Federico Bracci candidato segretario comunale PD Cesena

bracciVoglio rompere il silenzio all’interno del dibattito congressuale riguardo all’elezione del segretario comunale del PD di Cesena, passata in secondo piano in queste settimane rispetto all’ambito territoriale.

Ho deciso di candidarmi e di mettermi in gioco e lo faccio partendo dalle mie esperienze di vita, dal bellissimo periodo come rappresentante di istituto al Liceo Scientifico A. Righi di Cesena a quella che mi vede da qualche anno nel consiglio del mio quartiere, ma soprattutto le tante esperienze personali fuori dall’ambito politico, cioè relazioni umane, rapporti, passioni.

Voglio che il mio partito, anche a livello locale, sia parte del cambiamento che presto coinvolgerà tutto il livello nazionale: sono convinto che questo è ciò che anche i nostri elettori presenti e futuri ci chiedono a gran voce.

Troppo spesso abbiamo avuto la presunzione che il mondo fuori dalle nostre stanze si dovesse adeguare agli schemi e alle logiche degli addetti ai lavori, non capendo invece che le nostre porte dovevano essere spalancate e che questo partito doveva essere preso in mano da persone che vivono quotidianamente le problematiche del nostro tempo. Persone libere, che vivono la politica come servizio piuttosto che come ufficio di collocamento.

Un PD fatto di persone che lo vedono strumento per cambiare il paese e fare qualcosa di buono per il nostro territorio.

Il vertiginoso calo di iscrizioni ci insegna che non ha dunque senso, nel 2013, nascondersi dietro al mito della tessera, parlando solo ed esclusivamente agli iscritti e militanti. Giocare in casa è rassicurante ma autoreferenziale: solo con l’apertura potremo allargare questo contenitore ad una platea di persone che altrimenti può sol che restringersi, valorizzando l’elettore e facendoci portatori delle sue istanze. Solo così il simpatizzante di oggi potrà diventare l’iscritto del domani.

Tutto questo non è altro che lo spirito originario con cui questo partito è nato sei anni fa e che deve assolutamente essere recuperato.

In questi anni troppi amici si sono allontanati, troppi elettori non ci considerano più. Se guardo, per esempio, al gruppo di amici con cui esco nei weekend mi rendo conto che ormai più nessuno di loro prende in considerazione l’idea di votare Partito Democratico: non a caso la stragrande maggioranza dei giovani oggi sceglie M5S.

Per questo credo che l’aggettivo “cool” utilizzato da Matteo Renzi, per quanto provocatorio, sia quello che più di tutti riassume come dovrebbe essere il PD del domani: attrattivo, appetibile, capace di coinvolgere sempre più persone e terribilmente ambizioso. Un PD finalmente vincente.

Per fare questo è indispensabile, esplorare le immense praterie che abbiamo oggi a disposizione, diventare finalmente un laboratorio di idee e contenuti, in cui comunicazione e condivisione (tramite social network per esempio), veicolano una visione inclusiva e dinamica.

Un Partito che riscopra il gusto dell’elaborazione politico programmatica per essere efficace stimolo dell’azione dell’amministrazione, convinto che il confronto serio, aperto e sinergico fra partito e istituzioni può innescare una sistema di collaborazione e crescita di cui il Cittadino è il principale beneficiario.

Un partito che ragioni in maniera aperta, e che proprio in virtù di questa sua struttura inclusiva sia a tutti gli effetti centro vero di elaborazione politica, un Pd dove si moltiplichino i momenti di confronto, anche duri ma sempre chiari e sinceri, a viso aperto.

Con questo spirito e con queste idee annuncio ufficialmente la mia candidatura alla segreteria comunale del Partito Democratico di Cesena.

 

Federico Bracci
23 anni
Studente giurisprudenza
Coordinatore comitati #MatteoRenziSegretario

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.