Treni regionali: “Basta soppressioni”

img_treno regionaleSul fronte dei treni regionali, croce senza delizia dei pendolari emiliani e romagnoli, la Regione ha già pensato ad una gara europea dell’intero servizio. Ma i tempi sono lunghi e, nel frattempo, i disservizi dell’attuale gestore (un consorzio tra Trenitalia e Fer) sono pesanti e continui.

“Secondo una nota di Federconsumatori Emilia-Romagna, nei primi otto mesi del 2013 sono stati soppressi oltre 7.500 treni regionali, quasi 1.000 ogni mese, con la cancellazione del 3,5 per cento dei treni previsti – rileva il consigliere regionale Damiano Zoffoli –. Per questo ho rivolto un’interrogazione alla Giunta chiedendo una valutazione di questi dati e, soprattutto, quali provvedimenti intenda attuare per evitare disfunzioni nel servizio ferroviario, in attesa dell’aggiudicazione della gara europea e dell’avvio della nuova gestione”.

Prima che il nuovo servizio regionale, post bando europeo, possa correre sui binari della regione dovranno passare altri due anni e mezzo. E il timore è che il gestore attuale, in regime di proroga da giugno 2011, possa prendere sottogamba questo lungo periodo di transizione, come i dati di Federconsumatori sembrano dimostrare.

Dai dati dell’associazione emerge come nel 40 per cento dei casi le soppressioni siano giustificate con la mancanza di personale e di treni per effettuare il servizio e che, in certi casi, siano addirittura programmate in anticipo.

I 153 milioni di euro messi sul piatto dalla Regione per il futuro servizio (15 anni di concessione, prorogabili fino a 22) lasciano ben sperare per il futuro. Il presente dei pendolari, però, è costellato di disagi e imprevisti.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Treni regionali: “Basta soppressioni”

  • risalire alle cause aiuta a capire

    Ciò che sta accadendo con le ferrovie è il risultato di una privatizzazione fatta senza testa: abbiamo ancora una volta privatizzato gli utili e socializzato le perdite. I così detti treni regionali sono la più grande scemenza del mondo poiché tutti i treni che attraversano la regione sono regionali, nel senso che attraversano la Regione. La cosa più assurda è che il servizio fa schifo, i carri bestiame odierni sono migliori, si è stipati come delle sogliole, costano tanto se oltretutto consideriamo che è altissimo il numero di viaggiatori (poco e spesso fa molto), mentre il servizio è pessimo. Ma ciò che è del tutto incomprensibile è la condizione di ricatto che le ferrovie sono in grado di esercitare sulle Regione, altrimenti tolgono il servizio o, più frequentemente, creano disservizi per alzare l posta in gioco. Tutto ciò grazie al fatto che quando è stata fatta la cosi detta privatizzazione, ben si è guardati da stabilire regole di servizio alle quali la nuova SpA doveva attenersi. Grazie politici per il bel lavoro che avete fatto, le cui conseguenze le pagano sempre i soliti!