La Regione sblocchi subito la cura per la fibrosi polmonare idiopatica

PillsUn buco nero, l’Emilia-Romagna, nella cura di una malattia rara, la Fibrosi polmonare idiopatica (Ipf). La denuncia è dell’Osservatorio malattie rare che ha fatto luce su di una situazione assurda: l’unico farmaco che funziona (il pirfenidone, disponibile in Italia dal luglio scorso) non può essere prescritto dai medici emiliani e romagnoli a causa di alcuni ritardi burocratici.

La segnalazione è stata raccolta dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli, che ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale: “Quali sono i motivi che ostacolano l’emanazione della delibera di inserimento nel prontuario farmaceutico regionale del pirfenidone? Serve un atto urgente e improrogabile, non solo per l’inserimento nel prontuario, ma anche per l’individuazione dei centri prescrittori, per rendere disponibile il prima possibile questa cura agli ammalati di Fibrosi polmonare idiopatica”.

Nel resto d’Italia il farmaco viene erogato dalle farmacie ospedaliere su prescrizione del medico specialista. Ovunque, isole comprese, ma non in Emilia-Romagna, nonostante la Commissione regionale del farmaco l’abbia già valutato nel settembre scorso.

La cura a base di pirfenidone, da assumere per via orale, permettere di rallentare la progressione della malattia, dando al paziente tempo prezioso in attesa di arrivare al trapianto. In assenza di cure la malattia progredisce fino a togliere il respiro, uccidendo il paziente.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.