Giovani in agricoltura: quasi 3 milioni di euro di contributi per iniziare l’attività

VendemmiaIl problema dello scarso ricambio generazionale che colpisce la nostra agricoltura è noto da tempo. La Regione intende arginarlo con le misure comprese nel Programma di Sviluppo Rurale e stanzia nuovi fondi a favore dei giovani (under 40 anni) che intendono diventare imprenditori agricoli. I futuri agricoltori, dimostrando di avere competenze professionali adeguate ed un valido piano di sviluppo dell’azienda agricola, potranno richiedere, entro il 5 novembre, un contributo che varia dai 15.000 ai 40.000 euro. Per poter ricevere il finanziamento, i giovani dovranno essere impiegati in azienda a tempo pieno ed impegnarsi a condurla almeno per i prossimi sei anni. I fondi a disposizione ammontano a 2,790 milioni di euro.

Il Programma di Sviluppo Rurale prevede infatti la Misura 112 “Insediamento dei giovani agricoltori” che persegue l’obiettivo di incentivare il primo insediamento in agricoltura di imprenditori agricoli giovani e professionalizzati, nonché il successivo sviluppo del loro progetto imprenditoriale. “Nell’ambito di una strategia volta ad accrescere la competitività delle aziende, – afferma Damiano Zoffoli – un’azione volta a favorire il ricambio generazionale, tramite l’inserimento di giovani imprenditori, professionalmente qualificati, pronti ad affrontare le sfide dei mercati e ad intraprendere i necessari adeguamenti strutturali delle aziende, risulta elemento di forza basilare per il tessuto produttivo agricolo regionale. La Misura partecipa, altresì, a consolidare e stabilizzare la redditività del settore agricolo, attraverso l’adattamento strutturale (piano aziendale) che favorisce il consolidamento dei redditi.”

Le domande di aiuto dovranno essere presentate entro e non oltre il 5 novembre 2013 all’Amministrazione Provinciale competente per territorio, secondo le modalità procedurali fissate da AGREA ed utilizzando il Sistema Operativo Pratiche (SOP) e la specifica modulistica. Potranno inoltre riguardare gli insediamenti effettuati a decorrere dal 1° gennaio 2013.

Queste risorse si aggiungono ai 10 milioni di euro straordinari già stanziati lo scorso luglio per rispondere alle domande in lista di attesa nelle graduatorie provinciali, sia per quanto riguarda il primo insediamento che per i piani di ammodernamento aziendale.

“L’esperienza delle start-up applicata al campo agricolo – conclude Damiano Zoffoli – non può che contribuire a dare prospettiva e futuro ad uno dei settori produttivi più importanti su cui si sono sviluppate le nostre comunità. Aiutare i giovani significa allargare i nostri orizzonti temporali ed affrontare con nuove energie ed entusiasmo le sfide che verranno.”

È possibile scaricare il testo della DELIBERA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.