Spese per il dialetto? Le ragioni di un impegno

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"In relazione a quanto apparso su agenzie di stampa e quotidiani, desidero precisare alcune cose.

La festa del dialetto romagnolo, così come i convegni sullo stesso tema organizzati in questi anni tra Bologna e Cesena, rientra tra i frutti della legge regionale n. 45 del 1994 recante “TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI DIALETTI DELL’EMILIA-ROMAGNA”.

Una legge rimasta a lungo lettera morta, così come inattuata era rimasta una convenzione del 2004 tra le province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini per la tutela e la valorizzazione del dialetto romagnolo.

Partendo da questi strumenti, già esistenti, assieme ad altri Consiglieri regionali abbiamo chiesto, ormai cinque anni fa (attraverso l’approvazione di un ordine del giorno in Aula), un impegno alla Giunta regionale sul fronte dell’attuazione della legge, per renderla finalmente in grado di camminare. Perché quando si parla di dialetti, si ha a che fare con delle vere e proprie lingue, fatte di cultura, tradizioni ed espressioni frutto dell’esperienza di intere generazioni. Potrà far sorridere qualcuno, ma il dialetto è cultura.

L’impegno su questo fronte, condiviso con il Gruppo assembleare del Partito democratico, ha permesso il rifinanziamento della legge (per il tramite dell’Ibacn, l’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali) e la messa in opera di iniziative di valorizzazione culturale sul territorio, per preservarne il patrimonio storico ed evitare il rischio di estinzione dei dialetti.

Tra l’altro, la suddetta legge, all’articolo 3 recita: “La Regione sostiene le attività rivolte alla tutela e alla valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna e del patrimonio letterario dialettale (narrativa, teatro, poesia, canto), tra cui rientrano studi e ricerche, iniziative scolastiche, manifestazioni e spettacoli”.

Per questo il Gruppo Pd si è fatto promotore, assieme ad altri soggetti, di questa manifestazione culturale (che aveva ottenuto il patrocinio del Comune di Cesena e della provincia di Forlì-Cesena), facendosi carico di una parte delle spese.

L’acquisto della pagina sul Corriere Cesenate, per promuovere la festa organizzata nel luglio 2010 a Roversano di Cesena, è costato 360 euro (300 euro più Iva): una spesa regolarmente autorizzata e certificata.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

6 comments to Spese per il dialetto? Le ragioni di un impegno

  • Fringui

    Non si può mettere sullo stesso piano il contributo destinato per promuovere un’iniziativa culturale utile e molto apprezzata, quale è la festa del dialetto, alle “spese pazze” di cui da diverse settimane emergono indiscrezioni.
    Purtroppo il comportamento di pochi (speriamo siano pochi ….) mettono in cattiva luce tutti, anche chi ha sempre utilizzato in modo corretto i fondi pubblici. Ecco perchè vanno prese le distanze da certi personaggi, incominciando a criticarli apertamente. In fondo, non c’è bisogno di attendere la fine delle indagini da parte della magistratura per sapere se (ad esempio) Monari abbia speso o meno cifre folli in alberghi, cene e limousine: basta andare a verificare le fatture che certo il gruppo consiliare avrà a disposizione.

  • Fiorenzo Barzanti

    Scusate se intervengo. Perché girare attorno al palo? Non è meglio dire le cose come stanno? Si è trattato di un piccolo finanziamento al periodico della Curia Vescovile di Cesena (con i soldi del gruppo del PD). Punto.
    A proposito, la Curia lo sa di chi erano i soldi?
    Che non pensi che fossero quelli del Consigliere.

    • Caro Barzanti,

      temo lei abbia del tutto frainteso la questione.

      Il fatto che l’editore del settimanale sia la diocesi di Cesena-Sarsina non c’entra nulla. Il Corriere Cesenate ha una tiratura tra le 7mila e le 10mila copie (a seconda delle edizioni) per la quasi totalità destinate ad abbonati paganti. Questo periodico raggiunge, dunque, un numero di lettori altissimo. Basti pensare che, da quanto mi hanno comunicato, ci sono stati dei giovedì (giorno in cui esce il giornale) nei quali il Corriere Cesenate ha superato la diffusione dei tre quotidiani locali (Carlino, Corriere Romagna e Voce) sommati assieme.

      Pubblicizzare un’iniziativa del Gruppo Pd Emilia-Romagna in quel giornale, dunque, rappresenta una formidabile opportunità di far conoscere la manifestazione in tutto il territorio cesenate.

      Saluti,
      Damiano Zoffoli

  • Laura

    Gent.mo,
    a che pro quindi l’abrogazione di cui parla il Carlino? Sarà sostituita da nuovo provvedimento o il dialetto è definitivamente sparito dalle priorità?
    http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/2014/01/05/1005636-emilia_romagna_elimina_dialetto.shtml
    Saluti
    Laura

    • Gentilissima Laura,
      la legge regionale recante “Tutela e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna” è effettivamente stata abrogata, ma le posso garantire che non c’è stata e non c’è alcuna volontà della Regione di “cancellare” l’esperienza di valorizzazione dei nostri dialetti, alla quale, come ha visto, ho cercato, in questi anni, di dare un mio piccolo contributo, organizzando, assieme ad associazioni culturali, studiosi della materia, artisti e tanti appassionati, momenti di approfondimento e manifestazioni conviviali, proprio per tenere vivi i nostri dialetti e, tramite essi, le nostre radici e la nostra storia.
      La legge è finita, assieme ad altre 66 e a 20 regolamenti, nell’elenco delle norme cancellate dalla sessione di semplificazione, a fine dicembre. La ratio, per tutte, è stata l’inapplicazione dovuta al mancato finanziamento.
      Del tema si è interessato anche l’Asssessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti, che, proprio oggi, anche su mia sollecitazione, ha inviato una nota alla stampa, che riporto qui di seguito.
      Voglio però, per una volta, provare a guardare il tutto in positivo: il mio auspicio è che da qualcosa di negativo (l’abrogazione della legge), possa venire fuori qualcosa di positivo (una maggiore attenzione della Regione, ma non solo, ai dialetti, con l’auspicio di trovare qualche alleato in più nella battaglia per la loro valorizzazione).
      Il ripensamento di tutto il “capitolo” cultura, a seguito della soppressione delle Province, come dice anche l’Assessore nel suo testo, penso possa essere l’occasione buona per provare a mettere in campo un ragionamento più complessivo sul tema, al quale sono disponibile a lavorare fin da subito, assieme a tutti coloro che hanno idee da proporre.
      Grazie per l’attenzione e buona serata,
      Damiano Zoffoli

      Da: Assessorato Cultura, Sport
      Inviato: martedì 7 gennaio 2014 16:16
      A: A.I.U.S.G. – Agenzia di Informazione e Comunicazione
      Oggetto: Comunicato Regione: Mezzetti: “Abrogata una legge non operativa, non la promozione del dialetto”

      Giunta Regionale – Agenzia di Informazione e Comunicazione
      Prot. N. 4/2014
      Data 07/01/2014

      All’attenzione dei Capi redattori

      Cultura. Dialetti, Mezzetti: “Abrogare una legge non significa eliminare l’importanza della valorizzazione dei dialetti come fattore di formazione culturale e identitaria delle comunità”
      Bologna – “Abbiamo cancellato una legge non operativa da tempo e non abbiamo toccato alcun effetto concreto nel promuovere il dialetto”. Così l’assessore regionale alla Cultura Massimo Mezzetti che precisa: “E’ lo strumento (la legge 45/94) che si è pensato di abrogare, in quanto non più operante e applicato, lungi da noi il solo pensare che con questo si elimini l’importanza della valorizzazione dei dialetti come fattore di formazione culturale e identitaria delle comunità e il fondamentale ruolo che istituti e associazioni svolgono in questa direzione”.
      L’assessore spiega: “Lo spirito dell’azione di semplificazione che la Regione porta avanti, anche attraverso l’abrogazione di leggi regionali, non deve essere confuso con la rinuncia o l’eliminazione degli obiettivi che le stesse si ponevano. Semmai il tema è quello, come detto, di sottrarre la materia alla ‘natura morta’ di una legge inoperante”.
      Nel dettaglio, della tutela dei dialetti si occupa in maniera diretta dal 1995 l’Ibc (con finanziamenti regionali nel 2009 e 2010 di complessivi 100 mila euro) e “l’abrogazione della legge non comporta effetti sul lavoro dell’istituto”, conclude Mezzetti. “Da parte sua, la Regione ha avviato un percorso di riforma normativa sulla cultura – alla luce della riprogettazione delle competenze regionali in riferimento al nuovo assetto delle amministrazioni provinciali – che comprenderà, naturalmente, anche i dialetti”.

  • Barzanti Fiorenzo

    Al consigliere Damiano Zoffoli
    ritorno sull’argomento ( in qualità di suo elettore) sul finanziamento del settimanale della Diocesi di Cesena.
    La sua risposta purtroppo non risponde al mio quesito. La prego inoltre di verificare i numeri della diffusione del periodico ( non mi tornano nel modo più assoluto, verifichi le fonti). In particolare:
    – chi ha scelto il periodico della Curia piuttosto che i tre quotidiani di Cesena ( che sarebbero stati un veicolo naturale)? Immagino lei. Questo si chiama finanziamento ( nella lingua italiana). Non è un peccato ma perché nasconderlo?
    – La invito inoltre a pubblicare ( mi scuso se lo faccio per la terza volta) l’elenco delle spese da lei sostenute e rimborsate dalla Regione. Questa è la vera trasparenza ( non il cedolino paga). Dal momento che lei ( come tutti i consiglieri ) le ha riepilogate per farsele rimborsare, metterle in linea è un problema di due ore.
    Per ogni spesa metta alcuni semplici elementi : la data, l’importo, il benificiario, la motivazione .
    Mi interessa molto l’etica politica degli eletti da me votati. Chiedendole questo non faccio altro che ripetere quello che dice ogni giorno il nuovo segretario del PD.
    Sono certo che non ci sia alcuna spesa al di fuori di quelle ammesse ma la pubblicazione è un diritto dei cittadini.
    Pensi che i quotidiani ( Corriere della Sera e Repubblica hanno diffuso la voce che alcuni consiglieri si fanno rimborsare la colazione con la motivazione ” colazione con simpatizzante”, se supera i 5 euro la motivazione diventa : ” aperitivo con simpatizzante”, sicuramente lei non fa parte di questi)
    Grazie per l’attenzione

    Fiorenzo Barzanti