Stop al carcere per chi fa informazione

JailCosa accomuna l’Italia a Corea del Nord, Vietnam, Laos e Burundi? Il carcere per i giornalisti. Una mostruosità giuridica per un paese non totalitario come il nostro, che il Parlamento prova a correggere invano da almeno 20 anni.

Questa settimana la Camera dei Deputati ha varato la riforma della legge sulla diffamazione, provvedimento che modifica parte della legge sulla Stampa, del Codice penale e del Codice di procedura penale. Ora il provvedimento passa all’esame del Senato. In passato però, più volte, il provvedimento di riforma si è arenato a un passo dalla meta nell’altro ramo del Parlamento.

“Per questo ho sottoscritto l’ordine del giorno del collega Beppe Pagani – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – per impegnare la Giunta ad adoperarsi in tutte le sedi opportune affinché la legislazione italiana si adegui al più presto all’ordinamento europeo, archiviando definitivamente il carcere per chi fa informazione”.

Mentre in Parlamento si discute di riforma della diffamazione, infatti, i giornalisti continuano a finire dietro le sbarre. A inizio mese un giornalista calabrese di 79 anni, condannato per diffamazione, è stato incarcerato, per essere rilasciato dopo qualche giorno per motivi di salute. Non è certamente il primo e non sarà certamente l’ultimo in assenza di riforma, considerato che per il reato di diffamazione a mezzo stampa sono oltre 1.600 i giornalisti condannati o in attesa dell’ultimo grado di giudizio o in attesa di processo.

La cosa appare tanto più paradossale in quanto, in questi stessi giorni, l’Italia è stata nuovamente ripresa, e condannata, dalla Corte europea per i diritti dell’uomo proprio sulla pena del carcere per chi diffama. La Corte di Strasburgo ha ribadito che il carcere per chi fa informazione è una pena ingiusta e sproporzionata rispetto all’infrazione, una pena che viola l’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Sulla stessa linea si è mosso il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa Nils Muiznieks, che ha invitato l’Italia ad adeguarsi con urgenza alla giurisprudenza della Corte di Strasburgo: “le leggi e le procedure italiane sono inadeguate a proteggere la libertà d’espressione” ha dichiarato all’agenzia Ansa.

Altri moniti all’Italia sono arrivati dall’Ocse di Vienna, con il Rappresentante per la libertà dei media dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, Dunja Mijatovic, che ha invitato il Parlamento italiano a procedere ad una piena depenalizzazione del reato.

Nel frattempo la “clava giudiziaria” del reato di diffamazione viene usata spesso in modo pretestuoso per tentare di condizionare i circa 115mila giornalisti italiani iscritti all’Ordine, la stampa di inchiesta, con azioni legali temerarie o minacce di denuncia. Strumenti di pressione indebita, permessi dalla legge, che possono bloccare a lungo chi pubblica notizie e inchieste sgradite.

Da tempo l’Ordine dei Giornalisti chiede di fermare la mostruosità del carcere per i giornalisti. Il Presidente nazionale dell’Ordine, Enzo Iacopino, non ha mai fatto mancare il proprio contributo propositivo nelle numerose audizioni alle commissioni Giustizia della Camera e del Senato. Lo schema proposto prevede: depenalizzazione del reato, riduzioni dei termini per le cause civili, “indennizzo” a chi ha subito la diffamazione con la pubblicazione della rettifica della notizia, sanzioni al reo da parte dell’Ordine professionale.

Il testo di riforma approvato dalla Camera dei deputati non è perfetto. Rispetto alle richieste Ocse, per esempio, non è stata prevista la depenalizzazione ma solo una decarcerizzazione. Altri punti, poi, lasciano perplessi gli addetti ai lavori, come l’obbligo di pubblicazione delle rettifiche senza commento, l’assenza di freni alle querele temerarie in sede civile (sulle quali, comunque, i deputati della maggioranza si sono impegnati a intervenire in altro provvedimento), la mancanza di tutela per i freelance.

Si tratta, ad ogni modo, di un passo avanti rispetto alla situazione attuale. Per questo l’Assemblea legislativa dovrebbe supportare l’iter di riforma, senza ulteriori indugi, aderendo alle richieste europee e di buon senso.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.