle imprese, con cui si intende la realizzazione e messa a disposizione dei cittadini e delle imprese di spazi virtuali omogenei dai quali poter gestire l’intera gamma delle interazioni con la pubblica amministrazione anche in ambito sanitario; del diritto di accesso ai dati, mediante interventi strategici in materia di open data; dell’intelligenza diffusa nel territorio urbano-Smart City, con azioni connesse all’uso delle tecnologie per l’integrazione tra reti infrastrutturali e servizi già presenti nei territori urbani, loro miglioramento e valorizzazione.

In quanti si collegano?

Dalle rilevazioni tra i cittadini e imprese emerge che, in Emilia-Romagna, lo sviluppo della società dell’informazione nelle sue componenti principali ha mostrato dal 2010 una crescita costante.

L’accesso e l’utilizzo delle tecnologie è generalmente al di sopra della media nazionale ma, per quanto attiene all’utilizzo delle tecnologie, risente della distanza del nostro sistema Paese dalla media europea.

Per quanto riguarda i servizi interattivi online della pubblica amministrazione (su un campione considerato di 23 servizi), nel 2012, il 66 per cento della popolazione poteva accedere a 10-15 servizi, contro il 55 per cento del 2011 e il 48 per cento del 2010.

Tutti gli Enti locali in Emilia-Romagna, a eccezione di una forma associativa, sono inoltre dotati di una o più caselle di posta elettronica certificata e 348 Comuni hanno online lo Sportello unico delle attività produttive.

Il documento segnala, quindi, che nel 2012 circa il 61,5 per cento delle famiglie emiliano-romagnole, il 2 per cento in più del 2010, possedeva un personal computer e il 59 per cento, circa il 6 per cento in più che nel 2010, possedeva almeno un accesso a Internet da casa. Il dato della nostra regione in termini di connessioni a Internet è al di sopra del dato nazionale e in linea con il dato delle regioni del nord-est.

Nel 2011, le famiglie emiliano-romagnole connesse a Internet con almeno un componente tra 16 e 74 anni (che rappresentano il 55 per cento delle famiglie totali) erano il 64 per cento, staccandosi di 9 punti percentuali rispetto alla media Ue a 27 membri.

Tra la popolazione che partecipa attivamente al mondo del lavoro che l’uso di Internet regolarmente risulta più diffuso: il 75 per cento di questo campione utilizza la rete, la usa il 73 per cento di chi è in cerca di occupazione, mentre Internet risulta diffuso solo tra il 15 per cento delle casalinghe o di chi si è ritirato dal mondo del lavoro.

Le imprese con più di 10 addetti che utilizzano un Pc e Internet erano, nel 2011, rispettivamente il 97 e il 94 per cento. Questo livello di diffusione è in linea con ciò che avviene a livello nazionale e europeo.

Significativa è invece la distanza dall’Europa della quota di addetti che utilizzano Pc ed Internet almeno una volta alla settimana durante l’attività lavorativa che nella nostra regione è inferiore rispettivamente di 7 e 8 punti percentuali rispetto alla media dell’Unione europea.

Nel documento si parla, inoltre, delle forme di divario digitale tuttora esistenti e delle iniziative che si intendono realizzare per superarle e del livello di sfruttamento delle potenzialità del sistema informativo regionale da parte delle pubbliche amministrazioni.

Per maggiori informazioni sullo sviluppo digitale del territorio e sulle azioni della Community Network Emilia-Romagna, si veda il sito: http://www.regionedigitale.net/

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.