Software libero per la Regione Emilia-Romagna

Non si tratta di soli risparmi economici, pari a 2 milioni di euro, ma di un passo nella direzione del software libero in coerenza con i passi già intrapresi dalla Regione

Computadora Bolivariana con LinuxNel giro di un anno tutti gli uffici della Regione Emilia-Romagna volteranno le spalle a Microsoft Office per abbracciare OpenOffice, la suite da ufficio simbolo del software libero. Una mossa che comporterà risparmi per 2 milioni di euro.

Una somma consistente, pari al rinnovo delle 3200 licenze software in scadenza il prossimo anno. Il passaggio comunque non sarà del tutto indolore: dipendenti e collaboratori andranno formati all’uso dei nuovi programmi. Per questo sono stati previsti 220mila euro, destinati anche alle procedure di gestione e installazione.

Si partirà con una fase pilota, che coinvolgerà per 3 mesi 300 dipendenti e collaboratori della Direzione generale Agricoltura. Poi, entro l’anno, tutte le postazioni di lavoro che fanno capo alla Giunta, alle agenzie e agli Istituti regionali saranno dotate del software libero a distribuzione gratuita.

Nei Pc regionali Writer prenderà il posto di Word, Calc di Excel mentre Impress sostituirà Powerpoint. Programmi, quelli della suite OpenOffice, dalle potenzialità spesso equivalenti a quelli a pagamento ma con un doppio vantaggio: non sono solo a licenza libera, ma pure Open source. Il loro codice, dunque, è aperto e questo permette alla comunità di lavorare in modo collettivo, ad esempio, alla risoluzione dei bug presenti.

Una comunità, quella di OpenOffice, rassicurata dal passaggio del pacchetto di programmi nelle mani di Apache foundation (la fondazione no-profit celebre per l’omonimo web server), una gestione che ha fatto venir meno nella comunità del software libero molti dei timori che avevano portato alla nascita di un progetto concorrente. Anche in questo caso, dunque, la scelta della Regione Emilia-Romagna appare ben ponderata e consapevole dell’importanza di una buona base di sviluppatori dietro ad un software open.

Il passaggio ai nuovi programmi agevolerà poi l’adozione di formati aperti e standard per il salvataggio e lo scambio di documenti, in linea con quanto previsto dalle norme regionali.

“Non si tratta dunque di soli risparmi economici – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – per quanto doverosi e importanti. Ma di un passo nella direzione del software libero, in piena coerenza con i passi già intrapresi da questa Regione. Prima infatti sono stati liberati i dati regionali, con l’open data, poi vengono abbracciati software open source e i relativi formati aperti per i dati”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Software libero per la Regione Emilia-Romagna

  • lupus

    e perché non Libre Office?

    • @lupus: certamente la Regione, scegliendo la strada del software libero, non avrebbe adottato OpenOffice se fosse rimasto nelle mani di Oracle.
      Come ho scritto nel post, il passaggio del progetto nelle mani di Apache foundation ha fatto venir meno i timori che avevano portato la maggior parte degli sviluppatori al fork in LibreOffice.
      Poi non conosco le valutazioni di dettaglio degli uffici regionali, ma ad oggi Openoffice, dai dati Sourceforge, è la più diffusa suite da ufficio open in ambito Windows.