Una legge per prendersi cura di chi si prende cura

Helping Grandmother WalkSi prendono cura dei malati gravi, loro familiari, senza risparmiare energie, sonno, forze. Sono l’aiuto più concreto e fidato di cui possono disporre i malati non autosufficienti. Eppure a loro, costantemente in prima linea sul fronte dell’assistenza, chi pensa?

In Regione Emilia-Romagna il Pd ha presentato un progetto di legge (proponente e prima firmataria Paola Marani) per riconoscere e sostenere il caregiver familiare. Che si tratti di un membro della famiglia, di un convivente o di un amico, viene definito caregiver colui che offre la sua opera gratuitamente, in modo disinteressato, a sostegno di una persona cara non autosufficiente o comunque non in grado di prendersi cura di sé.

“La Regione Emilia-Romagna – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i sostenitori della proposta di legge – è da sempre molto attenta sul fronte della non autosufficienza. Basti solo pensare all’impegno economico di finanziamento del fondo regionale omonimo, unico sostegno per tanti nel lungo periodo in cui lo Stato azzerò il budget del fondo nazionale per l’autosufficienza. Un impegno sul fronte dei caregiver è dunque naturale, dato che nella nostra regione, come emerge da alcune indagini, opererebbe un totale di 289mila caregiver, mentre più della metà degli over 65 disabili riceverebbe aiuto dai propri familiari. Questa legge vuole prendersi cura di chi, ogni giorno, si prende cura degli altri”.

Il progetto di legge regionale vuole “riconoscere e promuovere la figura del caregiver nell’ambito delle politiche del welfare”, in un’ottica di responsabilizzazione diffusa e di sviluppo di comunità. Per fare questo, la legge mira a definire “servizi e di azioni di supporto”, integrando al meglio la loro attività nel sistema regionale degli interventi sociali e sanitari.

Si parte da un dato di fatto semplice ma non scontato: quasi sempre ci si trova ad assistere una persona non autosufficiente, a volte per lunghissimi periodi di tempo, per caso. Un impegno molto gravoso, dal punto di vista fisico e psicologico, al quale non si è quasi mai preparati. La proposta di legge dunque vuole rendere partecipi i caregiver familiari delle scelte assistenziali effettuate dai servizi socio-sanitari, dare un’adeguata informazione e formazione, fornire concreto supporto nelle attività di assistenza, così da garantire tempo per sé e per la propria vita di relazione.

Comuni e Aziende sanitarie saranno i soggetti direttamente impegnati per conseguire questi obiettivi. Alla Regione (art. 7 del pdl) si chiede di sensibilizzare le comunità locali sul valore sociale del caregiver familiare, fra l’altro attraverso l’istituzione del Caregiver Day, da celebrarsi ogni anno l’ultimo sabato di maggio.

Sempre la Regione dovrebbe documentare e raccogliere i materiali e le esperienze provenienti dai territori la fine di diffondere le buone pratiche, e facilitare l’associazionismo dei caregiver familiari, per incentivarne il contributo nella programmazione dei Piani di Zona distrettuali per la salute e il benessere sociale.

“Coinvolgendo i familiari caregiver nel nostro sistema di servizi socio-sanitari – aggiunge Zoffolipotremo plasmare in modo più rispondente alla realtà il nostro sistema di assistenza. Resteranno dei volontari in tutto e per tutto, ma saranno ascoltati, formati, valorizzati”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.