Il cesenate si conferma il territorio più ‘renziano’ della regione

Matteo Renzi a CesenaIl cesenate si conferma il territorio più renziano di tutta l’Emilia-Romagna. Al termine delle convenzioni nei circoli Pd del circondario (consultazioni riservate ai soli tesserati del Partito democratico), Matteo Renzi trionfa in 26 circoli su 32 e pareggia in un altro (Borghi). Quattro circoli vanno invece a Gianni Cuperlo, mentre uno (Verghereto) a Giuseppe Civati.

In totale, Matteo Renzi ha raccolto 512 voti nel cesenate (56,39 per cento), contro i 275 di Cuperlo (30,29 per cento), i 103 di Civati (11,34 per cento) e i 18 di Gianni Pittella (1,98 per cento).

Un 56,39 per cento che pone la federazione Pd di Cesena al primo posto per preferenze a Matteo Renzi tra gli 11 coordinamenti territoriali del partito in Emilia-Romagna.

“Sono numeri importanti – spiega Federico Bracci, coordinatore dei comitati per Matteo Renzi del cesenate – che smentiscono chi pensa che il sindaco di Firenze non sia nelle corde degli iscritti al Pd. D’altronde, bastava girare per le feste democratiche della Regione, la scorsa estate, per rendersene conto: pensiamo solo al pienone di Borgo Sisa, per non allontanarci troppo da Cesena”.

“Matteo Renzi prevale nella scelta dei tesserati perché il nostro popolo è stufo di questo Pd, vuole un partito diverso per un’Italia diversa, un Pd chiamato a vincere per risolvere i problemi di questo Paese, senza inciuci o larghe intese. Ora la partita vera si gioca l’8 dicembre, quando si terranno le primarie aperte a tutti i simpatizzanti ed elettori. Un’occasione incredibile per dare un segnale di cambiamento netto. Si tratta dell’ultima chance di cambiamento non solo per il Pd ma per tutta la politica, per chi non si vuole rassegnare all’astensionismo dilagante o al populismo grillino”.

È possibile scaricare i RISULTATI delle convenzioni, in tutti i CIRCOLI del territorio cesenate, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Il cesenate si conferma il territorio più ‘renziano’ della regione

  • E’ comune a politici mediocri, “salire sul carro del vincitore”. Per onestà intellettuale, non avrei permesso, al sindaco Lucchi, bersaniano sfegatato, di essere il candidato “renziano” alle prossime elezioni. “Si viene per spingere e non per salire”. Per l’alternanza, la coerenza e la democrazia, era il vicesindaco Battistini (ex Margherita)a dover essere scelto. Se poi, per far contenti i radicalcomunisti, si sceglie solo per far numero senza valutare i “talenti”, non si è diversi dagli altri. Poi, a mio parere, Lucchi non ha le caratteristiche caratteriali politicamente parlando, perchè troppo permaloso. E’ del tipo, (o con me o contro di me).