Il mercato elettronico: un’opportunità per le Pmi

labyrinthine circuit board linesSpese più contenute per le amministrazioni pubbliche, nuove opportunità per le imprese. E’ quello che promette il bando di abilitazione al mercato elettronico, rivolto a tutte le imprese interessate a diventare fornitrici della Pubblica amministrazione.

Un obbligo previsto dalla legge (il decreto 52/2012 sulla spending review, infatti, impone alla Pa di servirsi del mercato elettronico, nazionale o regionale, per tutti gli acquisti di beni e servizi al di sotto della soglia comunitaria di 200 mila euro) diventa così un’opportunità per il tessuto economico.

Le singole amministrazioni potranno organizzare online i propri approvvigionamenti tra pochi giorni, a partire dai primi di dicembre, per mezzo del mercato elettronico regionale Intercent-Er o sulla centrale nazionale (Consip). Sulla piattaforma online potranno sottoporre ai fornitori abilitati le richieste di offerta per tutte le categorie di beni e servizi (tranne farmaci, energia elettrica, gas, carburanti, combustibili per riscaldamento, servizi di telefonia fissa e mobile).

Per diventare fornitore, una qualsiasi azienda (senza limiti di dimensione o ubicazione) può presentare domanda di abilitazione direttamente online sulla piattaforma di Intercent-Er.

Alle imprese sono richiesti, oltre al possesso di Pec (posta elettronica certificata) e firma digitale, alcuni requisiti amministrativi (come l’iscrizione al registro delle imprese e la regolarità degli adempimenti contributivi), oltre alla sottoscrizione di un “Patto di integrità” con cui i contraenti si impegnano a rispettare principi di lealtà, trasparenza e correttezza.

Per i fornitori sarà possibile richiedere l’abilitazione per una o più categorie e segnalare la titolarità di certificazione di carattere ambientale e sociale.

Il bando regionale non ha scadenza: le aziende potranno abilitarsi in qualsiasi momento.

“Non si tratta solo di un ampliamento dei servizi di Intercent-Er – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – bensì di un’opportunità per le aziende del territorio, in special modo le Pmi, e di uno stimolo alla concorrenza”.

Tra i benefici si possono annoverare acquisti più trasparenti, più veloci, senza scambi di carta e con una riduzione dei costi e dei tempi di vendita.

Per informazioni sul bando e sulle modalità di abilitazione è disponibile il numero verde 800-998292. Le richieste di chiarimenti potranno essere inviate esclusivamente via Pec a: intercenter@postacert.regione.emilia-romagna.it

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Il mercato elettronico: un’opportunità per le Pmi

  • Massimo Lodovici

    Caro Damiano
    ti consiglio, prima di avventurarti in commenti entusiastici su un sistema che evidentemente non conosci di chiedere ai tuoi ex colleghi amministratori o funzionari di enti locali.
    Il MEPA è un sistema demenziale che aumenta a dismisura i passaggi burocratici (altro che tagli alla burocrazia!), che fa perdere un’infinità di tempo (che potrebbe essere più proficuamente impegnato a erogare servizi ai cittadini o per lavori molto più produttivi) agli impiegati pubblici e alle imprese, sottoponendo entrambi a uno snervante e frustrante percorso a ostacoli informatico, che fa lievitare i costi dei servizi e degli acquisti e che fa incazzare tutti ma proprio tutti (salvo forse chi l’ha creato e chi ci guadagna qualcosa, magari fungendo da consulente alle imprese stesse).
    Se il PD vuole ridurre veramente la burocrazia, posso inviarti un file in cui sono elencati tutti i passaggi previsti dalla normativa e dalle varie direttive del ministro (bocconiano e non) di turno, per farti rendere conto della giungla a cui sono quotidianamente sottoposte le imprese (e le piccole ancora di più) e che rendono odiosa agli occhi dei cittadini la pubblica amministrazione.
    Abbiamo un reticolo di controlli formali (i polverosi faldoni cartacei sono stati moltiplicati e solo trasferiti on line con crescenti complicazioni anziché semplificazioni) in un paese in cui sono del tutto assenti i controlli sostanziali.

    Massimo Lodovici

  • Massimo Lodovici

    Cosa vuol dire “Il tuo commento è in attesa di essere moderato”?

    • Gentile Massimo,
      buondì.

      Il sito è “moderato” nel senso che è il webmaster che, solitamente nel giro di qualche ora, sblocca i commenti (dopo aver verificato che non si tratti di messaggi di spam o che i testi non contengano lessico non adatto al contesto).
      I commenti che hai scritto ieri, sono stati sbloccati in mattinata.
      Ma questa verifica avviene solo per la prima volta: d’ora in poi potrai commentare senza che ci sia neanche bisogno dello sblocco (il sistema riconosce automaticamente il tuo indirizzo mail, trovandolo nel gruppo di quelli che hanno già commentato in questo sito, e valuta superflua la “verifica” che descrivevo sopra).

      La nostra intenzione di semplificare e sburocratizzare è reale (e qualche passo in questo senso, pur tra mille difficoltà, penso di poter dire che lo stiamo facendo, come puoi vedere anche in alcuni post qui sul mio sito: http://www.damianozoffoli.com/?s=semplificazione): leggerò volentieri il file di cui mi dicevi.

      Grazie per la collaborazione.
      Damiano Zoffoli