«Con le idee di Renzi vinceremo il congresso e la corsa alla segreteria»

Il consigliere regionale Damiano Zoffoli appoggia la candidatura di Baldazzi.

di ANDREA ALESSANDRINI

Zoffoli Adesso 2012«Vogliamo vincere e cambiare il partito: le idee di Renzi se vanno bene a Roma vanno bene anche a Cesena».

È il grido di battaglia moderato e compassato — com’è nel suo stile — di Damiano Zoffoli, ex sindaco molto amato di Cesenatico, attuale consigliere regionale del Pd, il primo dirigente di un certo peso del partito territoriale a schierarsi con Renzi, tra una selva di bersaniani. Secondo alcuni — visto come si stanno mettendo le cose nel Pd — la sua vincita alla lotteria.

Zoffoli appoggia la candidatura di Enzo Baldazzi alla segreteria di federazione (i renziani sono alleati con i lettiani e il gruppo vicino a Sandro Gozi) contro quella di Fabrizio Landi sostenuta dall’area del partito che fa capo a Paolo Lucchi. Il congresso si terrà dal 21 ottobre al 4 novembre.

Il primo a candidare Baldazzi è stato il gruppo dei dissidenti goziani, in estate. Come mai c’è stata convergenza su di lui e voi renziani non avete proposto un altro candidato?

«Baldazzi è un renziano, uno che vuole cambiare il partito. Parliamo di politica, allora. Renzi dice che se non si cambia il Pd non si cambia l’Italia. Da 500mila iscritti siamo scesi a 250mila e le elezioni politiche di febbraio hanno certificato il nostro fallimento. Dal partito casa e dal partito chiesa dobbiamo passare al partito tenda, più leggero a Roma e più pensante nel territorio dove da 5.200 iscritti siamo passati in pochi anni a 2.200».

Il favorito è Landi.

«Noi abbiamo fiducia che le nostre idee possano vincere e che si riesca a costruire un Pd nuovo non solo nel comprensorio, ma in un ambito più vasto».

A quale allude?

«A quello romagnolo. Serve un Pd di Romagna con propri organismi e sede. Vale lo stesso discorso di Area Vasta che facciamo sull’Ausl».

Il segretario uscente Zoffoli ha detto che bisogna scindere il congresso nazionale da quello locale dove si deve parlare di problemi del territorio.

«Ribadisco: se le idee di Renzi se vanno bene a Roma, vanno bene anche qui».

Quando è stato folgorato dal sindaco di Firenze?

«Tre anni fa alla Leopolda. Mi sono piaciuti la vicinanza tra il dire e il fare e il fatto che essendo un sindaco era abituato ad agire».

Il partito cesenate è spaccato.

«Finalmente c’è un congresso dopo quello del 2009 e la dialettica interna serve al Pd e a tutti. La fase nazionale (con Renzi che diventerà segretario, ndr) ci aiuterà a essere uniti chiunque diventi segretario».

Per il segretario di Federazione potranno votare solo gli iscritti. Si spiega così il costo della tessera portato a 15 euro?

«Due o tre euro era meglio, ma chi vuol dir la sua nel partito non credo si fermerà di fronte al costo di una pizza e di una birra».

 

[Intervista apparsa nell’edizione di Cesena de Il Resto del Carlino, martedì 15 ottobre 2013]

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to «Con le idee di Renzi vinceremo il congresso e la corsa alla segreteria»

  • Giancarlo

    OK. condivido.Il successo di un’impresa dipende dalla scelta di persone adatte alla mansione che si vuole loro affidare. Renzi, checché ne dica D’Alema, è l’uomo nuovo adatto ai suoi tempi, quelli di oggi. Tempi che D’alema per la sua storia e la sua età non riesce a vedere. Mi piace la veduta di Eugenio Scalfari”noi dobbiamo lasciare il posto ai giovani, a noi anziani ,il compito della memoria storica”… a loro ( aggiungo io, con molta umiltà , senza paragoni di sorta ) la responsabilità di agire secondo le proprie vedute con tutti i limiti immancabili; faranno sicuramente sbagli e chi non ne fa? o non ne ha fatti ?)

  • pierpaolo

    fra cinque/sei anni potremo sapere se abbiamo visto bene in proiezione futura oppure no.Forse potremo apprezzare anche qualche decisione diqualche sindaco che oggi pare del tutto sbagliata ed invece potrebbe aver permesso la ripartenza.
    chissà, vista la situazione attuale, mi auguro che il rinnovamento sia in grado di poter far rivivere le nostre aziende almeno dal punto di vista emozionale dando fiducia e speranza nelle azioni x il futuro.